Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - programm...gratuita - burkina ...bre 2008 contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Burkina Faso Ottobre 2008


 
versione stampabile

BRAVO! Uno studio
sulla situazione della registrazione anagrafica in Burkina Faso”

Nell’ambito del programma BRAVO! è stato effettuato uno studio sulla situazione della registrazione anagrafica dei bambini in Burkina Faso, paese estremamente povero dell’Africa occidentale, in cui la speranza di vita è di 48 anni e la mortalità infantile è molto alta.

I Dati

Il Burkina Faso ha una popolazione di più di 13 milioni di persone (13.730.000), di questi circa 8 milioni non sono registrati. I minori da 0 a 18 anni non registrati si stima siano intorno ai 5 milioni (il 67%).

I motivi

La mancata registrazione anagrafica è legata all’analfabetismo, perché il 76,8% della popolazione risulta essere analfabeta. Molte famiglie non registrano i bambini perché non ne comprendono la necessità e l’utilità. Spesso i genitori, a loro volta, non sono registrati e questo è un ostacolo in più. Infatti le procedure prevedono che i genitori possono registrare i bambini solo se anch’essi sono stati registrati. Questo provoca l’instaurarsi di un circolo vizioso che perpetua la mancata registrazione dei nuovi nati.

Il paese è rurale (10 milioni di persone vivono in campagna mentre solo 3 milioni vivono in città), è punteggiato da numerosissimi villaggi, che hanno il centro comunale di riferimento a volte a più di 20 km di distanza. Anche questo è uno dei motivi della mancata registrazione dei bambini burkinabè quando nascono.

Tuttavia nelle aree urbane la registrazione anagrafica non risulta essere così diffusa come si spererebbe.

In Burkina Faso, come in altri paesi, in genere è consentito che i bambini frequentino la scuola anche senza aver presentato il certificato di nascita. E in un paese con una così alta percentuale di bambini non registrati questa è una misura che favorisce la scolarizzazione. Ma la consegna del certificato può essere dilazionata al massimo fino all’ultimo anno del ciclo scolastico, perché prima del termine dell’anno va consegnato, pena il non conseguimento del titolo di studio.

La procedura

La procedura è semplice: la registrazione è competenza del sindaco (del villaggio o del comune) che ha l’obbligo di registrare nascite, matrimoni e morti GRATUITAMENTE. Al momento della registrazione viene richiesto il foglio del centro di salute o della levatrice o la dichiarazione di due testimoni. Viene rilasciata gratuitamente una copie integrale e che è la prova dell’avvenuta registrazione. Se i parenti vogliono un certificato in più si paga.

Se la nascita non è stata registrata entro 60 giorni dal parto, il bambino può essere registrato con un Jugement Supplétif (giudizio suppletivo) davanti al Prefetto della zona presso il Tribunale dipartimentale. Dal Tribunale viene registrata la nascita e viene mandata copia al comune. La procedura di giudizio suppletivo però è a pagamento, è piuttosto costosa e prevede che si raggiunga il Tribunale della regione.

Quest’ultima procedura viene utilizzata poco dalla popolazione perché risulta complicata e costosa.

Il 2009 è stato dichiarato ANNO DELLA REGISTRAZIONE ANAGRAFICA dal governo burkinabé che intende sensibilizzare la popolazione sul valore e la necessità di questo rilevante diritto dei bambini e ci si aspetta di aumentare la percentuale di bambini registrati ala nascita. Il programma BRAVO! intende contribuire  e sostenere questo importante impegno.

Sostieni Bravo! con una donazione

Scrivi a BRAVO!

Segreteria del programma BRAVO!

Tel +39 06 89922406

Scrivi a BRAVO!

"Sostieni il programma BRAVO!" Uno spot con Christian De Sica


 

NEWS CORRELATE
24 Aprile 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

In Congo Sant'Egidio celebra la Pasqua liberando alcuni giovani prigionieri dal carcere di Bukavu

IT | ES | FR
5 Aprile 2017
BENIN

Andrea Riccardi alle Comunità del Benin: un paese crocevia di etnie può insegnare il gusto di vivere insieme

IT | DE | NL
2 Aprile 2017
TOGO

Sant'Egidio, un popolo di amici sulla strada, con i poveri: la visita di Andrea Riccardi alle Comunità del Togo

IT | ES | DE | FR | NL
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
BURKINA FASO

Marius vive in Burkina Faso, ha sette anni e vuole andare a scuola. Ma serve il certificato di nascita....


...per questo nel villaggio è arrivato il programma BRAVO
IT | ES | DE | FR | NL | HU
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
22 Aprile 2017
L'Osservatore Romano
Senza arrendersi alla disumanità
20 Aprile 2017
SIR
Corridoi umanitari: Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio in Etiopia per aprire il primo canale dall’Africa
14 Aprile 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera
Il mercato della fede tra sette, miracoli e promesse di soluzione dei problemi quotidiani
28 Marzo 2017
La Civiltà Cattolica
La corruzione che uccide
18 Marzo 2017
Radio Vaticana
Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1322 visite

1240 visite

1330 visite

1533 visite

1367 visite
tutta i media correlati