Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del profeta Geremia 31,1-7

In quel tempo - oracolo del Signore -
io sarò Dio per tutte le famiglie d'Israele
ed esse saranno il mio popolo.
Così dice il Signore:
Ha trovato grazia nel deserto
un popolo scampato alla spada;
Israele si avvia a una dimora di pace".
Da lontano mi è apparso il Signore:
"Ti ho amato di amore eterno,
per questo continuo a esserti fedele.
Ti edificherò di nuovo e tu sarai riedificata,
vergine d'Israele.
Di nuovo prenderai i tuoi tamburelli
e avanzerai danzando tra gente in festa.
Di nuovo pianterai vigne sulle colline di Samaria;
dopo aver piantato, i piantatori raccoglieranno.
Verrà il giorno in cui le sentinelle grideranno
sulla montagna di Èfraim:
"Su, saliamo a Sion,
andiamo dal Signore, nostro Dio".
Poiché dice il Signore:
Innalzate canti di gioia per Giacobbe,
esultate per la prima delle nazioni,
fate udire la vostra lode e dite:
"Il Signore ha salvato il suo popolo,
il resto d'Israele".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il linguaggio dell'amore è quello più adatto per esprimere il rapporto del Signore col suo popolo: "Ti ho amato di amore eterno, per questo continuo a esserti fedele. Ti edificherò di nuovo e tu sarai riedificata, vergine di Israele". L'amore di Dio per Israele è "eterno", duraturo. Resta qualunque cosa accada. L'inizio possiamo metterlo nell'Esodo, quando Dio, dopo aver liberato il suo popolo dalla schiavitù dell'Egitto, rese salda l'alleanza tra lui e il suo popolo nel deserto. Sì, il deserto fu testimone dell'affetto con cui Dio, lo sposo, aveva cura della sua sposa. Lì Israele imparò ad amare il Signore, e il Signore sigillò col suo popolo un patto di fedeltà, che riposava su un "amore eterno" (v. 3). Pure il profeta Osea riprende l'immagine sponsale e si riferisce a Dio come Colui che desidera ripristinare l'amore degli inizi con Israele e sceglie il posto dove questo amore scaturì: "Io l'attrarrò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore" (Os 2,16). Il deserto non è un posto mitico, ma il luogo dove l'amore si costruisce con tenacità e dedizione, in cui il credente si rende conto della forza della passione e della necessità della fedeltà al Signore e alla sua alleanza. Il deserto diventa una strada di speranza che si avvia verso una "dimora di pace" (v. 2). Ma a cosa somigliare oggi il deserto se non alle nostre città, spesso prive di vita e di amore, appunto come un deserto? Ed è qui, in questo deserto contemporaneo, che i credenti debbono ritrovare e rivivere l'alleanza con Dio. Qui, nel cuore delle nostre città, è il crogiolo dell'amore, della passione per una nuova città che sia luogo di serenità e di pace per tutti. Il cammino che porta dal deserto verso Gerusalemme non riguarda uno spazio diverso, non è un cammino estraneo alla vita degli uomini. Quel cammino è dentro la stessa città, dentro la convivenza umana. Siamo chiamati a trasformare le nostre città spesso simili ad un deserto abitato dalla violenza e dalla solitudine in un luogo di amore e di pace. Così le nostre città si avviano a divenire simili alla Gerusalemme intesa come "dimora di pace" in cui abita il Signore, quel monte santo che risplende ed è luce che si espande sulla terra. È una via che sale in alto, che si distacca dagli egocentrismi che continuamente tirano in basso. L'oracolo profetico indica la via che porta da una città-deserto verso una città-pacificata, ove la siccità è sparita e i beni sono abbondanti, ove i balli di gioia accomunano i giovani e gli anziani. È la profezia sulla Comunità dei credenti radunata dinanzi al Signore e coinvolta nel suo disegno di amore sul mondo. In essa ci sono i poveri e gli ammalati, "il cieco e lo zoppo" (v. 8), le donne e i fanciulli, tutti coloro che si sentono attratti dal Vangelo dell'amicizia e della festa. Nessuno viene tralasciato. Dice il Signore: "io sono un padre per Israele, Èfraim è il mio primogenito" (v. 9).


03/08/2016
Preghiera con i Santi


Calendario della settimana
FEB
19
domenica 19 febbraio
Liturgia della domenica
FEB
20
lunedì 20 febbraio
Preghiera per la pace
FEB
21
martedì 21 febbraio
Preghiera con Maria, madre del Signore
FEB
22
mercoledì 22 febbraio
Preghiera degli Apostoli
FEB
23
giovedì 23 febbraio
Preghiera per la Chiesa
FEB
24
venerdì 24 febbraio
Preghiera della Santa Croce
FEB
25
sabato 25 febbraio
Vigilia del giorno del Signore
FEB
26
domenica 26 febbraio
Liturgia della domenica