Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - la comunità - memoria ...immagini contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Memoria di Tutti i Santi 2009 - La Comunità di Sant'Egidio celebra il ricordo di tutti coloro che sono morti a causa di gravi malattie. TESTI E IMMAGINI


 
versione stampabile

Nel giorno della memoria di Tutti i Santi, la Comunità di Sant'Egidio celebra
il ricordo di tutti coloro che sono morti a causa di gravi malattie,
a cui la Comunità è stata vicina in questi anni

A Roma, la liturgia si svolge nella basilica di Santa Maria in Trastevere

Nel corso della liturgia, ognuno viene ricordato per nome

Liturgie e momenti di preghiera si tengono anche in altre città



Omelia pronunciata nella Basilica di Santa Maria in Trastevere, Roma

Vedendo le folle, Gesù salì sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli. Prendendo allora la parola, li ammaestrava dicendo:
"Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati gli afflitti, perché saranno consolati.
Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

Matteo 5, 1-12

La prima beatitudine è proprio il regalo di essere insieme in questa casa. Sì, da gioia trovarci assieme, vivere, vedere questa “comunione” tra noi, che scioglie delicatamente tanta tristezza, orienta, rassicura. Nessuno è qui per caso, ma per la rete di amicizia della Comunità di Sant’Egidio, dono di Dio, comunione più forte del tempo, della distanza, dei tanti cambiamenti della nostra vita. E’ un legame non visibile agli occhi, come l’essenziale della vita, ma così vero e profondo. La comunione dei santi è amicizia con i fratelli e le sorelle. Nessuno è solo! Questa affettuosa compagnia ci aiuta a “sentire” il legame che unisce la terra al cielo, tra il mio cuore e chi non c’è più, ed anche a capire quello che unisce pienamente i santi tra loro. Li ricordiamo tutti assieme perché essi sono assieme, in comunione. Ricordarli tutti indica qualcosa che facilmente dimentichiamo o di cui non sappiamo accorgercene, prigionieri come siamo delle nostre tante paure ed abituati a pensarci individualmente: non c’è gioia da soli. Siamo fatti per vivere assieme e non c’è futuro senza gli altri. L’egocentrismo ci fa illudere di trovare risposte ma in realtà ci rende solo individualisti e scontenti. Non è forse vero che quello che ricordiamo di una persona è la bontà, cioè il bene che ha regalato agli altri e ci unisce tra noi? L’amore vince tutte le distanze e ci unisce gli uni agli altri.

I santi sono insieme, come nel mosaico, che ci aiuta contemplare la visione del futuro. Il cielo è d’oro, come una luce unica che si fonda insieme. Sono le tante stelle dei nostri cari che si uniranno nella grande luce dell’amore, si completeranno tra loro, insieme di tutti i colori. L’amore non fa perdere nulla di me e rende piena la mia vita proprio perché la unisce a quella degli altri. Ecco, un po’ di quell’oro lo portiamo dentro di noi: è la persona cara che ricordiamo e che accende lei il nostro cuore di amore perché ci porta a contemplare il volto di Gesù e di Maria, accanto a lei, umanità tutta, accolta ed abbracciata.

Quando siamo feriti dal male, quando proviamo dolore per qualcuno che non c’è più, capiamo quanto è insulsa e insopportabile la cattiveria, il male che disperde le opportunità e produce altra sofferenza. Davanti all’orizzonte enorme della vita sentiamo quanto è necessario volerci bene, aiutarci in quel naufragio che è la malattia. Quante persone sono e si sentono sole nella difficoltà! Quanta poca consolazione! Il contrario della comunione è la divisione, l’indifferenza, il banale pensare a sé. La malattia isola, rende tutti poveri, spoglia di ogni ricchezza. Ed è quello che il male semina sempre tra gli uomini. Chi soffre è solo, sente il fallimento del corpo, il turbamento delle tante domande sul passato ed il futuro, il rimpianto e l’incertezza che angosciano e fanno smarrire; sembra che nessuno possa capire fino in fondo la sofferenza, perché c’è in noi un segreto che è la nostra stessa vita, che non riusciamo ad esprimerlo, come i tanti pensieri che affollano il cuore. Il cielo inizia quando una solitudine è sconfitta. Come all’inizio della creazione, non è mai buono che l’uomo sia solo e Dio non ci abbandona per nessun motivo e non lascia nella solitudine della morte i nostri fratelli. Per questo la comunione è il legame del paradiso!

Chi è santo? I bambini. “Se non diventerete come bambini non entrerete nel Regno dei cieli!”. Santo è chi non ha paura di amare e non si vergogna di chiedere amore. Santo è chi affronta le difficoltà non perché ha capito tutto ma con la fiducia di un bambino, sicuro che le mani forti del Padre lo salveranno dal cadere e lo porteranno in alto. Santo è chi si lascia correggere dal padre; chi non può stare solo e intuisce che esserlo è una condanna e ne ha timore. Santo è chi è felice perché rende felice il prossimo. Santo non è chi non sbaglia mai, come il fariseo, ma chi cerca il perdono e trova la misericordia del Padre, come le prostitute e i pubblicani. Santo non è chi giudica, ha sempre da ridire, non si accontenta mai, non vuole chiedere aiuto. No, davvero no! Santo è chi non guarda con diffidenza e malizia; chi ringrazia perché riconosce i doni che riceve; chi vede nell’altro sempre un uomo buono, che può cambiare se amato, con la semplicità e l’ingenuità dei bambini, che é quella di Dio.

Possiamo diventare santi. Noi? Io, con la mia storia? Santo è chi rinasce anche se vecchio perché si abbandona al vento dello Spirito che lo rende bambino. E’ molto più facile di quello che crediamo! C’é tanto bisogno di uomini santi, cioè buoni, forti, che non tengono per sé l’amore che hanno ricevuto ma lo regalano agli altri, soprattutto a chi ne ha bisogno. C’è tanta solitudine e sofferenza da consolare e dolorosamente lo abbiamo imparato! Troppa gente è lasciata senza compagnia da uomini diventati materialisti, cioè che per il denaro, le cose, il possedere, hanno perso il cuore; calcolatori, che non sanno più cos’è gentilezza, gratuità, sacrificio. Chi è ricordato come un sant’uomo? (oggi diremmo “una brava persona!”): chi ha amato! C’è bisogno di uomini che vogliono bene per davvero, non per convenienza o solo per un po’. Noi facilmente pensiamo: i santi sono in cielo, perché questo mondo è di chi si impone, di chi pensa a sé, di chi non si lega mai a nessuno fino in fondo; è di chi può fare da solo. No. Questo è il mondo che vediamo e che tanto ci preoccupa, di uomini tristi e aggressivi perché soli e che lasciano soli. No. Noi, discepoli ed amici di Gesù, santi perché chiamati da Lui, crediamo che a volere bene non ci si rimette mai! Il mondo è dei santi, perché chi ama possiede tutto, non perde nulla. Il mondo è dei santi perché un uomo santo, uno solo, può salvare la vita di chi ha bisogno. E chi salva un uomo salva il mondo intero! Non disprezziamo mai quello che possiamo fare per gli altri, anche se ci sembra troppo poco. L’amore dei grandi gesti non convince nessuno e non dura, mentre quello umile, concreto, fedele, e proprio per questo possibile, quello di Gesù, è la vera vittoria. Il Vangelo parla un solo bicchiere di acqua fresca che non sarà dimenticato!

Per questo sono beati quelli che sono nel pianto, beati perché sono consolati. Non stiamo bene perché ridiamo, spesso in una vita finta e povera di amore, ma quando troviamo la risposta, quando il pianto è asciugato da Dio, come il pianto di Maria al sepolcro si trasformò in gioia. Ecco, lei è beata perché non smette di amare. Lo sperimentiamo oggi, che scendono le lacrime per chi non c’è ma che sono consolate da questa presenza che libera dall’altrimenti inestinguibile rimpianto. E’ in piccolo la stessa beatitudine delle lunghe notti in ospedale così piene di cuore ed umanità; è quella beatitudine piena che vivono in cielo. Ricordiamo i nomi, cioè i nostri cari. Il ricordo qualche volta sembra sfuggirci; vorremmo conservarlo completo e non ci riusciamo e a volte ci sembra inesorabilmente destinato a perdersi. Ma la comunione colma quello che a noi manca e lo rende pieno, perché amato tutto da Dio. Portiamo con noi questa comunione di amore, bella e delicata come il fiore che ci sarà consegnato, e comunichiamola a chi è solo, seminando amore come possiamo, più che possiamo, soprattutto dove la terra è più arida!

Le candele che saranno accese sono tanti spiragli aperti sul mistero. Quando cala la sera il sole non muore all’orizzonte, ma illumina altre terre oltre la nostra vista. Così le anime di coloro che abbiamo amato non sono andate a spegnersi nel buio ma ad essere illuminate da Dio. Signore Gesù, gli afflitti sono beati perché consolati da te. Tu ci ami sino alla fine, perché la vita non abbia fine. I nostri cari sono nella pienezza del tuo amore, nella luce senza fine, che illumina la notte del mondo e del cuore. I nostri cari sono santi perché come bambini sono abbracciati e sollevati da te. I nostri cari sono stelle nella nostra oscurità che Tu accendi perché possiamo vedere la tua luce. I nostri cari pregano per noi  e noi con l’immenso coro degli angeli e dei santi ringraziamo Te e cantiamo il tuo amore che unisce cielo e terra. Amen

Mons. Matteo Maria Zuppi

 

ROMA - 1° novembre 2009

NEWS CORRELATE
26 Novembre 2016

In Avvento iniziamo a pubblicare la Parola di Dio ogni giorno in inglese francesce tedesco spagnolo e portoghese su Facebook


Ogni giorno viene pubblicato il brano e il commento. Un servizio alla preghiera comune che si aggiunge alla app per la preghiera già disponibile in italiano, anche su mobile.
IT | EN | ES | DE | PT
21 Novembre 2016

Mons. Vincenzo Paglia ci introduce a "La Parola di Dio ogni giorno 2017". Guarda il video!

19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
14 Novembre 2016

In libreria da oggi "La Parola di Dio ogni giorno 2017" per comprendere e pregare con le Scritture

2 Novembre 2016

Finalmente online il podcast con tutte le registrazioni della preghiera della sera con la Comunità di Sant'Egidio


Per seguire in diretta la preghiera o riascoltare le registrazioni degli ultimi mesi
IT | DE | FR | PT
15 Settembre 2016

Il breviario di padre Jacques Hamel a San Bartolomeo tra le memorie dei martiri del nostro tempo


Giovedì 15 settembre ore 20
IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
22 Novembre 2016
Osnabrücker Kirchenbote
Eine Kerze für jeden toten Flüchtling
18 Novembre 2016
Vatican Insider
“La Parola di Dio ogni giorno 2017”
6 Novembre 2016
Würzburger katholisches Sonntagsblatt
Von Gott berührt
20 Settembre 2016
Vatican Insider
“Pace per le vittime delle guerre che inquinano i popoli di odio”
20 Settembre 2016
Famiglia Cristiana
La pace unica strada dell'umanità ferita
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

982 visite

904 visite

932 visite
tutta i media correlati


 

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri