Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - "ero car...rovarmi" - un sostegno concreto contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Un sostegno concreto


 
versione stampabile

Un sostegno concreto

In molte carceri del mondo i membri della Comunità visitano i carcerati. I nostri interventi sono caratterizzati soprattutto da un atteggiamento di ascolto, di continuità e di amicizia con i detenuti. Rispondere alle loro richieste vuol dire attivare interventi di solidarietà concreta.

Segretariato sociale. Espletamento di pratiche burocratiche, ricerca di lavoro e reperimento di sistemazioni alloggiative al momento dell'uscita dal carcere.
Non lavoriamo da soli ma in rete con tutte le figure professionali: gli educatori, gli assistenti sociali dei servizi socio-sanitari territoriali, il personale delle strutture esterne di accoglienza (dormitori, mense sociali, centri di accoglienza, ecc)…

Interventi di prima assistenza:  consistono nella distribuzione di cibo e di indumenti. All'interno dei penitenziari, non soltanto in Africa ma anche in Europa, sono necessari interventi di questo genere. Ad esempio, a Roma vengono distribuiti mensilmente dai 200 ai 400 capi di vestiario (biancheria intima, asciugamani, accappatoi, tute da ginnastica, felpe, pantaloni, maglioni, giubbotti, scarpe).

Assistenza legale. Si prendono contatti con gli avvocati, i Tribunali di Sorveglianza, gli assistenti sociali, le autorità competenti, al fine di trovare soluzioni perché tutti possano godere dei ditritti previsti dalla legge.

Informazione, orientamento sui contenuti delle normative, degli ordinamenti penitenziari e sulla loro applicazione.
A Roma, al momento della scarcerazione, per orientarsi nella città, viene distribuito il vademecum "Dove: mangiare, dormire, lavarsi", edito dalla Comunità. Per le persone che risultano cancellate dall'anagrafe, la Comunità a Roma offre un indirizzo ai soli fini anagrafici. Questo permette di ottenere il documento di identità, di usufruire dell'assistenza sanitaria, di entrare presso una Comunità terapeutica, di ricevere posta.


Mozambico
La Comunità prepara il cibo nel carcere di Pemba

Mediazione culturale. Sono indispensabili per gli stranieri le spiegazioni sui contenuti delle normative e sui regolamenti interni al complesso mondo carcerario.
La distribuzione di libri e dizionari, in mancanza di un corso di lingua, offre un aiuto decisivo per permettere a uno straniero di comprendere e comunicare.

Monitoraggio del rispetto dei diritti della persona. Le condizioni di vita osservate e le difficoltà individuali prospettate dai detenuti nel corso dei colloqui, vengono trasmesse quali istanze di giustizia, nelle sedi istituzionali e non, più opportune.

Sostegno umano e psicologico. Attraverso colloqui regolari, animazione culturale e sociale e la partecipazione a momenti ricreativi. I rapporti con le famiglie in Italia e all'estero per contrastare l'isolamento e la depressione.
Le visite a detenuti trasferiti in altri penitenziari e/o la corrispondenza, la continuità nell'amicizia.

Catechesi. Organizziamo per chi lo desidera degli incontri sul Vangelo seguendo un itinerario di catechesi mirato.

La festa. Quando è concesso dall'amministrazione carceraria, come a Natale, realizziamo momenti di festa.


...Ho 46 anni, da molto tempo ristretto in carcere, sono privo di ogni affetto familiare e bene economico. Tra me e il mio compagno di cella non abbiamo neanche il denaro sufficiente per poter acquistare una scatola di detersivo per poterci lavare i panni. 

Speriamo che l'ultimo francobollo in nostro possesso, giunga a persone serie, affinchè il loro buon cuore possa aiutare chi ha sbagliato ma è pronto per affrontare una vita nuova e onesta e per potersi reinserire nella società. ...


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Novembre 2016

Dove alla violenza si risponde con il perdono, là anche il cuore di chi ha sbagliato può essere vinto dall’amore

IT | EN | ES | DE | FR | PT
16 Giugno 2017
JOS, NIGERIA

Sant'Egidio porta l'acqua corrente nel carcere minorile di Jos in Nigeria

IT | ES | DE | FR
3 Maggio 2017
ABUJA, NIGERIA

Nigeria: consegnati aiuti alle donne detenute nel carcere di Suleja

IT | EN | ES | DE | PT | NL
24 Aprile 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

In Congo Sant'Egidio celebra la Pasqua liberando alcuni giovani prigionieri dal carcere di Bukavu

IT | ES | FR | PT | NL | RU | HU
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
9 Settembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Papa Francesco ai detenuti di Douala 'Bella la vostra Porta Santa: Il materiale è umile ma l'iniziativa è nobile'

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
24 Giugno 2017
Radio Vaticana

Sant’Egidio a Washington: rafforzare impegno contro pena di morte

19 Giugno 2017
OnuItalia

Nigeria: Sant’Egidio regala un serbatoio per acqua potabile ai detenuti del carcere minorile di Jos

4 Gennaio 2017
ANSA med

A Napoli presepe dei detenuti dedicato a viaggio migranti

26 Dicembre 2016
Ristretti Orizzonti

Genova: i cenoni in trasferta di Sant'Egidio, festa con migranti e detenuti

24 Novembre 2016
Radio Vaticana

Sant'Egidio presenta riforme per umanizzazione delle carceri

19 Novembre 2016
RP ONLINE

Amerikanischer Traum endet in der Todeszelle

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

ALCUNI NUMERI DELLA SOLIDARIETA’ NEL 2012 DALLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Comunità di Sant'Egidio

Mai così tanti in carcere nella storia dell’Italia Repubblicana

Comunità di Sant'Egidio

CALANO I REATI, MA CRESCONO GLI ARRESTI E LE DETENZIONI

Comunità di Sant'Egidio

Le carceri in Italia:tra riforma, sovraffollamento e problemi di bilancio. Analisi e proposte delle Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti

FOTO

217 visite

249 visite

204 visite

209 visite

203 visite
tutta i media correlati