change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - assisi 2... di pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
05/12/2016
Preghiera per i poveri

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
19 Settembre 2016 09:30 | Auditorium Grand Hotel Congressi

Intervento di Guillaume Goubert



Guillaume Goubert


Direttore de "La Croix", Francia

Guerra e media, informazione  e disinformazione: è un  tema antico !  Pensiamo al dispaccio di Ems , che ha scatenato la guerra del 1870 tra Francia e Prussia. Più conosciuta  la celebre battuta  attribuita a William Randolph Hearst, magnate della stampa, proprietario segnatamente del New York Journal, l’uomo che ha ispirato “Quarto potere “ di Orson Welles. Quando si aprirono le ostilità fra gli Spagnoli e i Cubani, Hearst mandò l’illustratore Frederic  Remington a Cuba perché  disegnasse  immagini del conflitto. Accorgendosi che non stavano accadendo fatti particolari, Remington inviò un cablogramma   a Hearst nel gennaio 1897: “Tutto è tranquillo. Non ci sono problemi qui. Non ci sarà nessuna  guerra. Intendo ritornare”. Hearst avrebbe risposto: “ Per  favore, rimani. Tu fammi avere le immagini e io provvederò alla guerra”. Ciò che è strano (in relazione al tema di questa mattina)  è che  si sarebbe trattato di una frase apocrifa…. Un sito Internet specializzato nella scoperta di storie inverosimili, ha concluso che questo scambio di telegrammi  non è mai esistito.

Tuttavia,è risaputo che i giornali di Hearst contribuirono alla crescita della tensione e che questa tensione sfociò in un conflitto armato da aprile ad agosto del 1898 fra gli Stati Uniti e la Spagna. Esso terminò con l’indipendenza di  Cuba (almeno  nei confronti della Spagna).

In altre parole, questa famosa battuta ,“Io provvederò alla guerra”, non sarebbe del  tutto  priva di fondamento. Essa può ricollegarsi alla categoria dei motti professionali che noi amiamo molto: “Se non è vero, è bello”, “Non rovinare una bella storia con i fatti”, “Datemi un osso, vi darò un diplodoco”

Adesso, bisogna passare alle cose serie e al presente. La verità – si dice- è la prima vittima della guerra. Lo sappiamo da tempo. La grande difficoltà è che, oggi,  il  problema si è  terribilmente complicato.

Quattro dimensioni:

  1. Noi viviamo “in un tempo di sovraccarico di informazioni e al ritmo pauroso dell’istantaneo” (François-Bernard Huyghe). Con Internet , i  social network, la moltiplicazione  dei canali  di informazione  a ciclo continuo , il ritmo dell’informazione si è incredibilmente accelerato (pensiamo al caso Aylan) . La nostra capacità critica è stata oltrepassata molto rapidamente.
     
  2. Noi viviamo in un’epoca segnata “dalla moltiplicazione delle versioni disponibili della verità” (François-Bernard Huyghe). Grazie a Internet,ogni specie di teoria viene illustrata  su Internet. Tanto più facilmente , dal momento che la tecnica si è banalizzata (per esempio per truccare le foto).  Si tratta di teorie che si caratterizzano per la  ricerca di complotti e di cospiratori.
    Neanche questa è una  novità .L’Italia ha forgiato la parola “dietrologia” molto prima dell’esistenza di Internet. “Big Brother”! “Grande vecchio”!  Ma ciò ha assunto proporzioni considerevoli. Il complottismo comincia bene  (scetticismo) , ma finisce male perché conclude sempre che l’autentica verità è nascosta e noi siamo sempre manipolati.
    Ciclo infernale: accusa, prova, confutazione della prova,  confutazione della confutazione, accuse reciproche di manipolazione…..
     
  3. Noi viviamo in un  tempo segnato (in ogni caso in Francia) dalla crescita della derisione, per cui niente viene preso sul serio…  Ciò induce un forte relativismo e indebolisce la credibilità di coloro che hanno responsabilità.
     
  4. Il fenomeno della manipolazione dell’informazione nei conflitti è tanto più difficile da seguire oggi, in quanto le guerre sono frazionate e multidimensionali. Ad esempio, papa  Francesco parla di guerra mondiale a pezzi. E’ significativo che il premio Bayeux per corrispondenti di guerra sia stato attribuito a un reportage  sulla crisi migratoria vista dagli abitanti di Lampedusa. 

Che fare?

Credere che la verità esiste e che la si può cercare. Sviluppare l’educazione all’informazione. Slow food/slow media. Una citazione di Raymond  Aron: “ I miei colleghi de L’Express, quando arriva una notizia importante, dicono: muoviamoci a parlarne nel giornale. Io dico a me stesso: se è importante, prendiamo il tempo di rifletterci sopra”. E’ per questo che noi siamo qui, questa mattina.

 

#peaceispossible #setedipace
PROGRAMMA in PDF

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

Materiale per la stampa

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
29 Ottobre 2016
La Civiltà Cattolica
Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia
5 Ottobre 2016
Avvenire
Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi
2 Ottobre 2016
Avvenire
Quale accoglienza? Il metodo «adottivo» che emerge da Assisi
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
30 Settembre 2016
Il Ticino
Alle sorgenti della pace in un mondo assetato
tutta la rassegna stampa correlata


Giovani x la Pace


Ringraziamo

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri