Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - homeless - la guida... lavarsi - la guida...lavarsi" contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

La guida per i senza dimora a Genova "Dove mangiare, dormire, lavarsi"


 
versione stampabile

La guida per i senza dimora a Genova "Dove mangiare, dormire, lavarsi"

Da La Repubblica - ed. Genova del 7 marzo 2010

IL CONVENTO dei frati minori aVoltri o quello di SantaMaria degli Angeli a Quarto per trovare un pasto caldo, l'Angolo in vico della Neve o le suore missionarie della Carità in via Poma a Prà per dormire, il Cottolengo di via Cellini per lavarsi: "Genova dove" non è una delle tante guide per turisti a Genova, ma un utilissimo libretto con tutti gli indirizzi per i senza fissa dimora, i poveri, che non hanno un letto per dormire né una cucina per farsi da mangiare. La nuova edizione, pubblicata dalla comunità di Sant'Egidio, è appena uscita e verrà distribuita, ovviamente gratis, in primo luogo ai senza tetto, ma anche a chi opera nel settore della carità e del volontariato, che in questi ultimi mesi hanno visto crescere le richieste di aiuto di chi non sa più dove andare a bussare.

«In effetti nel 2009 è cresciuto il numero delle persone servite e dei pacchi consegnati - spiega Doriano Saracino, della comunità di Sant'Egidio - e noi abbiamo anche aperto un centro nuovo a Sampierdarena, che raccoglie soprattutto stranieri». Nel 2009 in particolare le persone assistite dai Centri genti di Pace della comunità di Sant'Egidio è cresciuto da 3157 a 3978 (+26%), mentre i pacchi di alimentari e vestiario consegnati sono passati da 8550 a 10.721 (+25,4%), è cresciuto più il numero degli stranieri, che è aumentato del 27,1%,rispetto ad un incremento del 18,1% degli italiani.

Peraltro di fronte ad una povertà in aumento consistente i numeri fotografano anche una realtà fatta di solidarietà diffusa e molto presente in città: 19 mense servono 450 pasti al giorno, ai quali si aggiungono la distribuzione di panini e bevande, a pranzo in vari punti di accoglienza e a cena con le «cene itineranti», distribuite a chi dorme per strada da 12 gruppi, parrocchiali e non, che si alternato in modo coordinato nell'arco della settimana per tutto l'anno. «Anni fa questa iniziativa è nata in occasione delle serate particolarmente fredde - racconta Paola Bergamini, che si occupa appunto dei senza tetto - poi piano piano è diventata una realtà che copre quasi tutto l'anno». Il tentativo dei volontari è quello di portare cibo e bevande, ma anche una parola amica a chi dorme per strada.

I dormitori e i centri di accoglienza, tutti elencati con indirizzi e orari nella guida, sono invece 19 e possono accogliere 350 persone per notte, di cui solo una minima parte per donne, a questi si aggiungono nelle emergenze freddo poche decine di letti che vengono resi disponibili dal Comune solo quando la temperatura scende vicino allo zero. Almeno sette sono invece i luoghi dove è possibile fare una doccia o lavare i propri abiti, mentre 14 sono gli ambulatori dove si possono ricevere medicinali e visite specialistiche. Qui al malato non viene chiesto né il tesserino sanitario né il permesso di soggiorno. In città operano infine un centinaio di centri di ascolto parrocchiali e non solo dove si possono trovare aiuti di vario tipo, pacchi di alimenti, vestiti usati o aiuti di vario genere, complessivamente garantiscono 400 ore alla settimana di servizi ai poveri.


Scarica la GUIDA

Amici per la strada


NEWS CORRELATE
20 Marzo 2015
ROMA, ITALIA

Alla Stazione Termini il ricordo di Modesta, la "santa dei senza dimora", sabato 21 marzo alle 11 al binario 1


Sant'Egidio e le Ferrovie dello Stato invitano i romani a sostare nel luogo dove morì 32 anni fa
21 Febbraio 2014
AVERSA, ITALIA

Il ricordo di Biki e degli amici poveri che hanno perso la vita nelle strade di Aversa

20 Febbraio 2014
PADOVA, ITALIA

Fiori e candele a Padova, per ricordare quanti hanno perso la vita per il freddo e la povertà

18 Febbraio 2014
GENOVA, ITALIA

Vivere e morire per la strada. Genova ricorda gli homeless


Dolore e speranza nella liturgia in memoria di Pietro, persona senza fissa dimora
18 Agosto 2011

Aperti per ferie: a Roma alla mensa di via Dandolo e nel quartiere Esquilino si fa festa con chi vive per stradae con gli anziani

26 Maggio 2011

Lima (Perù) - "Festa della Speranza" con gli amici che vivono per la strada

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | RU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
16 Novembre 2017
Corriere della Sera
Omicidio a Roma, viaggio nei sottopassi romani: tanfo, giacigli, vite nascoste. "E' casa mia, di qui non passi"
16 Novembre 2017
Radio Vaticana
Papa: miseria non è una fatalità. Sant’Egidio: mettere i poveri al centro
10 Novembre 2017
Roma
Ma a Napoli sono tanti gli "invisibili"
8 Novembre 2017
Avvenire
Un caffè per i clochard e la possibilità d'aiutare
1 Novembre 2017
Il Gazzettino - ed. Padova
Influenza, vaccini gratuiti per le persone in difficoltà
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1646 visite

1627 visite

1613 visite

1676 visite
tutta i media correlati