change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - münster... di pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24/10/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
11 Settembre 2017 16:30 | Bezirksregierung Muenster, Freiherr-vom-Stein-Saal

Intervento di Masaharu Matsuda


Masaharu Matsuda


Tenrikyo, Giappone
Il mio nome è Masaharu Matsuda, un ministro associato residente presso la sede della Chiesa di Tenrikyo, situato a Tenri, Nara, in Giappone. Tenrikyo ha partecipato a questa riunione internazionale numerose volte e ha anche presentato i nostri insegnamenti e attività. Poiché questa sessione è intitolata "Le età della vita umana", e ci è stato chiesto di sviluppare "una riflessione spirituale sul rapporto tra le generazioni nell'era della longevità", vorrei cogliere questa opportunità come rappresentante di Tenrikyo per condividere con voi i miei pensieri sul ruolo della religione riguardo a questa tematica.
Permettetemi, in primo luogo, di ricorrere alla mia esperienza personale. Sono cresciuto in una grande famiglia. I miei nonni e i miei genitori erano anch’essi ministri residenti di Tenrikyo ed anch’io crebbi con l’idea che sarei diventato un giorno un ministro come loro. Prima di andare avanti devo chiarire che il genere non ha alcuna influenza sulla qualifica di ministro di Tenrikyo, come ci viene insegnato che non vi sia discriminazione tra "pino femminile e pino maschile". Inoltre, i ministri di Tenrikyo sono anche incoraggiati a sposarsi. A questo proposito, Tenrikyo può essere fondamentalmente diverso da alcuni altri gruppi religiosi. Mi sono sposato quando avevo 31 anni e mia moglie aveva 25 anni. Siamo stati benedetti con tre figli. Quando nasceva la nostra figlia più giovane, nella mia famiglia c'erano otto persone: il più vecchio era di 97 anni e la più giovane era una neonata, una famiglia con quattro generazioni. A un certo punto, mia moglie, i nostri figli e io siamo rimasti lontani da casa per circa otto anni a causa del mio servizio a Singapore. Lettere e telefonate dai nostri figli avrebbero sempre portato gioia a mio nonno come ai miei genitori.
Mio nonno è morto all’età di 100 anni. Negli ultimi 15 anni della sua vita era stato per lo più a letto e per questo motivo necessitava di assistenza. Il mio secondo figlio nacque con gli occhi pigri. In realtà, ci sono stati momenti difficili per noi in molti modi, ma non ho mai pensato: "Chissà se nella mia famiglia non ci fossero stati i bisogni legati all’età anziana e disturbi fisici?" È assurdo cercare di evitare l'invecchiamento e la malattia; vivere con persone che hanno bisogno di una sorta di cura è inevitabile dovunque tu sia. C'è sempre un motivo per ciò che ci sta accadendo. In essa c'è sempre l'intenzione di Dio; quindi, l'accettazione è di primaria importanza. Anche se non siamo una famiglia ricca, siamo molto felici perché cerchiamo sempre di accettare le cose con gioia e superare le difficoltà con la fede. Siamo uniti in una semplice convinzione: la fede che Dio si prenderà cura di noi finché facciamo del nostro meglio per essere buoni. Questo è il modo in cui ognuno dei nostri familiari sta cercando di crescere spiritualmente, vale a dire, cercando di essere una persona migliore ogni giorno.
Quando mio nonno è scomparso, il dolore profondo e inesprimibile è caduto su di noi, eppure tutti ci siamo sentiti gioiosi. Non perché avremmo dovuto smettere di prenderci cura di lui. Ma perché ha avuto una vita così lunga, e grazie a lui siamo stati in unità e siamo cresciuti. La longevità è sempre una benedizione? Dipende dal fatto che vi sia amore nel luogo in cui vivi.
In una società che invecchia, ci troviamo di fronte a molte sfide sociali. Molte persone anziane vivono da sole perché sono escluse dai loro luoghi di appartenenza. La povertà prevale non solo nei paesi in via di sviluppo ma anche nelle regioni economicamente avanzate. La malattia non scompare mai. Pertanto, il numero di persone socialmente vulnerabili è in aumento. La crescita della popolazione è direttamente correlata a questioni ambientali. Non vogliamo più sentire notizie di abusi ai minori e abusi sessuali. Un' età di longevità è spesso parafrasata come "un'era di complessità". Non ci sono risposte e soluzioni facili ai problemi moderni, e quel tipo di confusione ci fa sentire perduti e smarriti.
Il compito affidato a quelli di noi che sono pienamente dedicati alla vita religiosa, come sacerdoti, monaci, pastori, reverendi, ministri, ecclesiastici, ecc., è quello di agire. Far sentire le nostre opinioni e decisioni sulle questioni sociali può influenzare gli altri. Eppure, ciò che è più importante e convincente è quello di fare tutto ciò che è alla tua portata. Vai a casa presto e trascorrere più tempo con la tua famiglia. Esprimi gratitudine ai tuoi genitori e trattali con affetto filiale. Educa i tuoi figli a casa, e non lasciare tale compito esclusivamente alla scuola. Mostra il tuo amore e la tua cura altrettanto per gli anziani, i giovani e disabili. Dite e convincete i vostri compagni a fare tutte queste cose, perché credo fermamente che coloro che non amano la propria famiglia non possono amare gli altri.
Ci focalizziamo sempre sul nostro ideale, ma allo stesso tempo dobbiamo riflettere su  noi stessi chiedendoci se stiamo facendo il lavoro effettivo per esso. Nel Tenrikyo ci insegnano:
 
Anche tra genitore e figlio, marito e moglie, e fratelli e sorelle: le loro menti sono diverse l’una dall’altra.
Ofudesaki V: 8
 
Solo quando la tua gioia porta gioia agli altri, può essere chiamata vera gioia. Se provi gioia per te stesso mentre stai causando sofferenza ad altre persone, questo non può essere chiamata vera gioia.
Osashizu, 11 dicembre 1897
 
Ognuno di noi è diverso e unico, eppure abbiamo una cosa in comune - nessuno di noi è perfetto. L'obiettivo di Tenrikyo è la vita gioiosa, dove tutte le persone del mondo si aiutano reciprocamente, vivono gioiosamente e portano quindi gioia a Dio. Io, in qualità di ministro di Tenrikyo, devo cercare di assicurare l'aiuto reciproco nella mia famiglia prima di predicare agli altri di farlo. Tenrikyo insegna inoltre:
Cosa pensi che sia questo percorso?
È solo un aiuto reciproco tra tutte le persone in tutte le questioni.
Ofudesaki XIII: 37
 
Ogni religione ha i suoi insegnamenti per raggiungere il proprio obiettivo, ma ciò che è più importante è quello di attuare gli insegnamenti all'interno della vostra famiglia.
A volte l'ideale è così grande che si tende a disegnare un progetto spettacolare. Potremmo pensare che istituire e costruire le istituzioni risolverà i problemi menzionati in precedenza. A volte questo vuol dire molti tipi di finanziamenti, organizzazioni caritatevoli e negoziati politici. Sì, sarebbe meraviglioso se tutti i nostri sogni diventassero realtà. Tuttavia, è ancora più importante iniziare con qualcosa di vicino e alla nostra portata che costruire qualcosa di grande in un sol colpo. Avendo più istituzioni come ospedali, case di cura, ospedali, orfanotrofi, scuole è buono, naturalmente, e anche Tenrikyo, proprio come altre organizzazioni basate sulla fede, fornisce al pubblico tali strutture. Tuttavia, prima dovremmo chiederci se ognuno di noi si occupa di coloro che sono malati, si prende cura degli anziani e insegna ai bambini piccoli a sviluppare la fede nella nostra vita quotidiana e nelle nostre famiglie. Anche se non vivi con la tua famiglia, puoi sempre raggiungere i tuoi vicini, amici e colleghi. Iniziare con qualcosa di semplice e diffonderlo in cerchi più ampi. Credo che sia un modo giusto per lavorare verso un obiettivo.
Prima di concludere, vorrei aggiungere un'altra cosa. Mentre la popolazione mondiale nel suo complesso sta crescendo, la popolazione di molti paesi sta diminuendo. Questo significa che il numero di seguaci di alcune religioni sta diminuendo. Nell'era della longevità, la cura dei giovani credenti è anche una questione urgente.
Quelli di noi che si dedicano alla fede devono essere un modello non solo per i nostri confratelli, ma anche per tutte le persone nel mondo. Il Secondo Shinbashira, leader di Tenrikyo tra il primo e il ventesimo secolo, ha detto che se ti viene chiesto quale sia Tenrikyo, la tua risposta migliore sarà quella di dire: "Guardami". Vorrei concludere le mie osservazioni chiedendovi umilmente di porvi la domanda se stiate davvero cercando di essere un modello nel mondo di oggi della longevità e della complessità.
Quando tornerò in Giappone dopo questo incontro internazionale, riprenderò a fare cose molto semplici, aiutando mia moglie a preparare la prima colazione, fare tè e caffè per i nostri genitori e inviare i nostri figli alla sede della Chiesa prima di andare a scuola.

 

#peaceispossible #stradedipace
PROGRAMMA in PDF


RASSEGNA STAMPA CORRELATA
15 Ottobre 2017
Herder Korrespondenz
Sant'Egidio: Auf der Suche nach der Gemeinsamkeit
28 Settembre 2017
Credere La Gioia della Fede
Bogotà e Munster: la pace e il dialogo
21 Settembre 2017
Credere La Gioia della Fede
Nel 2018 l'Incontro per la pace torna in Italia
18 Settembre 2017
Vatican Insider
Le religioni mondiali unite nel costruire “Strade di Pace”
17 Settembre 2017
La Vanguardia
Corredores de paz
tutta la rassegna stampa correlata


Giovani x la Pace