Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro della Genesi 37,3-4.12-13.17-28

Israele amava Giuseppe più di tutti i suoi figli, perché era il figlio avuto in vecchiaia, e gli aveva fatto una tunica con maniche lunghe. I suoi fratelli, vedendo che il loro padre amava lui più di tutti i suoi figli, lo odiavano e non riuscivano a parlargli amichevolmente.
I suoi fratelli erano andati a pascolare il gregge del loro padre a Sichem. Israele disse a Giuseppe: "Sai che i tuoi fratelli sono al pascolo a Sichem? Vieni, ti voglio mandare da loro". Gli rispose: "Eccomi!". Quell'uomo disse: "Hanno tolto le tende di qui; li ho sentiti dire: "Andiamo a Dotan!"". Allora Giuseppe ripartì in cerca dei suoi fratelli e li trovò a Dotan.
Essi lo videro da lontano e, prima che giungesse vicino a loro, complottarono contro di lui per farlo morire. Si dissero l'un l'altro: "Eccolo! È arrivato il signore dei sogni! Orsù, uccidiamolo e gettiamolo in una cisterna! Poi diremo: "Una bestia feroce l'ha divorato!". Così vedremo che ne sarà dei suoi sogni!". Ma Ruben sentì e, volendo salvarlo dalle loro mani, disse: "Non togliamogli la vita". Poi disse loro: "Non spargete il sangue, gettatelo in questa cisterna che è nel deserto, ma non colpitelo con la vostra mano": egli intendeva salvarlo dalle loro mani e ricondurlo a suo padre. Quando Giuseppe fu arrivato presso i suoi fratelli, essi lo spogliarono della sua tunica, quella tunica con le maniche lunghe che egli indossava, lo afferrarono e lo gettarono nella cisterna: era una cisterna vuota, senz'acqua.
Poi sedettero per prendere cibo. Quand'ecco, alzando gli occhi, videro arrivare una carovana di Ismaeliti provenienti da Gàlaad, con i cammelli carichi di resina, balsamo e làudano, che andavano a portare in Egitto. Allora Giuda disse ai fratelli: "Che guadagno c'è a uccidere il nostro fratello e a coprire il suo sangue? Su, vendiamolo agli Ismaeliti e la nostra mano non sia contro di lui, perché è nostro fratello e nostra carne". I suoi fratelli gli diedero ascolto. Passarono alcuni mercanti madianiti; essi tirarono su ed estrassero Giuseppe dalla cisterna e per venti sicli d'argento vendettero Giuseppe agli Ismaeliti. Così Giuseppe fu condotto in Egitto.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Questa pagina del libro della Genesi racconta la vicenda di Giuseppe, figlio di Giacobbe e della moglie prediletta Rachele, allorché i fratelli, presi dall'invidia del suo ruolo nella famiglia e dei suoi sogni, cercano di toglierlo di mezzo. È una storia emblematica che ci porta a intravedere in lui - uomo giusto condannato per invidia - la figura di Gesù che tra qualche settimana vedremo venduto e condannato ingiustamente per l'invidia dei sacerdoti, degli scribi e dei farisei con la complicità dei romani e degli abitanti di Gerusalemme. Ruben, il fratello maggiore di Giuseppe, convince i fratelli a non ucciderlo ma a venderlo a dei mercanti che stavano passando in quel momento. Costoro, dopo averlo comprato, lo conducono nel paese d'Egitto ove però Giuseppe, mostrando notevoli capacità gestionali, raggiunge i vertici più alti della società egiziana sino a diventare uno tra i più stretti collaboratori del faraone. Sappiamo che Giuseppe non si vendicherà con i fratelli. Anzi, nel momento drammatico della carestia diverrà il salvatore loro e del padre, non senza però aver prima ritessuto quel rapporto di fraternità che i fratelli avevano lacerato. È una vicenda, questa di Giuseppe, che ci aiuta a comprendere quella di Gesù che ci salva dal peccato e dalla morte. Cristo inizia a salvarci sottraendoci alla solitudine, creando una nuova fraternità, una nuova rete di relazioni e rapporti basati non sul sangue ma sullo spirito dell'amore che lui stesso ci dona. E ci rende così partecipi della sua visione, del suo grande sogno, quello di fare di tutti i popoli della terra una grande famiglia che ha Dio come Padre e lui come primogenito di noi tutti.


26/02/2016
Preghiera della Santa Croce


Calendario della settimana
FEB
19
domenica 19 febbraio
Liturgia della domenica
FEB
20
lunedì 20 febbraio
Preghiera per la pace
FEB
21
martedì 21 febbraio
Preghiera con Maria, madre del Signore
FEB
22
mercoledì 22 febbraio
Preghiera degli Apostoli
FEB
23
giovedì 23 febbraio
Preghiera per la Chiesa
FEB
24
venerdì 24 febbraio
Preghiera della Santa Croce
FEB
25
sabato 25 febbraio
Vigilia del giorno del Signore
FEB
26
domenica 26 febbraio
Liturgia della domenica