Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - programm...gratuita - mbeya (t...i simike contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Mbeya (Tanzania): Registrazione anagrafica per i bambini dell’orfanotrofio di Simike


 
versione stampabile

Mbeya (Tanzania): La registrazione anagrafica nell’orfanotrofio di Simike
16 settembre 2010

I bambini dell’orfanotrofio di Simike, a Mbeya, un centinaio circa, stanno ricevendo il piccolo documento allungato che costituisce il certificato di nascita tanzaniano. Quel documento che garantisce loro un’identità certa e la sicurezza dei propri diritti.

Per i bambini e per la Comunità di Mbeya, ma anche per gli adulti che hanno messo su l’orfanotrofio - in cui Sant’Egidio è presente da anni con una Scuola della Pace -, è l’occasione di una festa bella ed attesa da tempo.

La Comunità di Mbeya si è assunta in questi mesi il compito di portare a compimento il non semplice processo di registrazione anagrafica dei bambini dell’istituto.

Un’operazione complessa, non tanto per le pratiche che devono essere svolte, quanto per il fatto che la maggior parte degli orfani che sono a Simike non hanno nessun tipo di documento. Molti di loro sono stati abbandonati per la strada, ovvero sono giunti in orfanotrofio in tenerissima età, dopo essere nati in un’altra regione, distante a volte molti km da Mbeya, che è nell’estremo sud-ovest della Tanzania.

Il sistema di registrazione anagrafica in Tanzania funziona abbastanza bene nei capoluoghi di distretto, ma alta è la percentuale dei non registrati all’anagrafe nelle campagne. Inoltre il fatto che la procedura non sia mai gratuita, nemmeno alla nascita, fa sì che le fasce più povere della popolazione finiscano per rinviare questo appuntamento con la burocrazia e poi per rinunciare.

Nel caso degli orfanotrofi alle dinamiche appena accennate si affiancano appunto altri problemi, ovvero il reperimento della documentazione riguardante il minore in questione, cosa che risulta spesso non solo costosa, ma anche difficile da assicurare. La parte più complessa del lavoro della Comunità è consistita proprio nel recarsi nei vari distretti da cui provenivano alcuni dei bambini ospiti a Simike.

Tutte le Comunità della Tanzania (le operazioni preliminari alla registrazione sono iniziate anche a Arusha, a Iringa, a Dodoma e a Morogoro) vivono con gioia l’impegno - comune a tutto Sant’Egidio nel mondo - di garantire ai bambini di cui si prendono cura negli orfanotrofi e nelle Scuole della Pace quel documento che sarà essenziale per la protezione dei loro diritti, per il loro futuro nella società.

Ed il coinvolgimento in questa prospettiva è utile anche per contestare luoghi comuni e pregiudizi (come quello che afferma i bambini disabili possono pure fare a meno di un certificato di nascita, tanto …).

Sostieni Bravo! con una donazione

Scrivi a BRAVO!

Segreteria del programma BRAVO!

Tel +39 06 89922406

Scrivi a BRAVO!

MEDIAGALLERY

NEWS CORRELATE
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
BURKINA FASO

Marius vive in Burkina Faso, ha sette anni e vuole andare a scuola. Ma serve il certificato di nascita....


...per questo nel villaggio è arrivato il programma BRAVO
IT | ES | DE | FR | NL | HU
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
21 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Vi ricordate Moise e Samuel, bambini di strada che avevano ottenuto un diploma? Eccoli qua al lavoro!!

IT | ES | DE | FR | PT
8 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO
Giornata di preghiera e riflessione contro la tratta degli esseri umani

Giornata contro la tratta: la storia Moise e Samuel, dalla condizione di "invisibili" a un diploma professionale

IT | ES | DE | FR | PT | RU
3 Febbraio 2017
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Lettera da Goma, in Congo: Siamo diventati i portavoce degli anziani abbandonati nella periferia della città

IT | EN | ES | DE | FR
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
18 Marzo 2017
Radio Vaticana
Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa
17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera
Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare
8 Febbraio 2017
Avvenire
La Giornata. Il Papa: ascoltiamo il grido dei bimbi schiavi. Basta con l'indifferenza
7 Febbraio 2017
FarodiRoma
Tratta degli esseri umani. Sant’Egidio: privilegiare i milioni di minori invisibili
1 Dicembre 2016
Zenit
Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1223 visite

1318 visite

1522 visite

1358 visite

1390 visite
tutta i media correlati