change language
sei in: home - documenti contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

La Muhammadiyah


Scheda

Comunità di Sant'Egidio
 

La prima organizzazione islamica a vedere la luce, nell’arcipelago ancora occupato dagli olandesi, è la Muhammadiyah. Frutto del ripensamento della classe colta alla vigilia della definizione dell’identità nazionale, si colloca nell’ambito del movimento modernista e conta oggi circa 35 milioni di aderenti. L’attuale presidente è il prof. Din Syamsuddin.

E’ Ahmad Dahlan (1868-1923), un funzionario del sultano di Yogyakarta, formatosi alla Mecca, dove si era avvicinato al pensiero modernista di Muhammad 'Abduh (1) , a dare vita, l’8 novembre del 1912, a un’associazione che si propone di “ripulire l’islam dagli usi e le tradizioni non islamiche” ricentrando i suoi seguaci sul tawhid, la fede nell’unicità di Dio; “riformare la dottrina musulmana secondo una prospettiva e un pensiero moderno; riformulare gli insegnamenti e l’organizzazione educativa islamica; difendere l’islam da influenze a attacchi esterni” (2)  . Questo non avviene a livello teorico o accademico, ma mediante una “filosofia dell’azione”, che la rende un formidabile soggetto di sviluppo sociale: “Chiamiamola pure filosofia sociale, che enfatizza l’atto piuttosto dell’idea. In altre parole, la fede e la filosofia, se non vengono trasformate in azione, sono inutili e prive di senso – così la spiega Syafii Maarif, che ne è stato presidente dal 2001 al 2005 - I padri fondatori di Muhammadiyah erano tutti consapevoli della sfortunata condizione del popolo. Oltre ad essere sotto il dominio coloniale, poveri ed analfabeti, soffrivano anche della mentalità schiavistica che era completamente incompatibile con l’idea di libertà. Muhammadiyah ha diffuso instancabilmente le proprie reti ed attività sociali, educative e umanitarie attraverso le isole. La povertà, l’analfabetismo, la superstizione erano i veri nemici del progresso dell’umanità. In effetti, la rivoluzione è avvenuta. Dapprima a Jakarta, poi, gradualmente, è penetrata nelle altre parti del paese. Scuole, madrase, ospedali, orfanotrofi ed altre forme di assistenza sociale sono sorti ovunque nell’arcipelago. Ci sono anche centinaia di ospedali, cliniche, policlinici, orfanotrofi, unità di pianificazione familiare, centri di assistenza familiare, centri di sviluppo comunitario, etc” (3) .

La Muhammaddiyah dimostra che “sin dall’inizio l’Islam è stato la forza motrice di una riforma sociale per la creazione di una società eticamente equa. La fede, la conoscenza, le buone azioni e la giustizia non possono essere separate” (4) . In pochi anni, l’organizzazione si diffonde soprattutto nei ceti urbanizzati, per lo più colti, e a Sumatra, dove l’islam ha mantenuto forme più integrali. Nonostante sia sostanzialmente espressione di un islam sannita moderato, non mancano contiguità e talvolta collusioni con gruppi islamici più radicali, come è evidente a più riprese nella storia del movimento (5). 


1.  Alfian, Muhammadiyah, the political behavior of a muslim modernist organization under Dutch colonialism, Cadjah Mada University Press, Yogyakarta 1989. La Muhamaddiyah trae ispirazione dal movimento modernista di Jamal Al Din al Afgani e Mohammad Abduh, ma assume una sua particolare fisionomia.
2.  A. Mukti Ali, in Muhammadiyah dan tantangan masa depan : sebuah dialog intelektual, a cura di Sujarwanto & Haedar Nashir, Yogyakarta, 1990, p. 332.
3.  Paper presentato all’Incontro di dialogo tra le Religioni Tra guerra e pace: Religioni e Culture s'incontrano,  Aachen, 8/9/2003, pubblicato in Muslim World after 9/11, a cura di Angel Rabasa, Rand Corporation, Santa Monica, 2004.
4.  Ibidem.
5.  Alfian, Muhammadiyah, cit..


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Luglio 2015
INDONESIA

A Jakarta Sant'Egidio fa festa per il Ramadan con più di 500 bambini e famiglie musulmane povere

IT | EN | ES | DE | FR | PT
8 Febbraio 2010

Il 42° Anniversario della Comunità di Sant'Egidio a Yogyakarta (Indonesia)

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | ID
11 Marzo 2009

Yogyakarta (Indonesia): Celebrazione del 41° anniversario della Comunità di Sant'Egidio

15 Novembre 2015
INDONESIA

Conferenza sul dialogo tra le religioni per la convivenza e la pace con Andrea Riccardi al Parlamento Indonesiano

IT | ES | DE | ID
13 Novembre 2015
INDONESIA

Nel segno del dialogo: incontri di Andrea Riccardi con i vescovi, il vicepresidente e i leader dell'Islam in Indonesia

IT | ES | DE | FR | PT | ID
25 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Il pluralismo religioso in Indonesia, una risorsa da custodire e implementare

tutte le news
• STAMPA
11 Novembre 2017
Avvenire

Cristiani e islamici uniti per la pace

5 Luglio 2017
UCAnews

Indonesian Catholics help poor muslims celebrate Eid

2 Agosto 2016
Avvenire

Musulmani a Messa, abbraccio di svolta. In cammino di pace da credenti. Con pazienza e sapienza

31 Luglio 2017
Avvenire

Sant'Egidio in Indonesia: tra Islam e povertà, la sfida della testimonianza

26 Agosto 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Francesco sta salvando le nostre radici cristiane e sta aiutando i musulmani a costruire quel rinascimento senza pregiudizi che noi abbiamo già conosciuto

6 Agosto 2016
La Sicilia

Integrarsi con Giochi senza frontiere

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
12 Marzo 2015

Indonesia: imminente l'esecuzione per 10 stranieri condannati a morte.

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Febbraio 2015
Reuters

Australian PM strikes conciliatory note over Indonesia executions

21 Febbraio 2015
AGI

Brasile: scontro su esecuzioni, respinto ambasciatore Indonesia

21 Febbraio 2015
Reuters

Indonesia recalls envoy to Brazil amid row over execution

20 Febbraio 2015
Reuters

Australia ratchets up pressure on Indonesia over executions

18 Gennaio 2015
La Repubblica on line

Indonesia, eseguita condanna a morte per sei trafficanti di droga: 5 sono stranieri

10 Gennaio 2015
INDONESIA

L’Arcivescovo indonesiano di Jakarta contro la Pena di Morte

12 Dicembre 2014

A Jakarta cinque condannati a morte rischiano l'esecuzione nel mese di dicembre 2014

3 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Tanni Taher: the commitment of Sant'Egidio against the death penalty in Indonesia

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

tutti i documenti
• LIBRI

Oscar Romero. La Biografia





San Paolo

La Chiesa dei poveri





Francesco Mondadori
tutti i libri