Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Il popolo zingaro, anche quello di fede musulmana, festeggia san Giorgio che morì martire per liberare la Chiesa.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro degli Atti 18,9-18

Una notte, in visione, il Signore disse a Paolo: "Non aver paura; continua a parlare e non tacere, perché io sono con te e nessuno cercherà di farti del male: in questa città io ho un popolo numeroso". Così Paolo si fermò un anno e mezzo, e insegnava fra loro la parola di Dio.
Mentre Gallione era proconsole dell'Acaia, i Giudei insorsero unanimi contro Paolo e lo condussero davanti al tribunale dicendo: "Costui persuade la gente a rendere culto a Dio in modo contrario alla Legge". Paolo stava per rispondere, ma Gallione disse ai Giudei: "Se si trattasse di un delitto o di un misfatto, io vi ascolterei, o Giudei, come è giusto. Ma se sono questioni di parole o di nomi o della vostra Legge, vedetevela voi: io non voglio essere giudice di queste faccende". E li fece cacciare dal tribunale. Allora tutti afferrarono Sòstene, capo della sinagoga, e lo percossero davanti al tribunale, ma Gallione non si curava affatto di questo.
Paolo si trattenne ancora diversi giorni, poi prese congedo dai fratelli e s'imbarcò diretto in Siria, in compagnia di Priscilla e Aquila. A Cencre si era rasato il capo a causa di un voto che aveva fatto.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo, dopo aver lasciato Atene, arriva a Corinto, una città cosmopolita e importante centro commerciale. Venne accolto a casa di Aquila e Priscilla guadagnandosi il pane facendo le tende. Si dedicò però ad una intensa attività di predicazione presso gli ebrei. Ricevuti da questi non pochi insulti e ostilità decise di rivolgersi ai pagani. Cambiò casa e i frutti di quella rinnovata predicazione non mancarono a mostrarsi. Anche alcuni ebrei, come il capo della sinagoga locale, divennero cristiani. La comunità di Corinto crebbe di numero, ma anche di problemi. Dalle due Lettere di Paolo conosciamo la vivacità della comunità cristiana di Corinto. Non mancavano momenti di grave tensione sino al pericolo di mettere in forse la stessa unità della comunità. Paolo, probabilmente, più volte fu preso da scoraggiamento e paura. Lo sappiamo dalla narrazione di un colloquio notturno che ebbe con il Signore. Ad certo momento il Signore gli disse: "Non aver paura, ma parla, senza mai tacere. Io sono con te. E nessuno cercherà di farti del male: in questa città io ho un popolo numeroso". Luca aggiunge immediatamente che Paolo decise di fermarsi ancora un anno e mezzo a Corinto per predicarvi il Vangelo. L'apostolo aveva compreso che solo il Signore era la roccia su cui fondare un'azione pastorale efficace e robusta. Era il Signore il vero protagonista della vita della comunità cristiana. Il Signore stesso rivela a Paolo: "in questa città ho un grande popolo". In questa affermazione non c'è solo l'urgenza della predicazione ma anche una indicazione per la predicazione del Vangelo nella città. Perché è nelle città che il Signore vuole che cresca il suo popolo. È in questi luoghi così importanti per la vita della gente che il Signore vuole suscitare un popolo per renderle più umane e più solidali. Era la sfida per Paolo, ma è anche la sfida per i cristiani di oggi: come comunicare il Vangelo nelle grandi metropoli contemporanee? Dobbiamo ricordarci bene il sogno di Dio, quello di suscitare nelle città un popolo che possa testimoniare a tutti il primato di Dio e dell'amore. C'è bisogno di una nuova creatività. Certo non mancheranno le opposizioni, come a Paolo che fu condotto davanti al proconsole romano per essere giudicato. Ma il Signore protegge e accompagna i suoi figli, anche oggi.


06/05/2016
Preghiera della Santa Croce


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica