Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Nella Basilica di Santa Maria in Trastevere si prega per la pace.
Memoria di sant'Ignazio, vescovo di Antiochia. Condannato a morte, fu condotto a Roma dove morì martire (+107).


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo agli Efesini 2,1-10

Anche voi eravate morti per le vostre colpe e i vostri peccati, nei quali un tempo viveste, alla maniera di questo mondo, seguendo il principe delle Potenze dell'aria, quello spirito che ora opera negli uomini ribelli. Anche tutti noi, come loro, un tempo siamo vissuti nelle nostre passioni carnali seguendo le voglie della carne e dei pensieri cattivi: eravamo per natura meritevoli d'ira, come gli altri. Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amato, da morti che eravamo per le colpe, ci ha fatto rivivere con Cristo: per grazia siete salvati. Con lui ci ha anche risuscitato e ci ha fatto sedere nei cieli, in Cristo Gesù, per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù.
Per grazia infatti siete salvati mediante la fede; e ciò non viene da voi, ma è dono di Dio; né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene. Siamo infatti opera sua, creati in Cristo Gesù per le opere buone, che Dio ha preparato perché in esse camminassimo.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo, dopo aver proclamato la grandezza dell'opera di Dio realizzata nel Cristo a favore della Chiesa, ricorda agli Efesini la loro condizione prebattesimale: erano morti, lontani da Dio, succubi del peccato e quindi destinati alla morte. Sono i peccati infatti che conducono alla morte. Le trasgressioni e i peccati (per Paolo i due termini sono sinonimi) non sono visti solo come atti puntuali, ma come una condizione permanente di disobbedienza, di lontananza da Dio e di schiavitù del male. Solo l'obbedienza a Dio rende l'esistenza umana libera dal peccato. Prima della conversione, "tutti noi" - ricorda Paolo - vivevamo secondo la mentalità egocentrica di questo mondo ("eone di questo mondo"), sottomessi al "principe della potenza dell'aria", ossia del male (in Ef 6,1l sarà chiamato "diavolo"). Infatti, assoggettati allo spirito del male, ci comportavamo secondo i nostri "desideri", eseguendo "la volontà della carne", obbedendo ai "pensieri" cattivi, invece di amare Dio "con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutta la mente". E quindi eravamo "per natura" sotto l'ira di Dio, ossia in una situazione che Dio non poteva tollerare, perché in contrasto con il Suo disegno d'amore. Tuttavia, nel Suo grande amore, Egli è intervenuto per salvarci: "Ma Dio, ricco di misericordia, per il suo grande amore con il quale ci amò, da morti che eravamo per i peccati ci ha fatti rivivere con Cristo: per grazia siete salvati; con lui ci ha anche risuscitati, e ci ha fatti sedere nei cieli in Cristo Gesù". Il Signore ha compassione e rivolge il Suo amore senza misura verso di noi. E lo straordinario è questo: Egli si rivolge ad un uomo peccatore e dunque suo nemico, non già ad un uomo pentito. E tuttavia non si limita a tirarci fuori da una situazione senza sbocco; addirittura ci comunica la vera Vita. In Cristo, il Padre ci ha rivelato il Suo volto misericordioso. Noi, membra del Corpo di Cristo, siamo già risuscitati con Lui e siamo dove Egli è: presso Dio. Uniti a Cristo e al suo Corpo che è la Chiesa, siamo liberi dal destino cieco del male. Liberi, per grazia, ripete l'apostolo. E la fede è proprio l'accoglienza di questo amore che libera. Il credente pertanto è libero non in virtù delle sue opere, ma per l'amore di Dio che si è chinato su di noi "mentre eravamo ancora peccatori" (Rm 5,6.8.10). L'apostolo richiama il primato della grazia contro la tentazione di "vantarci" che la salvezza venga dalle nostre "opere". La fede è accogliere l'amore di Dio nel nostro cuore e lasciare che operi secondo la sua forza.


17/10/2016
Preghiera per la pace


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri