Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - napoli (...t'egidio contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Napoli (Italia): Presentata nella casa circondariale di Poggioreale la campagna "Liberare i prigionieri in Africa" della Comunità di Sant'Egidio


 
versione stampabile

Napoli (Italia): Presentata nella casa circondariale di Poggioreale la campagna "Liberare i prigionieri in Africa" della Comunità di Sant'Egidio

Il carcere di Poggioreale ad inizio del 900Il 31 ottobre 2009 nella casa circondariale di Poggioreale a Napoli, è stata presentata la campagna “Liberare i prigionieri in Africa” della Comunità di Sant'Egidio. Erano presenti un centinaio di detenuti, il direttore, il comandante ed alcuni educatori. 

I detenuti di Poggioreale, che vivono in condizioni difficili per il sovraffollamento, a cui si è aggiunta la preoccupazione per la diffusione dell’influenza A, hanno ascoltato con molta attenzione la descrizione delle condizioni delle carceri africane. Sono rimasti colpiti dal fatto che le persone delle comunità africane vanno nelle carceri a portare gli aiuti e a visitare i prigionieri. 

E’ quindi nato un vivace dibattito con molte domande, osservazioni ed obiezioni. “Proprio noi che stiamo così male dobbiamo aiutare gli altri?” ha affermato qualcuno. Ma la risposta a questa obiezione è venuta dai carcerati stessi. “Loro stanno in condizioni peggiori delle nostre – ha detto Ciro – chi meglio di noi può capire la loro condizione?”.  E ancora: “Si è vero che noi abbiamo i materassi con le molle rotte, ma almeno abbiamo i materassi”.  Un grande applauso è partito quando è stato detto che chi non può aiutare economicamente i carcerati africani, può ricordarli nella preghiera, così come nella preghiera noi ricordiamo i detenuti di Poggioreale. E alla fine si è alzato Salvatore che ha detto: “Dare un euro riempie l’anima” suscitando grande entusiasmo tra i detenuti.

I soldi raccolti saranno destinati ai prigionieri del carcere di Garoua, in Camerun, che  potranno avere il sapone per lavarsi, le stuoie per dormire e i medicinale per curarsi. Così è nato un gemellaggio di solidarietà tra il più grande carcere d’Europa e una delle maggiori prigioni africane.    

Amici in carcere

NEWS CORRELATE
2 Febbraio 2017
DOUALA, CAMERUN

Un tendone per rendere più umane le condizioni di vita nel carcere di New Bell a Douala, Cameroun

IT | ES | DE | PT
1 Giugno 2011

Cameroun: Si moltiplicano gli aiuti per umanizzare la vita nelle carceri

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | RU
28 Aprile 2011

Umanizzare il carcere: da Haiti all'Africa cresce il lavoro della Comunità nelle prigioni e cambia la realtà

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
3 Aprile 2011

Umanizzare il carcere: nuovo centro di formazione e ammodernamento dell’infermeria della prigione di Yaoundé, in Camerun

IT | ES | DE | FR | CA | NL
1 Marzo 2011

Solidarietà e amicizia nelle prigioni del Cameroun: grande festa a Garoua, Duala e Maroua per la distribuzione dei materassi ai detenuti

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
24 Aprile 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

In Congo Sant'Egidio celebra la Pasqua liberando alcuni giovani prigionieri dal carcere di Bukavu

IT | ES | FR | PT | NL | RU | HU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
5 Agosto 2017
L'Eco di Bergamo
Impagliazzo: "Caccia alle ONG ora basta, si perseguano i trafficanti"
27 Luglio 2017
La Stampa
Così si salvano i bimbi invisibili
27 Luglio 2017
Famiglia Cristiana
Andrea Riccardi: La nuova Africa tra ricatti e riscatto
26 Luglio 2017
Roma
Alla ricerca della dignità perduta
26 Luglio 2017
Roma
La Comunità di Sant'Egidio porta in carcere musica e gelato
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

143 visite

152 visite

164 visite

138 visite

143 visite
tutta i media correlati