Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - solidari...el mondo - chi sono...irmania? contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Chi sono i Rohingya e perché fuggono dalla Birmania?


 
versione stampabile
Aiutiamo i profughi Rohingya rifugiati in Bangladesh

Dona Online


La Chiesa cattolica del Bangladesh sta cercando di aiutare come è poossibile ma la situazione è davvero drammatica ed è necessario un coinvolgimento di tutti per inviare aiuti alimentari e generi di prima necessità.
 
1. Chi sono i Rohingya?
Un gruppo etnico non molto numeroso (poco più di un milione in patria, circa mezzo milione all’estero) che parla una lingua indoeuropea ed è di religione islamica (nella versione sunnita). Vive nella Birmania (o Myanmar) settentrionale, un paese la cui popolazione è in maggioranza buddista e parla lingue sino-tibetane. Secondo alcuni studiosi i Rohingya sarebbero giunti secoli fa in Birmania dal Bengala. Secondo altri sarebbero popolazioni “autoctone” islamizzatesi nel corso del tempo.
 
2. Perché i Rohingya fuggono dalla Birmania?
La maggior parte dei Rohingya è apolide. Per rafforzare il proprio consenso la giunta militare che ha governato la Birmania per mezzo secolo si è valsa di un mix di nazionalismo birmano e buddismo theravada, discriminando le minoranze come i Rohingya o i Kokang e i Panthay (musulmani di etnia cinese). Un compito facilitato dal fatto che per la maggioranza della popolazione, compresi molti attivisti democratici, i Rohingya e gli altri non sono compatrioti. Dal 1982, quindi, ai Rohingya è negata la cittadinanza. La conseguenza è uno status di inferiorità, una violazione continuata dei loro diritti umani, individuali e collettivi. I Rohingya vivono in campi sovraffollati fuori dalla città di Sittwe, capoluogo del Rakhine, non hanno accesso al sistema sanitario o scolastico, sono esposti ad arresti e detenzioni arbitrari nonché a lavori forzati, non hanno proprietà, non è concesso loro di viaggiare senza permesso ufficiale, sono tenuti a firmare un impegno a non avere più di due figli. I militari si sono resi responsabili di numerose violenze nei loro confronti, di omicidi, stupri e distruzione di moschee. Una vita sotto qualcosa di simile alle Leggi di Norimberga, in pratica. Secondo i militari la colpa di tutto questo è dei Rohingya, perché un Arakan Rohingya Salvation Army effettua di tanto in tanto degli attacchi a stazioni di polizia. Ma c’è una sproporzione evidente tra l’operato di tale guerriglia e la condizione di discriminazione cui un intero popolo è stato sottoposto.

3. Come vivono i Rohingya nei campi profughi?
Centinaia di migliaia di Rohingya sono fuggiti dalla Birmania negli ultimi anni. In prevalenza verso il Bangladesh, ma anche verso la Thailandia, la Malesia (Malaysia) o l’Indonesia. Tra i 3 e i 400.000 bambini, donne e uomini hanno attraversato la frontiera col Bangladesh per trovarvi riparo, fermandosi in particolare in un’area circostante Cox’s Bazar. Le condizioni dei profughi sono terribili: cibo e vestiti non sono sufficienti per tutti. Recentemente un fotografo di Associated Press, Dar Yasin, ha passato qualche giorno con i profughi e ha scattato molte foto. Alcune di esse accompagnano queste righe.

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Agosto 2017
Domradio.de
"Franziskus kann für Umdenken sorgen"
16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung
"Grazie mille, Papa Francesco"
2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità
Connessi al Centrafrica
31 Ottobre 2016
Vatican Insider
Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi
2 Agosto 2016
kath.ch
«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»
tutta la rassegna stampa correlata