Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - liberare...gionieri - “nessu...frica” contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

“Nessuno è così povero da non poter aiutare un altro: un anno della Campagna “LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA”


 
versione stampabile

“Nessuno è così povero da non poter aiutare un altro: un anno della Campagna “LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA”
23 giugno 2010

Compie un anno, in questi giorni, la campagna “Liberare i prigionieri in Africa”, avviata nel luglio 2009 nelle carceri italiane.

Un anno in cui la Comunità di Sant’Egidio ha coinvolto migliaia di detenuti, italiani e stranieri, in un’azione di solidarietà che ha permesso di inviare aiuti di prima necessità nelle carceri di due paesi africani, la Guinea e il Mozambico.

La campagna parte da una certezza: che la solidarietà non solo è possibile sempre, in qualunque condizione, ma è anche un motivo di dignità e di umanità per chi la esercita.
 
“Davvero anche io posso aiutare altri?” E' stata la domanda, stupita, ma anche entusiasta, che ha spinto tanti detenuti e detenute, nonostante la situazione di grave difficoltà in cui versano oggi molte carceri italiane (si veda a questo proposito il Dossier carceri, reso pubblico dalla Comunità di Sant’Egidio), a rispondere positivamente alla proposta di offrire un aiuto ai prigionieri delle carceri africane, per migliorarne le condizioni di vita.
 
In un anno, la possibilità di partecipare a questa iniziativa ha restituito dignità a quasi tremila persone, detenute in 41 istituti di pena in tutta Italia.
Somme piccolissime (un euro, a volte anche meno) si sono trasformate in sapone, stuoie, alimenti di base (riso, farina zucchero), che hanno raggiunto 6.850 persone detenute nelle carceri di Guinea e Mozambico.
 
"Liberare i prigionieri in Africa" si è sviluppata attraverso la realizzazione di incontri in cui vengono illustrate, anche con dei sussidi audiovisivi, le condizioni delle carceri in Africa. La partecipazione dei detenuti è intensa, fanno molte domande, spesso prendono appunti, rispondono positivamente alla richiesta di aiuto. Nel deserto delle giornate solitarie nel carcere, questi incotnri hanno rappresentato anche un motivo di socializzazione, di colloquio e di apertura al mondo "oltre le sbarre". Inoltre, molto spesso, solo gli stessi partecipanti a farsi carico di diffondere la notizia tra gli altri, di trasmetterne i contenuti e la proposta.
“Avere la possibilità di aiutare un altra persona è sempre molto gratificante”, “Aiutare gli altri fa bene al cuore” , “Aiutare gli altri ci restituisce dignità” e ancora “Dare un euro riempie l’anima” sono alcune delle frasi ascoltate nel corso di questi incontri o contenute nelle molte lettere giunte nel corso dell’anno ai responsabili della campagna.
 
Una vita più umana
 
Momenti di umanizzazione e di apertura al mondo, di riconciliazione con le proprie origini, la possibilità di ristabilire un legame con la patria lontana. C’è tutto ciò e molto di più nelle iniziative connesse con “Liberare i prigionieri in Africa”.
 
Come la liturgia per l’Africa, celebrata nel carcere romano di Regina Coeli lo scorso ottobre, alla presenza di mons. Thadeus Rwaichi, vescovo di Dodoma e Presidente della Conferenza Episcopale della Tanzania, e di Mme Marguerite Barankitse, attivista burundese per i diritti dell’uomo.
 
Anche l’incontro tra 70 detenute dell’Istituto di Rebibbia Femminile con Kpakile Felemou, responsabile della Comunità di Sant’Egidio in Guinea Conakry è stato un momento importante della campagna. “Sono consapevole delle difficoltà che vivete anche voi” - ha detto - “ma dobbiamo ricordare la ‘regola d’oro’ del Vangelo: tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro”.
 

Lettere dal carcere

 
Ma sono tante le lettere, spesso molto toccanti, che hanno accompagnato questo anno di campagna "Liberare i prigionieri in Africa". Ne pubblichiamo alcuni stralci:
Una donna italiana, in un carcere del Sud, si è fatta promotrice di un'azione di solidarietà: “(…) di fronte a tanta sofferenza mi sono sentita di proporre di aiutare noi tutte insieme chi vive non solo il disagio della prigionia, ma soffre anche la fame e la sete. La mia proposta è stata accolta con un grande spirito di partecipazione, infatti tutti hanno fatto un’offerta con amore e con la speranza che un piccolo gesto possa diventare un grande aiuto. Augurando un migliore futuro a tutti coloro che come noi conoscono la sofferenza, vivo nella speranza che la vita possa donare a tutti ciò che di più bello essa custodisce. Grazie“
Gratitudine emerge anche dalla lettera di un uomo, che scrive: "Una cosa è raccogliere fondi, ma il lavoro che questo ha comportato, per procurare aiuti a coloro che ne avrebbero beneficiato, è ben diverso.
Come tutti i detenuti in ogni parte del mondo, noi , in questo carcere, abbiamo un enorme numero di problemi, ma nonostante ciò, non riuscivamo a capire la maggior parte delle cose che ascoltavamo. Era impensabile immaginare come voi siete costretti a vivere, è inumano, iniquo. 
Questo ha spinto tutti noi, al di là di ogni barriera, a lavorare per questa raccolta di fondi con tutte le risorse a nostra disposizione.
Voglio usare questa lettera anche per ringraziare i miei amici detenuti in Italia, i funzionari e tutte le persone coinvolte, per la loro risposta a questa richiesta. GRAZIE A TUTTI!".

E l'aiuto ai più poveri tra i poveri diventa una forma di "dialogo tra le fedi", come nella lettera di M.,  nordafricano di religione musulmana: "Io vi aiuto con quello che ho e soprattutto con la mia preghiera, ogni giorno, e spero di uscire anche io un giorno dal carcere e Dio mi perdoni per i peccati che ho fatto nel passato, così posso anche aiutare i miei fratelli in Africa. Un saluto da parte mia e da parte di tutti i musulmani per voi cristiani, uniti per la pace" .

Amici in carcere

Campagna Liberare i
Prigionieri in Africa



Sostieni il programma Liberare i prigionieri con una donazione

NEWS CORRELATE
8 Novembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Nel carcere di Douala, dove con il passaggio della Porta Santa si è compiuto il ''miracolo della solidarietà''


Da quando è stato celebrato il Giubileo nella prigione, i detenuti hanno dato vita a un movimento di misericordia nel carcere, sostenendo i prigionieri più in difficoltà.
IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016
LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO

Dove alla violenza si risponde con il perdono, là anche il cuore di chi ha sbagliato può essere vinto dall’amore


che sconfigge ogni forma di male. E così, tra le vittime e tra i colpevoli, Dio suscita autentici testimoni e operatori di misericordia.
IT | EN | ES | DE | FR | PT
30 Settembre 2016
BLANTYRE, MALAWI

A Blantyre, in Malawi, conferenza sul ruolo pubblico dei giovani per la pace, il dialogo e lo sviluppo

IT | EN | ES | FR | ID
9 Settembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Papa Francesco ai detenuti di Douala 'Bella la vostra Porta Santa: Il materiale è umile ma l'iniziativa è nobile'


Giubileo della Misericordia nelle carceri in Camerun
IT | ES | DE | FR
3 Giugno 2016
NIAMEY, NIGER

L'infanzia rubata dei bambini del Niger e la Comunità: il calore di una famiglia che serve per ricominciare


Con Sant'Egidio nel carcere minorile di Niamey
IT | ES | DE | PT | CA | HU
31 Maggio 2016
CONAKRY, GUINEA

La Porta Santa della Misericordia nella prigione centrale di Conakry

IT | ES | DE | FR | PT | HU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
24 Novembre 2016
Radio Vaticana
Sant'Egidio presenta riforme per umanizzazione delle carceri
19 Novembre 2016
RP ONLINE
Amerikanischer Traum endet in der Todeszelle
16 Novembre 2016
Radio Vaticana
Marazziti: grati a Francesco, non c'è pena giusta senza speranza
14 Ottobre 2016
Avvenire
Sant'Egidio Camerun, a Douala aperta la Porta Santa mobile dei detenuti
22 Giugno 2016
Avvenire
Il Papa: pena di morte inammissibile, contro il piano di Dio
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

178 visite

209 visite

186 visite

235 visite

172 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri