Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo ai Galati 2,1-2.7-14

Quattordici anni dopo, andai di nuovo a Gerusalemme in compagnia di Bàrnaba, portando con me anche Tito: vi andai però in seguito a una rivelazione. Esposi loro il Vangelo che io annuncio tra le genti, ma lo esposi privatamente alle persone più autorevoli, per non correre o aver corso invano. Anzi, visto che a me era stato affidato il Vangelo per i non circoncisi, come a Pietro quello per i circoncisi - poiché colui che aveva agito in Pietro per farne un apostolo dei circoncisi aveva agito anche in me per le genti - e riconoscendo la grazia a me data, Giacomo, Cefa e Giovanni, ritenuti le colonne, diedero a me e a Bàrnaba la destra in segno di comunione, perché noi andassimo tra le genti e loro tra i circoncisi. Ci pregarono soltanto di ricordarci dei poveri, ed è quello che mi sono preoccupato di fare.
Ma quando Cefa venne ad Antiòchia, mi opposi a lui a viso aperto perché aveva torto. Infatti, prima che giungessero alcuni da parte di Giacomo, egli prendeva cibo insieme ai pagani; ma, dopo la loro venuta, cominciò a evitarli e a tenersi in disparte, per timore dei circoncisi. E anche gli altri Giudei lo imitarono nella simulazione, tanto che pure Bàrnaba si lasciò attirare nella loro ipocrisia. Ma quando vidi che non si comportavano rettamente secondo la verità del Vangelo, dissi a Cefa in presenza di tutti: "Se tu, che sei Giudeo, vivi come i pagani e non alla maniera dei Giudei, come puoi costringere i pagani a vivere alla maniera dei Giudei?".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo, dopo aver narrato la chiamata ricevuta da Dio per annunciare il Vangelo ai pagani, scrive ai Galati di essere tornato a Gerusalemme per confrontarsi con gli apostoli. Sa bene, infatti, che il "carisma" ricevuto da Dio è per l'edificazione della Chiesa e non per realizzazioni personali. Torna a Gerusalemme dopo quattordici anni di ministero, accompagnato da Barnaba e Tito. Paolo discute della sua azione missionaria con le "colonne" della Comunità, per evitare di "correre invano". Non che Paolo fosse dubbioso del Vangelo che predicava, tutt'altro, ma sapeva che è nella comunione che si costruisce la Chiesa e non nel protagonismo personale. A Gerusalemme dibatte liberamente con gli altri apostoli sul valore della legge. Paolo ottenne la conferma della sua azione pastorale da parte degli apostoli i quali - ed è singolare sottolinearlo - gli fecero una sola raccomandazione: "ci pregarono di ricordarci dei poveri". E Paolo: "Ciò che mi sono proprio preoccupato di fare". È senza dubbio significativo che alla conclusione di un così forte dibattito teologico-pastorale, la concordia è sull'urgenza di "ricordarsi dei poveri". L'amore, cuore della fede cristiana e quindi della salvezza, trova nel ricordo dei poveri uno dei cardini centrali. Paolo ricorda ai Galati la sua opposizione a Pietro quando questo venne ad Antiochia. Lo accusò di non avere un comportamento lineare: da un lato soleva "sedere a mensa" - anche a quella eucaristica - con gli etnico-cristiani, dall'altra, quando arrivavano i giudeo-cristiani da Gerusalemme, si asteneva dal partecipare agli incontri. Paolo sapeva che Pietro si comportava così "per timore" e non per convinzione. Ma quell'atteggiamento portava una divisione profonda nella comunità antiochena, facendo prevalere i giudeo-cristiani. In effetti, ne fu influenzato anche Barnaba che pure era abituato ad aver rapporti con gli etnico-cristiani. Paolo lo nota con amarezza: anche lui si "è lasciato travolgere nella ipocrisia". L'apostolo, temendo che nelle comunità della Galazia potesse ripetersi quanto era avvenuto ad Antiochia, interviene con grande decisione. Se però ad Antiochia era sufficiente stigmatizzare l'incoerenza di Pietro (2,14), in Galazia invece bisognava mostrare con chiarezza che tale comportamento intaccava il cuore stesso della fede. Un comportamento ambiguo, come quello di Pietro, rendeva inutile l'opera stessa di Gesù che aveva abbattuto il muro che separava gli ebrei e i gentili. Cristo, infatti, "di due ha fatto una cosa sola, abbattendo il muro di separazione che lì divideva, cioè l'inimicizia. Così egli ha abolito la legge, fatta di prescrizioni e di decreti" (Ef 2,14 s.). La comunità cristiana non è più divisa a causa della legge: l'unica Chiesa di Dio è composta da giudei e da gentili. Nella sequela di Cristo si realizza in radice la riconciliazione tra gli uomini, tra i popoli, tra le culture. Per questo Paolo chiarisce a Pietro che la sua ambigua condotta avrebbe avuto conseguenze devastanti per tutti: "Se tu, che sei Giudeo, vivi come i pagani e non alla maniera dei Giudei come puoi costringere i pagani a vivere alla maniera dei Giudei?" (2,14). Non si devono caricare pesi inutili sulle spalle dei cristiani provenienti dal paganesimo, rischiando per di più di impedire ad altri di entrare nella comunità cristiana. Cristo è la pace e per questo la edifica tra gli uomini.


05/10/2016
Preghiera con i Santi


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri