Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - disabili...a limiti - arte e disabilità - mostre d...d eventi - noi, l'i...li amici - noi, l'i...agliazzo contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Noi, l'Italia! - L'intervento di Marco Impagliazzo


 
versione stampabile

Inaugurazione della mostra Noi, l'Italia

Intervento del prof. Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio

Roma, 21/10/2010

Vorrei esprimere a nome della Comunità di sant’Egidio i miei più vivi ringraziamenti agli artisti che si sono resi protagonisti delle opere e di alcuni testi realizzati nei laboratori di pittura e negli atelier e in cui ogni settimana si è lavorato per questa mostra “Noi, l’Italia!”.
Il titolo è particolarmente significativo perché ci rende partecipi della forza di essere un noi e non tanti io isolati e indeboliti. Gli Amici, nel loro stesso essere movimento, all’interno della più grande Comunità di Sant’Egidio, ci mostrano come l’unica via per uscire dalla debolezza sia quello di pensarsi e essere insieme.
Da qui il Noi con cui guardare anche alla realtà italiana oggi. Le opere qui esposte nascono da una storia e raccontano una storia, quella d’Italia nei suoi momenti salienti. E’ una storia raccontata senza polemica, faziosità, aggressività, ma con la serietà e la preparazione di chi è partito dalla domanda di chi siamo noi. Noi italiani. E’ una domanda che spesso non ci si pone o che si ha timore a porsi. Forse proprio perché non si sa leggere la storia o il presente del nostro Paese. Ma la storia è letta dagli Amici nel suo senso profondo che è quello di comprendere e non di giudicare. In tutta la mostra c’è una comprensione profonda della nostra storia, con le sue gioie (l’unità d’Italia, il 25 aprile, il 2 giugno, Fantastik e tanti altri…) e i suoi dolori (16 ottobre 1943, il bombardamento di Roma, quello di Cassino, gli anni Settanta con il terrorismo, la sofferenza delle carceri, la crisi di oggi, il lavoro precario).
La lettura che se ne ricava non è ideologica, di parte, arrabbiata o condiscendente. E’ una lettura che aiuta a ricordare e a comprendere, il passato e il presente. Una lettura fatta con occhi, con mani, con cuore e con intelligenza gioiosa e positiva perché consapevoli di fare parte di un noi. Questo è ciò che colpisce di più: fuori di qui si urla, ci si accusa, si grida, si cercano motivi per distinguersi, si usa poco il noi. In queste opere si vede la saggezza di un richiamo non retorico ma convinto e ricco di segni all’Italia di riscoprire la bellezza di un noi più largo e diversificato.
In questo noi c’è posto per tutti: da chi è anziano, a chi non né ancora cittadino italiano, a chi è in carcere, a chi è precario, a chi non sta bene, a chi è povero. Il noi viene prima dell’io. Sono giorni di dibattito sulla fine del multiculturalismo, sul rapporto che le nostre società europee devono con gli immigrati. Ma se non si parte dalla domanda chi siamo noi è difficile rispondere a come costruire una casa comune. Sì, perché in Italia più che portare avanti le ragioni di tanti individui si tratta di costruire una comunità.
L’invito che ci viene da queste opere è quello a costruire una casa comune (anche con tanti nuovi italiani) a partire da una storia comune. Una storia letta con il senso del bene comune. Non si intitolava la mostra dello scorso anno “Sogno un mondo per tutti?”. Così, proseguendo idealmente quell’intuizione, “Gli Amici” ci raccontano di un’Italia che ritrova il senso della sua missione nella bellezza e nella gioia del noi e non nell’assordante solitudine e debolezza dell’io.

Disabili mentali: amici senza limiti



NEWS CORRELATE
30 Marzo 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

La vita non ha prezzo: concorso di disegno e poesia nelle scuole di Bukavu


promosso dalla Comunità di Sant'Egidio del Congo
IT | ES | DE | FR | NL
28 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

E' arrivata la primavera e si fa festa nella casa degli Amici

21 Gennaio 2017
LONDRA, REGNO UNITO

Londra: dagli artisti disabili una proposta di arte per connettere mondi diversi

IT | EN | ES
11 Dicembre 2016

Ieri a Ostia, la premiazione delle opere della Mostra "La forza degli Anni". La fotogallery

IT | ES | DE
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione


Marco Impagliazzo consegna il premio alle opere più votate dalle centinaia di persone che in questi giorni hanno visitato l'esposizione
9 Dicembre 2016
OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia


Sabato 10 dicembre la premiazione delle opere più votate all'EX[de]PO’.
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
14 Maggio 2017
Radio Vaticana
Dopo di noi, legge fondamentale per assistere i disabili
25 Marzo 2017
SIR
Disabilità: Capparucci (Sant’Egidio), “nella legge del Dopo di noi si incentiva l’aiuto della comunità”
7 Marzo 2017
Avvenire
Sabrina, la luce dei disabili (spenta dal suo papà)
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
5 Dicembre 2016
Corriere della Sera
La chiave sotto una campana di vetro. Misteriose opere di artisti disabili
tutta la rassegna stampa correlata