change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - assisi 2... di pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
09/12/2016
Preghiera della Santa Croce

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Fontana Luciano


Direttore del "Corriere delle Sera", Italia

Luciano Fontana (Frosinone, 11 gennaio 1959) è un giornalista italiano, direttore dal 1º maggio 2015 del Corriere della Sera.

Dopo la maturità scientifica si laurea in filosofia alla Sapienza di Roma discutendo la tesi con Tullio De Mauro. Attivo nella FGCI di Frosinone intraprende la carriera giornalistica come corrispondente dell'ANSA dalla sua città natale. Nel 1986 viene assunto come praticante nella redazione de «l'Unità», diretta da Emanuele Macaluso. Vi rimane undici anni scrivendo di cronaca e politica. Walter Veltroni lo nomina capo dell'ufficio centrale.

Nel 1997 entra al «Corriere della Sera» come numero due di Paolo Ermini all'ufficio centrale. Dopo tre anni ne diventa capo. Nel 2003 è nominato vice direttore (direttore è Stefano Folli). Mantiene il ruolo con il successore Paolo Mieli. Nel 2009 riceve la nomina a condirettore.

Dal 1º maggio 2015 succede a Ferruccio de Bortoli alla direzione del quotidiano milanese.

[Settembre 2016]
Fonte: Wikipedia

Assisi 2016 - Sete di Pace

 

#peaceispossible #setedipace
PROGRAMMA in PDF

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

Materiale per la stampa

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
29 Ottobre 2016
La Civiltà Cattolica
Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia
5 Ottobre 2016
Avvenire
Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi
2 Ottobre 2016
Avvenire
Quale accoglienza? Il metodo «adottivo» che emerge da Assisi
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
30 Settembre 2016
Il Ticino
Alle sorgenti della pace in un mondo assetato
tutta la rassegna stampa correlata


Giovani x la Pace


Ringraziamo

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri