change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - münster... di pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
17/10/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
11 Settembre 2017 16:30 | Bischoefliches Priesterseminar Borromaeum - Aula

Intervento di Shmuel Aharon Brodman



Shmuel Aharon Brodman


Rabbino, Germania
La non violenza nell'ebraismo
 
Gli ultimi anni hanno visto la rinascita di un antico fenomeno: La violenza in nome della religione.
Molte persone, provenienti da diversi paesi e culture, trovano nella violenza e negli attacchi brutali un mezzo legittimo per mandare messaggi e lasciare un patrimonio di credenze e idee religiose corrotte.
Ma cosa vuole il Signore? È la violenza, sia fisica sia verbale, accettabile ai suoi occhi? L'aggressione e la belligeranza sono un modo legittimo e logico di agire?
Quindi guardiamo insieme nelle antiche fonti ebraiche, nell'Antico Testamento e impariamo da questi testi la visione del mondo dell'ebraismo.
 
***
 
La storia del popolo ebraico inizia nell'antico Egitto. Migliaia di Ebrei costretti a lavorare come schiavi, senza nessuna speranza in vista né un flebile raggio di luce. Nella foschia di questa difficile vita, l'Antico Testamento descrive un incontro casuale della persona destinata a divenire il capo del popolo ebraico, Mosè, e un paio di ebrei lavoratori.
Questi due ragazzi hanno cominciato a combattere tra loro. Non sappiamo per quale motivo. Ma nel mezzo delle grida e dei litigi, Mosè nota un movimento che non gli piace. Vede uno dei due alzare la mano per colpire l'altro.
E Mosè protesta con violenza: "e disse al peccatore: perché colpiresti il tuo compagno?" Perché lo stai colpendo? Perché feriresti un altro uomo?
Facciamo attenzione al suffisso che viene dato all'ebreo con la mano alzata. Peccatore. Anche se non ha ancora colpito l'altro uomo - secondo molti studiosi del testo sacro. La volontà di far male a qualcuno basta a rendere un uomo un peccatore, una persona malvagia.
E no. Il fatto che le loro vite siano piene di travaglio e di sofferenza non rende l'atto meno grave. Anche prima che la nazione si alzi in piedi, il suo futuro leader sta già chiedendo loro di ricordare che nessuno è responsabile della loro sofferenza personale. Non importa quanto sia complicata la vita, non importa quello che un uomo deve sopportare. Non c'è una scusa per l'uso della forza fisica. Non esiste alcuna giustificazione nel mondo che possa rendere accettabile la violenza.
 
***
 
Anni dopo che i popoli d'Israele ricevettero l'Antico Testamento, un estraneo andò da uno dei saggi della religione ebraica, Rabbi Akiva, e gli chiese di dirgli in una sola frase l'essenza dell'ebraismo. Una frase, che riassuma l'idea essenziale su cui basano i principi della religione ebraica.
Il rabbino Akiva gli rispose: "Quello che è odioso per te, non farlo agli altri". La linea di base, la base per comprendere la Torà e per unirsi al popolo ebraico, è una profonda comprensione e un autocontrollo perenne. Non fare a qualcun altro quello che non vorresti fosse fatto a te. Abituati a pensare alle esigenze degli altri come se fossero le tue esigenze e desideri. Tutto ciò che ti disturba, tutto ciò che ti è odioso - non farlo a qualcun altro. Mai.
Le parole del Rabbi Akiva si basano sul versetto "Ama il prossimo tuo come te stesso". L'obiettivo perseguito dalla Torà è far sì che le persone eseguano azioni positive verso le altre persone come farebbero a sé stessi. La Torà si aspetta che noi riusciamo a mostrare ad altre persone lo stesso amore che proviamo verso noi stessi. Ma questo ovviamente è il lavoro intensivo di una vita intera. Ma la richiesta minima e fondamentale di ogni essere umano è quella di non far del male a nessuno - anche se non si è interessati a fare del bene agli altri come a sé stessi. Far soffrire una persona, danneggiare la sua vita privata è contro la filosofia ebraica. Il famoso Maimonide scrive che tutte queste regole non valgono solo tra gli ebrei, ma anche tra ebrei e non ebrei. Gli ebrei hanno un comandamento che gli impone di visitare anche malati non ebrei, organizzare un funerale rispettoso per i non ebrei e sostenere finanziariamente poveri non ebrei.  È scritto nelle nostre sante Scritture che Dio è buono e misericordioso per tutte le sue creature. Siamo tutti creati su immagine di Dio e dobbiamo mostrare rispetto verso tutte le sue creature, senza prendere in considerazione i loro pensieri e le loro convinzioni.
La domanda della Bibbia si riferisce non solo alla violenza fisica ma anche alla violenza verbale. Non siamo autorizzati a maledire qualcuno, anche se non è presente. Re Salomone dice che le parole possono uccidere. Una dichiarazione irresponsabile può causare danni a lungo termine a qualcun altro. Nel mondo di Dio non c'è posto per qualsiasi tipo di violenza. Lotta per amare ognuno come ami te stesso e non far del male a nessuno, non importa chi sia e cosa sostenga. Mai!
Molte grazie.
 

 

#peaceispossible #stradedipace
PROGRAMMA in PDF


RASSEGNA STAMPA CORRELATA
15 Ottobre 2017
Herder Korrespondenz
Sant'Egidio: Auf der Suche nach der Gemeinsamkeit
28 Settembre 2017
Credere La Gioia della Fede
Bogotà e Munster: la pace e il dialogo
21 Settembre 2017
Credere La Gioia della Fede
Nel 2018 l'Incontro per la pace torna in Italia
18 Settembre 2017
Vatican Insider
Le religioni mondiali unite nel costruire “Strade di Pace”
17 Settembre 2017
La Vanguardia
Corredores de paz
tutta la rassegna stampa correlata


Giovani x la Pace