change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - lavori d...agascar) contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Lavori di ristrutturazione nelle cucine e nell'infermeria del carcere di Antananarivo (Madagascar)


 
versione stampabile

Lavori di ristrutturazione nelle cucine e nell'infermeria del carcere di Antananarivo (Madagascar)
23 febbraio 2011

Il carcere di Antananarivo, capitale del Madagascar, la "Maison Centrale di Antanimora", è una vecchia costruzione dell'epoca coloniale.

Le sue condizioni non sono buone, poiché in tanti anni, gli interventi di restauro e di ristrutturazione sono stati veramente pochi. Un complesso costruito per accogliere circa 800 persone, ma che al momento attuale, ne ospita 3.160.

Una vasta una cinta muraria accoglie  un insieme di piccoli recinti in muratura che delimitano i "quartieri", ovvero i settori in cui è diviso il carcere: ciascuno composto da un cortile ed una costruzione in muratura.

 

Molte sono le carenze strutturali ed igieniche, alcune particolarmente gravi. Per questo, la Comunità di Sant'Egidio ha deciso di procedere ai più urgenti lavori di ristrutturazione, che sono stati realizzati all'inizio del nuovo anno.

In accordo con le autorità carcerarie, sono state individuate le “aree critiche” in cui intervenire:

le cucine di un "quartiere" che ospita circa 900 persone;

le canalizzazioni per l’acqua in un altro "quartiere" che attualmente ospita 1116 persone ed ha soltanto 2 rubinetti, e nell'infermeria del carcere.

I lavori sono durati poco più di un mese ed hanno coinvolto anche alcuni detenuti che hanno volontariamente offerto il proprio aiuto.

In questo modo, la ristrutturazione ha acquistato un valore aggiunto: oltre a migliorare le condizioni di vita dei prigionieri, ha anche favorito la formazione professionale di alcuni di loro.

Domenica 13 febbraio è stata una giornata speciale: al termine della messa a cui ha preso parte anche una delegazione della Comunità di Sant'Egidio, celebranti e detenuti si sono recati "in processione" verso i luoghi dei “lavori”, per benedire sia la cucina che le nuove fontane d’acqua.

 

 


NEWS CORRELATE
13 Luglio 2009

"LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA" Una campagna di solidarietà con i detenuti africani nelle carceri italiane

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016
LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO

Dove alla violenza si risponde con il perdono, là anche il cuore di chi ha sbagliato può essere vinto dall’amore


che sconfigge ogni forma di male. E così, tra le vittime e tra i colpevoli, Dio suscita autentici testimoni e operatori di misericordia.
IT | EN | ES | DE | FR | PT
28 Ottobre 2017
BLANTYRE, MALAWI

Dall'abisso alla luce dopo 10 anni: la storia vera di un'ingiustizia riscattata con l'amore in Malawi

IT | EN | ES
16 Giugno 2017
JOS, NIGERIA

Sant'Egidio porta l'acqua corrente nel carcere minorile di Jos in Nigeria


La Comunità ha installato un serbatoio idrico nella prigione dove i giovani detenuti vivevano senza acqua
IT | ES | DE | FR
3 Maggio 2017
ABUJA, NIGERIA

Nigeria: consegnati aiuti alle donne detenute nel carcere di Suleja


La Comunità ha donato materassi alle prigioniere che non hanno un letto su cui dormire
IT | EN | ES | DE | PT | NL
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
24 Novembre 2017
La Repubblica - Ed. Firenze
Fuori dal carcere: la guida per orientarsi in città
23 Novembre 2017
Famiglia Cristiana
Quelle coperte che scaldano le notti degli ultimi di Roma
24 Settembre 2017
Notizie Italia News
Giovani stranieri in carcere
23 Settembre 2017
L'Osservatore Romano
Solitudine e riscatto nel carcere - Corsa verso il mare
21 Agosto 2017
Roma
Vita e morte nei racconti dì Mattone
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

236 visite

238 visite

230 visite

251 visite

292 visite
tutta i media correlati