Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro degli Atti 8,26-40

Un angelo del Signore parlò a Filippo e disse: "Àlzati e va' verso il mezzogiorno, sulla strada che scende da Gerusalemme a Gaza; essa è deserta". Egli si alzò e si mise in cammino, quand'ecco un Etìope, eunuco, funzionario di Candace, regina di Etiopia, amministratore di tutti i suoi tesori, che era venuto per il culto a Gerusalemme, stava ritornando, seduto sul suo carro, e leggeva il profeta Isaia. Disse allora lo Spirito a Filippo: "Va' avanti e accòstati a quel carro". Filippo corse innanzi e, udito che leggeva il profeta Isaia, gli disse: "Capisci quello che stai leggendo?". Egli rispose: "E come potrei capire, se nessuno mi guida?". E invitò Filippo a salire e a sedere accanto a lui. Il passo della Scrittura che stava leggendo era questo:

Come una pecora egli fu condotto al macello
e come un agnello senza voce innanzi a chi lo tosa,
così egli non apre la sua bocca.
Nella sua umiliazione il giudizio gli è stato negato,
la sua discendenza chi potrà descriverla?
Poiché è stata recisa dalla terra la sua vita.

Rivolgendosi a Filippo, l'eunuco disse: "Ti prego, di quale persona il profeta dice questo? Di se stesso o di qualcun altro?". Filippo, prendendo la parola e partendo da quel passo della Scrittura, annunciò a lui Gesù. Proseguendo lungo la strada, giunsero dove c'era dell'acqua e l'eunuco disse: "Ecco, qui c'è dell'acqua; che cosa impedisce che io sia battezzato?".   Fece fermare il carro e scesero tutti e due nell'acqua, Filippo e l'eunuco, ed egli lo battezzò. Quando risalirono dall'acqua, lo Spirito del Signore rapì Filippo e l'eunuco non lo vide più; e, pieno di gioia, proseguiva la sua strada. Filippo invece si trovò ad Azoto ed evangelizzava tutte le città che attraversava, finché giunse a Cesarèa.


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Sulla via di Gaza, verso il sud, terra oggi abitata dai palestinesi, c'è un pellegrino che da Gerusalemme torna verso l'Etiopia. Costui, uomo di fiducia di Candace, la regina d'Etiopia, se ne sta sul suo carro leggendo Isaia. Filippo - che abbiamo già incontrato nella lettura di ieri -, guidato dallo Spirito Santo, gli si avvicina e gli chiede se comprende ciò che sta leggendo. L'etiope risponde con sincerità: "Come lo potrei se nessuno mi istruisce?". È una risposta su cui porre la nostra attenzione, perché indica qual è la via ordinaria per giungere alla fede. Nessuno può darsi la fede da se stesso, e nessuno può comprendere le Sante Scritture senza l'aiuto della comunità, senza stare, come diceva sant'Agostino, sulle ginocchia della santa madre Chiesa. L'etiope, desideroso di comprendere ciò che stava leggendo, invita Filippo a sedersi al suo fianco perché gli "spalanchi" la mente e lo aiuti nella comprensione del testo. Qualcosa di analogo avvenne ai due di Emmaus: anch'essi, mentre se ne tornavano intristiti nel loro villaggio, ebbero bisogno dell'aiuto di uno straniero per capire le Scritture. Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci stia accanto e che ci faccia comprendere il Vangelo. Sì, ognuno di noi deve prendere sul carro della propria vita qualcuno che lo accompagni, che lo aiuti nella comprensione delle Scritture, ossia come la Parola di Dio si applica alla sua vita di ogni giorno. Nessuno di noi è autosufficiente nella fede. L'etiope accettò l'aiuto di Filippo e lo ascoltò lungo tutto il viaggio. Ad un certo momento, l'etiope fece fermare il carro e chiese il battesimo. Aveva compreso il brano che leggeva, ma non in maniera astratta. La comprensione fu profonda, ossia che il profeta parlava anche per lui. Per questo volle essere "battezzato", perché quel che era scritto si realizzasse anche per lui. Se sappiamo fermare il carro della nostra vita e ci facciamo aiutare ad "entrare" nelle pagine evangeliche, sentiremo anche noi la forza per riprendere con maggior vigore e con maggior chiarezza il nostro cammino. Per questo dobbiamo lasciarci guidare ogni giorno dalla Parola di Dio.


14/04/2016
Preghiera per la Chiesa


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica