change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - cipro 2008 contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Gli appuntamenti per ricordare Modesta Valenti e quanti sono morti a causa della povertà e della vita per strada

Il Patriarca della Chiesa etiope Abuna Mathias a Sant'Egidio: Abbiamo visto come mettete in pratica il Vangelo

L'omelia del patriarca nella basilica di Santa Maria in Trastevere.

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità

Basilica di San Giovanni affollata di giovani e anziani, senza dimora e profughi venuti con i corridoi umanitari. Marco Impagliazzo: ''Crediamo in una città dove non esiste il noi e il loro, ma dove si può costruire insieme una grande forza di pace''
21/02/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
16 Novembre 2008 16:30 | University of Cyprus – Sport Centre

Intervento di Sua Santità Sri Sri Ravishankar



Sri Sri Ravishankar


Fondatore dell'Art of Living Foundation, India

“Il saggio celebra la diversità, lo stolto crea conflitto dalle diversità” – Le religioni sono contro la violenza. 

Vengo da una delle più antiche civiltà del mondo. Sento che coloro che non esprimono la pace, non sono religiosi, si allontanano dalla religione, non sentono l’amore per l’umanità, gente di qualsiasi fede sia, Sikh, Protestanti, Cattolici, Islamici..ecc.
Una persona che ha fede in Dio non può essere violenta. Più amiamo Dio e più sperimentiamo l’amore per quelli che ci circondano, come hanno detto anche gli oratori che mi hanno preceduto.
Chi segue la religione non può essere violento, non può impugnare la violenza.
La pace parla alla nostra vita.          
Dio ama la diversità e per questo ha creato questa varietà di persone e realtà. Onorare la diversità è l’unico modo per essere davvero in pace.
Il dialogo va portato dovunque nel mondo.
I conflitti nascono nel cuore dell’uomo, di ciascuno di noi, nelle famiglie e poi confluiscono nella vita sociale, nelle società e nelle nazioni, per la mancanza di fede in quel Dio che si prende cura di noi.
Amore e compassione devono essere rigenerate nella società.
Tutti voi che siete qui, convocati dalla Comunità di Sant’Egidio e dalla chiesa di Cipro, dovete portare questo messaggio di pace nel mondo.
E’ un peccato che le religioni, anche le più pacifiche, buddismo, induismo siano diventate estremiste, usando la violenza. I violenti devono guarire loro stessi.
Chi è violento è come “malato”, deve essere guarito dalla sua malattia, come una malattia che attraversa la sua mente. Voi lo sapete, lavorate nelle carceri e sapete quanto bisogno c’è di questo.
Bisogna educare alla pace.
C’è bisogno di educazione per i giovani e per i bambini, di educazione alla pace.
E’ un vero peccato quello che è successo in India nella zona di Orissa. E’ un dolore, un dolore per ogni individuo vedere questo attacco nel nome della religione.
Questa violenza è qualcosa che va fermato, non si può continuare in questo modo. Dobbiamo alzarci ed ergerci contro questo tipo di violenza.
Un vecchio proverbio dice: “Il saggio celebra la diversità, lo stolto crea conflitto dalle diversità”.
Abbiamo globalizzato tutto, le patatine, la coca cola, ma non abbiamo saputo globalizzare la saggezza.
Dobbiamo globalizzare la saggezza. Ogni bambino nel mondo dovrebbe conoscere qualcosa delle altre religioni.
Dobbiamo vivere in armonia, insieme: il mondo è un’unica famiglia a cui tutti noi apparteniamo.
 
Vi chiedo ora 30 secondi di silenzio per ricordare tutte le vittime della violenza religiosa nel mondo.
Grazie.