Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria dei primi martiri della Chiesa di Roma durante la persecuzione di Nerone.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del profeta Amos 7,10-17

Amasia, sacerdote di Betel, mandò a dire a Geroboamo, re d'Israele: "Amos congiura contro di te, in mezzo alla casa d'Israele; il paese non può sopportare le sue parole, poiché così dice Amos: "Di spada morirà Geroboamo, e Israele sarà condotto in esilio lontano dalla sua terra"". Amasia disse ad Amos: "Vattene, veggente, ritirati nella terra di Giuda; là mangerai il tuo pane e là potrai profetizzare, ma a Betel non profetizzare più, perché questo è il santuario del re ed è il tempio del regno". Amos rispose ad Amasia e disse:

"Non ero profeta né figlio di profeta;
ero un mandriano e coltivavo piante di sicomòro.
Il Signore mi prese,
mi chiamò mentre seguivo il gregge.
Il Signore mi disse:
Va', profetizza al mio popolo Israele.

Ora ascolta la parola del Signore: Tu dici: "Non profetizzare contro Israele, non parlare contro la casa d'Isacco". Ebbene, dice il Signore: "Tua moglie diventerà una prostituta nella città, i tuoi figli e le tue figlie cadranno di spada, la tua terra sarà divisa con la corda in più proprietà; tu morirai in terra impura e Israele sarà deportato in esilio lontano dalla sua terra"".


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questa pagina riporta la conversazione tra il sacerdote Amasia e il profeta. Ma non si incontrano per discutere progetti propri o rispettive strategie. Ambedue riportano la parola di un altro più grande di loro. Amasia riporta la parola del re e Osea quella di Dio. Sono davanti in verità due prospettive, l'una puramente umana, in questo caso anche politica, e l'altra pienamente religiosa ma non slegata al progetto di storia della salvezza guidato da Dio stesso. C'è, insomma, una dimensione sociale che fa da sfondo a questa pagina di Amos che si inscrive, peraltro, nel contesto delle "visioni" del profeta. La parola profetica non è per la realizzazione personale del profeta ma per realizzare la "visone" di Dio, per mettere in atto il disegno di Dio sul mondo. La parola profetica - come abbiamo già visto - è per sua natura destinata al cambiamento della storia, a partire da quella personale. Essa mette in discussione la vita stessa di coloro che sono chiamati a servirla, anche a costo di subire opposizioni violente. Come sta accadendo in questo caso ad Amos: Amasia lo espelle dal Tempio che non è più santuario di Dio perché è stato trasformato in santuario del re. L'orgoglio e il potere portano ad una esaltazione di se stessi che spinge a piegare al proprio narcisismo persino il luogo di Dio. Ogni volta che prevalgono il proprio egocentrismo, i propri interessi, le proprie voglie, anche le cose più sante vengono profanate. È quel che è accaduto a Geroboamo, ma è anche quel che accadrà nel Tempio di Gerusalemme quando divenne simile a un luogo di mercato più che a una casa di preghiera e che provocò la violenta reazione di Gesù. La Parola di Dio non si lascia però imbrigliare dalle maglie dell'egocentrismo. Amos, che si è lasciato afferrare dal Signore, annuncia senza timore la Parola di Dio anche con le conseguenti denunce delle ingiustizie e delle prevaricazioni. Egli non fa parte di nessuna casta, né rivendica un posto speciale che lo distingua dagli altri. Ma è stato chiamato, afferrato, da Dio mentre stava custodendo il suo gregge, mentre stava facendo il suo lavoro ordinario, per essere destinato a partecipare al disegno di Dio sul mondo. Il profeta, che si è lasciato afferrare da questa chiamata, trova in essa tutta la sua forza. Nella tradizione cristiana la dimensione profetica, quindi dell'annuncio del Vangelo e della denuncia delle ingiustizie, è un compito che il Signore affida alla comunità come anche ad ogni discepolo: siamo un popolo sacerdotale, regale e profetico.


30/06/2016
Preghiera per la Chiesa


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica