Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Nella Basilica di Santa Maria in Trastevere si prega per la pace.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro dei Proverbi 3,27-35

Non negare un bene a chi ne ha il diritto,
se hai la possibilità di farlo.
Non dire al tuo prossimo:
"Va', ripassa, te lo darò domani",
se tu possiedi ciò che ti chiede.
Non tramare il male contro il tuo prossimo,
mentre egli dimora fiducioso presso di te.
Non litigare senza motivo con nessuno,
se non ti ha fatto nulla di male.
Non invidiare l'uomo violento
e non irritarti per tutti i suoi successi,
perché il Signore ha in orrore il perverso,
mentre la sua amicizia è per i giusti.
La maledizione del Signore è sulla casa del malvagio,
mentre egli benedice la dimora dei giusti.
Dei beffardi egli si fa beffe
e agli umili concede la sua benevolenza.
I saggi erediteranno onore,
gli stolti invece riceveranno disprezzo.


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La Liturgia ci presenta oggi un brano tratto dal libro dei Proverbi che riporta una ampia antologia della sapienza di Israele. Il testo si apre con l'appellativo "figlio mio", quasi a ricordare l'unica condizione possibile per ottenere la sapienza. Nella prima parte si descrivono le felici conseguenze di chi custodisce la sapienza: sicurezza, serenità e pace, sonno tranquillo, assenza di paura. Il Signore infatti "sarà la tua sicurezza e preserverà il tuo piede dal laccio", là dove il laccio indica le insidie e i pericoli della vita. Nella seconda parte (vv. 27-35) per la prima volta il testo entra nel merito delle relazioni con il prossimo. Innanzitutto si invita a rispondere con generosità alla richiesta di aiuto: "Non negare un bene a chi ne ha il diritto, se hai la possibilità di farlo. Non dire al tuo prossimo: Va', ripassa, te lo darò domani, se tu possiedi ciò che ti chiede". Seguono una serie di inviti che riguardano la convivenza: tramare il male contro chi ti vive accanto ed ha fiducia in te, litigare, invidiare l'uomo violento per i suoi successi. Chi segue il consiglio di Dio non ha nulla da temere, perché Dio ha in odio il male e i malvagi non avranno successo. Perciò bisogna vivere con bontà e generosità, senza lasciarsi sopraffare dall'invidia e dalla gelosia. L'amicizia del Signore è per i giusti e "agli umili concede la sua benevolenza". Spesso ritorna nei Proverbi il tema della violenza e dell'arroganza, che contrastano con bontà e umiltà. La tentazione quotidiana è di rispondere alla violenza con la violenza, come ci abitua la società i cui viviamo, pensando che la vittoria è nell'imporsi sugli altri. Ma sappiamo che "chi si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato". La sapienza insegna umiltà e capacità di rapportarsi al prossimo con benevolenza e generosità, perché solo nel dare si trovano la gioia e la pace del cuore.


19/09/2016
Preghiera per la pace


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica