Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di san Nil, staretz russo, (+1508). Fu padre di monaci ai quali insegnò il grande amore del Signore per gli uomini, esortandoli a chiedere a Dio lo stesso sentimento (in greco macrotimia). Ricordo della preghiera per i nuovi martiri del Novecento presieduta da Giovanni Paolo II al Colosseo a Roma assieme ai rappresentanti delle Chiese cristiane.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro degli Atti 18,23-28

Trascorso là un po' di tempo, partì: percorreva di seguito la regione della Galazia e la Frìgia, confermando tutti i discepoli.
Arrivò a Èfeso un Giudeo, di nome Apollo, nativo di Alessandria, uomo colto, esperto nelle Scritture. Questi era stato istruito nella via del Signore e, con animo ispirato, parlava e insegnava con accuratezza ciò che si riferiva a Gesù, sebbene conoscesse soltanto il battesimo di Giovanni. Egli cominciò a parlare con franchezza nella sinagoga. Priscilla e Aquila lo ascoltarono, poi lo presero con sé e gli esposero con maggiore accuratezza la via di Dio. Poiché egli desiderava passare in Acaia, i fratelli lo incoraggiarono e scrissero ai discepoli di fargli buona accoglienza. Giunto là, fu molto utile a quelli che, per opera della grazia, erano divenuti credenti. Confutava infatti vigorosamente i Giudei, dimostrando pubblicamente attraverso le Scritture che Gesù è il Cristo.


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

È l'unica volta che negli Atti si cita Apollo. Paolo ne parla nella prima Lettera ai Corinzi scritta ad Efeso durante il suo terzo viaggio e quindi dopo l'attività di Apollo fra i cristiani di Corinto. Il giudizio che Paolo dà nella Lettera è sulla linea di quanto si afferma in questo passaggio degli Atti: Apollo è "un uomo eloquente e versato nelle Scritture" e la sua azione apostolica è "accompagnata dalla grazia". Tuttavia, sappiamo anche che Apollo fu motivo di preoccupazione per l'Apostolo a motivo delle due fazioni che si erano create tra i cristiani di Corinto, delle quali l'una parteggiava per Paolo e l'altra per Apollo. L'apostolo, preoccupato della lacerazione che poteva portare nella comunità cristiana tale polarizzazione, interviene con decisone perché non si accentuasse la divisione. Scrive ai Corinzi: "Chi è mai Apollo? Cosa è Paolo? Ministri attraverso i quali siete venuti alla fede e ciascuno secondo che il Signore gli ha concesso. Io ho piantato, Apollo ha irrigato, ma è Dio che ha fatto crescere" (1 Cor 3,5). E poi aggiunge: "Queste cose, fratelli, le ho applicate a modo di esempio a me e ad Apollo per vostro profitto perché impariate dalle nostre persone a stare a ciò che è scritto e non vi gonfiate d'orgoglio a favore di uno contro l'altro" (1 Cor 4,6). È importante cogliere la passione di Paolo per l'unità della comunità cristiana. Egli, nella Lettera, elogia anche la predicazione di Apollo, ma avverte i cristiani che la superbia, ch'è sempre in agguato nel cuore dei credenti, diviene un veleno che divide la comunità e giunge a distruggerla. È significativa l'azione di Priscilla e Aquila che accolgono Apollo nella loro casa e lo aiutano a comprendere ancor più il messaggio evangelico. È necessario partecipare alla vita della comunità per poter comprendere la verità profonda del Vangelo. Non basta la semplice dottrina o l'abilità dialettica. Luca, in questo passaggio, nomina Priscilla prima di Aquila forse per sottolineare l'azione pastorale che le donne svolgevano nelle comunità paoline. È una indicazione preziosa anche per le comunità cristiane di oggi.


07/05/2016
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica