Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - adozioni a distanza - ciad: do...distanza contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Ciad: dopo mesi di violenze, la situazione migliora. Le notizie dei bambini adottati a distanza


 
versione stampabile

9 giugno 2008
Ciad
: dopo mesi di violenze, la situazione migliora. Le notizie dei bambini adottati a distanza

Il Ciad è un vasto Paese dell’Africa centro orientale. Al Nord è prevalente la popolazione araba e musulmana. Al Sud, quella cristiano-animista. Da molti anni, purtroppo, il Ciad è teatro di fortissime tensioni, che sfociano spesso in combattimenti che colpiscono soprattutto le regioni meridionali del Paese, quelle prossime alla frontiera con il Sudan (la regione del Darfur).

Nel mese di febbraio, la stessa capitale N’Djamena è stata teatro di durissimi scontri tra i ribelli e il governo attualmente al potere. I combattimenti sono stati violenti e hanno avuto per epicentro i quartieri attorno al palazzo presidenziale, colpiti ripetutamente da missili e proiettili sparati da elicotteri.
Le vittime sono state numerose e, soprattutto, è stato altissimo il numero delle persone che sono fuggite dalla capitale cercando riparo al sud del Paese, fino oltre la frontiera con il Camerun. Anche il nostro referente delle adozioni a distanza, Felix, è dovuto fuggire in Camerun, portando con sé la sua famiglia e molti dei bambini adottati a distanza. Nei campi profughi è stato raggiunto e aiutato da alcuni membri della Comunità di Sant’Egidio locale. Dopo una permanenza di circa un mese, Felix è rientrato in Ciad. Riportiamo di seguito la lettera che abbiamo ricevuto da lui il 18 maggio.

Cari amici, vorrei raccontarvi qualcosa riguardo alla situazione sociale e politica dopo gli avvenimenti del mese di febbraio 2008 a N’Djamena. La vita si sta normalizzando, ma restano le difficoltà e la paura delle famiglie che mai avevano vissuto una simile situazione nella capitale, e hanno timore che questa si ripeta. Per questo motivo molti sono tristi e rassegnati. Il clima sociale è agitato. Dopo gli avvenimenti di febbraio, lo Stato ha fatto evacuare molti quartieri della città. Molte case sono state distrutte, ma la gente non ha possibilità nè di affittare, né di comprare nuove abitazioni. Allora molti se ne vanno dalla capitale per raggiungere villaggi e campagne per meglio organizzarsi ed evitare il peggio nel caso la guerra riprendesse. La situazione politica, infatti, resta confusa e i ribelli all’Est continuano a fare irruzione nei centri abitati. Anche se la situazione è un po’ più calma, ancora oggi le famiglie che hanno parenti tra le file dei ribelli, continuano a scappare da N’Djamena, perché si sentono minacciate dai militari.

Ho visto, durante il mio lavoro per le adozioni, i quartieri della città a maggioranza musulmana. C’è molta agitazione e molte case sono state distrutte. Grazie a Dio tutti i bambini delle adozioni a distanza sono in buona salute. C’è molta gente che sta ricostruendo la propria abitazione dopo i danni causati dalla guerra. Le distruzioni sono state numerose, e molti edifici sono stati saccheggiati dai ladri. La stessa amministrazione sta ricostruendo i propri uffici. Molti archivi sono andati bruciati e persi irrimediabilmente. Ma in ogni caso posso confermare che la vita e le attività in generale, stanno riprendendo, e questo ci dà la speranza che la vita politica e sociale possa migliorare in breve tempo.

Per i bambini adottati a distanza, il 7 giugno, abbiamo in programma una giornata di festa: faremo dei giochi, e parleremo insieme sulla necessità di vivere in pace e di come la guerra, ogni guerra, sia cattiva. Mangeremo insieme. Vi farò sapere e vi manderò delle fotografie. Un abbraccio in amicizia, e grazie del vostro sostegno, che è stato fondamentale in questo periodo.


Felix N’Djamena
18 maggio 2008

Adozioni a distanza


 

NEWS CORRELATE
6 Dicembre 2016

A Natale aiuta una madre a far nascere un bambino sano: regala un'adozione a distanza!


Con la terapia offerta nei centri DREAM in Africa preveniamo la trasmissione del virus HIV al bambino
IT | ES
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini


Le Scuole della Pace, il programma "Bravo!", i centri nutrizionali, il programma DREAM... come la Comunità protegge i diritti dei più piccoli. E alcune storie
IT | ES | DE | PT | HU
29 Settembre 2016

Pace in Colombia: la speranza dei bambini adottati a distanza

IT | ES | DE
18 Luglio 2016
CATIÓ, GUINEA-BISSAU

Con le adozioni a distanza, la scuola di São Bento cresce insieme ai suoi studenti


Due nuovi corsi aperti quest'anno. E a settembre si inaugura la VII classe.
IT | ES | DE | FR | PT
17 Marzo 2016
GENOVA, ITALIA

Bambini e rifugiati, un ponte di dialogo e speranza. Il racconto dei Giovani per la Pace di Genova

IT | DE
25 Febbraio 2016

Come si ferma la guerra? Rispondono i bambini della Scuola della Pace di Spinaceto


Le grandi domande dell'oggi viste dalla prospettiva dei "piccoli" svelano la profondità di pensiero dei bambini
IT | RU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
11 Novembre 2014
Regió7
La comunitat de Sant Egidi comença a recollir joguines
1 Luglio 2014
L'Osservatore Romano
Risposte da dare
24 Maggio 2014
Il Piccolo
Comunità di Sant'Egidio 25 anni di impegno in aiuto ai più deboli
19 Febbraio 2014
Famiglia_Cristiana.it
Fuori dall'ombra con Sant'Egidio
5 Gennaio 2014
La Stampa.it
Ecco chi resiste alla fuga dalle scuole
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

182 visite

167 visite

199 visite

170 visite

202 visite
tutta i media correlati

Per adottare a distanza un bambino ci si può rivolgere a:

Segreteria delle
adozioni a distanza
Comunità di Sant'Egidio
lun-gio-ven h.9,30-13.30
Tel. 06.5814217

oppure tramite e-mail

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri