Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - liberare...gionieri - i prigio...in congo contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

I prigionieri in Congo


 
versione stampabile

Il “carcere transitorio” nella Repubblica Democratica del Congo
La Repubblica Democratica del Congo non è solo il più grande paese dell’Africa subsahariana. E’ anche, nonostante la ricchezza delle materie prime di cui dispone, teatro di grandi sofferenze: lunghi anni di guerra hanno prodotto una diffusa povertà. I piani di risanamento economico imposti dalle istituzioni internazionali colpiscono, in realtà, le fasce più deboli della popolazione: tra questi vanno contati i prigionieri. Infatti la riduzione delle spese relative alla giustizia e alle istituzioni carcerarie non fa che aumentare la sofferenza di chi è recluso, in condizioni davvero inimmaginabili. In Congo, peraltro, il sistema giudiziario è organizzato in modo capillare : presso ogni posto di polizia c’è un “carcere transitorio” - il “cachot”: qui vengono reclusi tutti coloro che hanno compiuto piccoli reati o comunque sono accusati di illegalità.

Il sistema prevede che si possa uscire dal “cachot” dietro pagamento di una multa. Chi però non dispone della cifra richiesta – talvolta arbitrariamente - viene recluso nel carcere centrale di Kinshasa, spesso senza un vero e proprio capo di imputazione, né con alcuna certezza di ricevere un giudizio giusto in tempi ragionevoli. Qui, nella maggior parte dei casi, si resta per un tempo indefinito, dimenticati.

Chi è povero, dunque, può rimanere settimane, mesi, a volte anni, in un carcere sovraffollato (nel carcere centrale ci sono circa 4300 detenuti) magari semplicemente sulla base di un sospetto, oppure per un piccolo reato.

E il carcere vuol dire malnutrizione, mancanza di igiene, anni di vita perduti, un futuro in preda alla violenza e alla miseria.

Ma si può cambiare il destino di queste persone, con un piccolo gesto di solidarietà.

Padre Simon visita regolarmente i prigionieri del “cachot” e incontra tante storie di povertà e disperazione… che con un piccolo aiuto hanno trovato una soluzione.

Come quella di G. e C.: era stato proprio un motivo stupido quello per cui avevano litigato. Non sono neppure sono capaci di spiegare come è iniziato il loro alterco. Certo, qualche birra in più non li ha aiutati ad essere razionali: e insultare il poliziotto che aveva cercato di separarli mentre facevano a botte per la strada li aveva portati dritti nel “carcere transitorio”.

Una multa di 300 euro è un’enormità per un giovane congolese, per di più senza lavoro, e i due amici rischiavano di finire in prigione per un tempo indefinito. Ma non è una cifra difficile da trovare, con un piccolo impegno di solidarietà: con 600 euro, raccolti dalla Comunità, i due amici sono tornati a casa.

Anche E., un giovane studente, di 28 anni, era stato rinchiuso nel “carcere transitorio” per aver offeso un poliziotto che lo aveva fermato a un posto di blocco. Anche lui sarebbe stato trasferito nel carcere centrale se non avesse pagato una multa di 400 euro. La prigione avrebbe spezzato la sua vita di studente universitario, il sogno di diventare medico, il suo desiderio di riscatto…

Oggi E. è tornato a studiare, grazie al dono di 400 euro, raccolte dalla Comunità, che gli hanno permesso di pagare la sua multa e di riacquistare la libertà.

Amici in carcere

Campagna Liberare i
Prigionieri in Africa



Sostieni il programma Liberare i prigionieri con una donazione

 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
10 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Inizia un nuovo anno per i bambini del campo profughi di Mugunga alla scuola di Sant'Egidio

IT | DE | FR | PT
8 Novembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Nel carcere di Douala, dove con il passaggio della Porta Santa si è compiuto il ''miracolo della solidarietà''

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016

Dove alla violenza si risponde con il perdono, là anche il cuore di chi ha sbagliato può essere vinto dall’amore

IT | EN | ES | DE | FR | PT
30 Settembre 2016
BLANTYRE, MALAWI

A Blantyre, in Malawi, conferenza sul ruolo pubblico dei giovani per la pace, il dialogo e lo sviluppo

IT | EN | ES | FR | ID
9 Settembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Papa Francesco ai detenuti di Douala 'Bella la vostra Porta Santa: Il materiale è umile ma l'iniziativa è nobile'

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
24 Novembre 2016
Radio Vaticana

Sant'Egidio presenta riforme per umanizzazione delle carceri

23 Novembre 2016
Notizie Italia News

Fatti: Un giovane della periferia africana ci insegna a non essere schiavi del denaro

19 Novembre 2016
RP ONLINE

Amerikanischer Traum endet in der Todeszelle

16 Novembre 2016
Radio Vaticana

Marazziti: grati a Francesco, non c'è pena giusta senza speranza

14 Ottobre 2016
Avvenire

Sant'Egidio Camerun, a Douala aperta la Porta Santa mobile dei detenuti

22 Giugno 2016
Avvenire

Il Papa: pena di morte inammissibile, contro il piano di Dio

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
28 Novembre 2016 | ROMA, ITALIA

Oggi si parla di carcere: trasmissione da Regina Coeli su Rai News 24 con Gianfranco Ravasi, Mario Marazziti e altri.

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

ALCUNI NUMERI DELLA SOLIDARIETA’ NEL 2012 DALLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Comunità di Sant'Egidio

Le carceri in Italia:tra riforma, sovraffollamento e problemi di bilancio. Analisi e proposte delle Comunità di Sant'Egidio

Comunità di Sant'Egidio

Mai così tanti in carcere nella storia dell’Italia Repubblicana

Comunità di Sant'Egidio

CALANO I REATI, MA CRESCONO GLI ARRESTI E LE DETENZIONI

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

155 visite

145 visite

145 visite

144 visite

111 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri