Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - liberare...gionieri - “nessu...frica” contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

“Nessuno è così povero da non poter aiutare un altro: un anno della Campagna “LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA”


 
versione stampabile

“Nessuno è così povero da non poter aiutare un altro: un anno della Campagna “LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA”
23 giugno 2010

Compie un anno, in questi giorni, la campagna “Liberare i prigionieri in Africa”, avviata nel luglio 2009 nelle carceri italiane.

Un anno in cui la Comunità di Sant’Egidio ha coinvolto migliaia di detenuti, italiani e stranieri, in un’azione di solidarietà che ha permesso di inviare aiuti di prima necessità nelle carceri di due paesi africani, la Guinea e il Mozambico.

La campagna parte da una certezza: che la solidarietà non solo è possibile sempre, in qualunque condizione, ma è anche un motivo di dignità e di umanità per chi la esercita.
 
“Davvero anche io posso aiutare altri?” E' stata la domanda, stupita, ma anche entusiasta, che ha spinto tanti detenuti e detenute, nonostante la situazione di grave difficoltà in cui versano oggi molte carceri italiane (si veda a questo proposito il Dossier carceri, reso pubblico dalla Comunità di Sant’Egidio), a rispondere positivamente alla proposta di offrire un aiuto ai prigionieri delle carceri africane, per migliorarne le condizioni di vita.
 
In un anno, la possibilità di partecipare a questa iniziativa ha restituito dignità a quasi tremila persone, detenute in 41 istituti di pena in tutta Italia.
Somme piccolissime (un euro, a volte anche meno) si sono trasformate in sapone, stuoie, alimenti di base (riso, farina zucchero), che hanno raggiunto 6.850 persone detenute nelle carceri di Guinea e Mozambico.
 
"Liberare i prigionieri in Africa" si è sviluppata attraverso la realizzazione di incontri in cui vengono illustrate, anche con dei sussidi audiovisivi, le condizioni delle carceri in Africa. La partecipazione dei detenuti è intensa, fanno molte domande, spesso prendono appunti, rispondono positivamente alla richiesta di aiuto. Nel deserto delle giornate solitarie nel carcere, questi incotnri hanno rappresentato anche un motivo di socializzazione, di colloquio e di apertura al mondo "oltre le sbarre". Inoltre, molto spesso, solo gli stessi partecipanti a farsi carico di diffondere la notizia tra gli altri, di trasmetterne i contenuti e la proposta.
“Avere la possibilità di aiutare un altra persona è sempre molto gratificante”, “Aiutare gli altri fa bene al cuore” , “Aiutare gli altri ci restituisce dignità” e ancora “Dare un euro riempie l’anima” sono alcune delle frasi ascoltate nel corso di questi incontri o contenute nelle molte lettere giunte nel corso dell’anno ai responsabili della campagna.
 
Una vita più umana
 
Momenti di umanizzazione e di apertura al mondo, di riconciliazione con le proprie origini, la possibilità di ristabilire un legame con la patria lontana. C’è tutto ciò e molto di più nelle iniziative connesse con “Liberare i prigionieri in Africa”.
 
Come la liturgia per l’Africa, celebrata nel carcere romano di Regina Coeli lo scorso ottobre, alla presenza di mons. Thadeus Rwaichi, vescovo di Dodoma e Presidente della Conferenza Episcopale della Tanzania, e di Mme Marguerite Barankitse, attivista burundese per i diritti dell’uomo.
 
Anche l’incontro tra 70 detenute dell’Istituto di Rebibbia Femminile con Kpakile Felemou, responsabile della Comunità di Sant’Egidio in Guinea Conakry è stato un momento importante della campagna. “Sono consapevole delle difficoltà che vivete anche voi” - ha detto - “ma dobbiamo ricordare la ‘regola d’oro’ del Vangelo: tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro”.
 

Lettere dal carcere

 
Ma sono tante le lettere, spesso molto toccanti, che hanno accompagnato questo anno di campagna "Liberare i prigionieri in Africa". Ne pubblichiamo alcuni stralci:
Una donna italiana, in un carcere del Sud, si è fatta promotrice di un'azione di solidarietà: “(…) di fronte a tanta sofferenza mi sono sentita di proporre di aiutare noi tutte insieme chi vive non solo il disagio della prigionia, ma soffre anche la fame e la sete. La mia proposta è stata accolta con un grande spirito di partecipazione, infatti tutti hanno fatto un’offerta con amore e con la speranza che un piccolo gesto possa diventare un grande aiuto. Augurando un migliore futuro a tutti coloro che come noi conoscono la sofferenza, vivo nella speranza che la vita possa donare a tutti ciò che di più bello essa custodisce. Grazie“
Gratitudine emerge anche dalla lettera di un uomo, che scrive: "Una cosa è raccogliere fondi, ma il lavoro che questo ha comportato, per procurare aiuti a coloro che ne avrebbero beneficiato, è ben diverso.
Come tutti i detenuti in ogni parte del mondo, noi , in questo carcere, abbiamo un enorme numero di problemi, ma nonostante ciò, non riuscivamo a capire la maggior parte delle cose che ascoltavamo. Era impensabile immaginare come voi siete costretti a vivere, è inumano, iniquo. 
Questo ha spinto tutti noi, al di là di ogni barriera, a lavorare per questa raccolta di fondi con tutte le risorse a nostra disposizione.
Voglio usare questa lettera anche per ringraziare i miei amici detenuti in Italia, i funzionari e tutte le persone coinvolte, per la loro risposta a questa richiesta. GRAZIE A TUTTI!".

E l'aiuto ai più poveri tra i poveri diventa una forma di "dialogo tra le fedi", come nella lettera di M.,  nordafricano di religione musulmana: "Io vi aiuto con quello che ho e soprattutto con la mia preghiera, ogni giorno, e spero di uscire anche io un giorno dal carcere e Dio mi perdoni per i peccati che ho fatto nel passato, così posso anche aiutare i miei fratelli in Africa. Un saluto da parte mia e da parte di tutti i musulmani per voi cristiani, uniti per la pace" .

Amici in carcere

Campagna Liberare i
Prigionieri in Africa



Sostieni il programma Liberare i prigionieri con una donazione

NEWS CORRELATE
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
21 Febbraio 2017
EL SALVADOR

25 anni di pace in Salvador: Sant'Egidio li festeggia inviando aiuti umanitari ai detenuti


I giovani della Comunità si occupano della distribuzione alle famiglie dei prigionieri e ai minori trattenuti
IT | ES | DE | FR | PT | NL | RU
21 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Vi ricordate Moise e Samuel, bambini di strada che avevano ottenuto un diploma? Eccoli qua al lavoro!!

IT | ES | DE | FR | PT
8 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO
Giornata di preghiera e riflessione contro la tratta degli esseri umani

Giornata contro la tratta: la storia Moise e Samuel, dalla condizione di "invisibili" a un diploma professionale

IT | ES | DE | FR | PT | RU
2 Febbraio 2017
DOUALA, CAMERUN

Un tendone per rendere più umane le condizioni di vita nel carcere di New Bell a Douala, Cameroun

IT | ES | DE | PT
8 Novembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Nel carcere di Douala, dove con il passaggio della Porta Santa si è compiuto il ''miracolo della solidarietà''


Da quando è stato celebrato il Giubileo nella prigione, i detenuti hanno dato vita a un movimento di misericordia nel carcere, sostenendo i prigionieri più in difficoltà.
IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Gennaio 2017
ANSA med
A Napoli presepe dei detenuti dedicato a viaggio migranti
26 Dicembre 2016
Ristretti Orizzonti
Genova: i cenoni in trasferta di Sant'Egidio, festa con migranti e detenuti
24 Novembre 2016
Radio Vaticana
Sant'Egidio presenta riforme per umanizzazione delle carceri
19 Novembre 2016
RP ONLINE
Amerikanischer Traum endet in der Todeszelle
16 Novembre 2016
Radio Vaticana
Marazziti: grati a Francesco, non c'è pena giusta senza speranza
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

208 visite

234 visite

188 visite

198 visite

192 visite
tutta i media correlati