Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - delegazi...alabria) contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Delegazione di Sant'Egidio e Genti di Pace visita gli immigrati colpiti dagli episodi di violenza a Rosarno (Calabria)


 
versione stampabile

Una delegazione della Comunità di Sant'Egidio e di Genti di Pace visita gli immigrati vittime degli episodi di violenza a Rosarno, in Calabria
11 gennaio 2010

Sabato 9 e domenica 10 gennaio, una delegazione della Comunità di Sant'Egidio e di Genti di Pace si è recata in Calabria, per incontrare gli immigrati e i rifugiati che, nei giorni scorsi, sono stati oggetto di gravi episodi di violenza a Rosarno, ed esprimere loro la solidarietà della Comunità.

La delegazione ha visitato i centri di accoglienza gestiti da diversi gruppi e associazioni cattoliche - tra cui le Misericordie - a Crotone, dove circa 150 immigrati hanno cercato rifugio nelle ore immediatamente seguenti all'aggressione.

I giovani  - spesso giovanissimi - per lo più provengono dall'Africa subsahariana: Ghana, Burkina Faso, Guinea Conakry. Molti sono arrivati in Italia dalla Libia, dopo aver attraversato il deserto.

Ma dal giorno del loro arrivo ad oggi, la maggior parte si è regolarizzata oppure ha in corso un processo di regolarizzazione, come richiedente asilo, o per motivi umanitari, e comunque con permessi provvisori con possibilità di lavoro.

Infatti la maggior parte degli immigrati di Rosarno sono lavoratori stagionali, che durante l’anno si muovono su tutto il territorio nazionale secondo i raccolti che, in ogni stagione, interessano regioni diverse.
 
La delegazione ha anche visitato l’ospedale di Poseidonia, dove sono ricoverati i feriti, alcuni dei quali sono gravi. Uno di loro, un ragazzo di 23 anni, era nei pressi della stazione, appena sceso dal treno, proveniente dal nord Italia, dove lavora, per visitare il fratello, quando è stato colpito da un colpo di arma da fuoco.
 
Nei prossimi giorni, grazie al sostegno delle Comunità di Sant’Egidio della Calabria verranno effettuate nuove visite per cercare di venire incontro alle necessità più urgenti dei feriti e dei malati.

NEWS CORRELATE
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

22 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Integrazione è anche prendersi cura di chi è fragile: consegnati a Roma i diplomi di care giver e di lingua italiana


Tanti i nuovi europei che quest'anno hanno frequentato i corsi promossi dalla Comunità di Sant'Egidio
14 Novembre 2016
GENOVA, ITALIA

È come se i migranti fuggiti da guerra e miseria avessero scritto, con le loro vite, una preghiera nuova...


A Genova si festeggia l'integrazione con la consegna degli attestati del corso di lingua e cultura italiana
1 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

Inaugurato a Barcellona il nuovo anno scolastico della Scuola di Lingua e Cultura della Comunità di Sant'Egidio

IT | ES
31 Ottobre 2016
NOVARA, ITALIA

Consegna dei diplomi alla scuola di italiano di Sant'Egidio a Novara: un laboratorio di pace, cultura e integrazione

28 Ottobre 2016
TRIESTE, ITALIA

Cultura e integrazione a Trieste: la consegna della Costituzione e dei diplomi di italiano della scuola di Sant'Egidio

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
3 Dicembre 2016
Avvenire
Corridoi umanitari, quota 500 Arrivano da Homs e Aleppo
22 Novembre 2016
Corriere della Sera
La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio
21 Ottobre 2016
L'huffington Post
Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza
18 Ottobre 2016
Avvenire
Nei «Games4Peace» vince l'integrazione
17 Ottobre 2016
Il Gazzettino - ed. Padova
Studenti e migranti in campo per l'integrazione, In 160 alla sfida sportiva tra calcio e pallavolo
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1132 visite

1091 visite

1116 visite

1111 visite

1192 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri