Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - il ricor... valenti - il ricor... modesta - nella ba... strada. - kiev (uc... ricordo contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Kiev (Ucraina): Il freddo intenso e l'indifferenza verso i più poveri sono all'origine della morte di tanti senza dimora di cui la Comunità di Sant'Egidio custodisce il ricordo


 
versione stampabile

Kiev (Ucraina): Il freddo intenso e l'indifferenza verso i più poveri sono all'origine della morte di tanti senza dimora di cui la Comunità di Sant'Egidio custodisce il ricordo
12 febbraio 2010

Il 30 gennaio 2010 la Comunità di Sant’Egidio ha promosso a Kiev un servizio liturgico ortodosso in memoria di Mila e di tutti gli amici della Comunità morti per strada a causa del freddo e delle malattie.

Hanno partecipato un centinaio di senza dimora, tra i quali anziani, famiglie povere, zingari, tutti legati con un vincolo di amicizia alla Comunità. In tanti sono venuti a onorare la memoria dei propri amici, i cui nomi spesso non ricorda nessuno. La preghiera si è svolta in un clima di intensa partecipazione e familiarità. Molti hanno espresso gratitudine per la possibilità di essere insieme e di aver potuto ricordare i loro amici.

Questa preghiera è stata promossa per la prima volta nel 2006, in memoria di Mila, trentanovenne, madre di quattro bambini, morta nel centro di Kiev a causa del gelo invernale nel 2005.

La sua famiglia, come molte altre, era arrivata a Kiev dalla Transcarpazia in cerca di lavoro e di sostentamento. All’inizio, grazie al commercio di fiori, sembrava esserci riuscita. Ma, anche per la crisi economica attraversata dal paese sopravvennero difficoltà: proprio quando a Kiev la temperatura era scesa a 20 gradi sotto zero, la famiglia era stata sfrattata. Mila era riuscita a sistemare temporaneamente i suoi figli, ma non aveva trovato un posto per sé. Quando il gelo arriva a quelle temperature addormentarsi per mezz’ora in strada è sufficiente per condurre una persona alla morte. Probabilmente chi le era passato accanto non ha pensato a questo. Sarebbe bastato svegliarla…

Trovatasi d'inverno in strada, Mila ha potuto salvare i suoi figli, ma non ha potuto salvare se stessa.

Purtroppo la sua vicenda non è un caso unico in Ucraina. La sua storia parla dell’indifferenza verso i più poveri e dell’importanza di favorire la diffusione di una sensibilità attenta ai bisogni dei senza dimora.

Perchè anche un piccolo aiuto, quando c’è il gelo, può salvare una vita.  

NEWS CORRELATE
14 Febbraio 2011

Preghiera in ricordo dei senza dimora morti a Kiev (Ucraina)

IT | DE | FR | RU | UK
18 Agosto 2011

Aperti per ferie: a Roma alla mensa di via Dandolo e nel quartiere Esquilino si fa festa con chi vive per stradae con gli anziani

26 Maggio 2011

Lima (Perù) - "Festa della Speranza" con gli amici che vivono per la strada

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | RU
25 Marzo 2011

Würzburg (Germania) - Preghiera in memoria dei poveri morti per la vita in strada

IT | EN | DE | FR | PT | NL
1 Marzo 2011

Barcellona (Spagna) - Liturgia in memoria degli amici senza fissa dimora morti a causa della durezza della vita per strada

IT | ES | CA
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
15 Agosto 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma
Comunità di Sant’Egidio, festa di Ferragosto con i più bisognosi
14 Agosto 2017
Vatican Insider
Ferragosto, Sant’Egidio: si fa festa con rifugiati, anziani, rom e senza dimora
10 Agosto 2017
La Repubblica
Le città della cura
31 Luglio 2017
L'huffington Post
Andrea Riccardi: La povertà non è un reato, lo dice la Cassazione, ma anche il buon senso di un’Italia solidale
31 Luglio 2017
Agoravox
Essere poveri non è reato. La Cassazione smentisce le ordinanze dei sindaci sceriffi?
tutta la rassegna stampa correlata