Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - la comun... i sinti - genova: ...t'egidio contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Genova: Nel campo dei rom di Molassana, la visita del presidente della Comunità di Sant'Egidio


 
versione stampabile

In visita a Genova per la celebrazione del 43° anniversario della Comunità di Sant'Egidio, il presidente Marco Impagliazzo ha incontrato i Rom che vivono nel Campo di Molassana, dove la Comunità di Genova è presente dal 1985.

Per i rom è stata l'occasione di raccontare la storia  che ha portato le loro famiglie ad emigrare in Italia oltre venti anni fa e a trovare, in maniera non sempre facile, ospitalità nella città di Genova. Una  storia costellata da difficoltà e anche da morti tragiche, che ricordano quello che è recentemente avvenuto ai quattro bambini romeni nelle baracche di Roma.

In questi anni, la presenza della Comunità ha aiutato l'inserimento nel quartiere e una buona collaborazione con le istituzioni e la popolazione, anche se i diritti dei Rom non sono ancora del tutto riconosciuti. Un forte desiderio di integrazione ha portato diverse famiglie del campo a desiderare una sistemazione diversa, ed infatti alcuni  vivono in case popolari.

L'amicizia con la Comunità, infatti, non si limita ad un aiuto, pur necessario, ma incoraggia il desiderio di integrazione e rafforza sentimenti di umanità e di solidarietà che non vanno ignorati.  E' significativo che alcuni giovani rom,  un tempo bambini ellal "Scuola della Pace" oggi affianchino la Comunità nella solidarietà con chi è in condizioni ancora più difficili. In particolare, hanno raccontato, ” con i Rom romeni che vivono una condizione simile, se non peggiore a quella che vivevamo noi quando eravamo accampati sul greto del torrente Bisagno.”

Molti i bambini presenti, che frequentano la Scuola della Pace insieme ad altri bambini del quartiere.  Alcuni di loro, dopo aver cantato e fatto festa, hanno consegnato alcune lettere, come ringraziamento per una visita particolarmente gradita.

 _____________________

La Comunità di Sant'Egidio a Genova e i rom

L'amicizia della Comunità di Sant'Egidio di Genova con i rom inizia nel 1984, nel quartiere di Valpolcevera, dove risiedevano già in quegli anni, alcuni gruppi di sinti sedentarizzati e poi con i rom di un povero agglomerato di baracche, lungo il torrente Bisagno.

E' qui che la Comunità avvia una serie di interventi per migliorare le condizioni di vita dei rom e soprattutto dei loro bambini che, non senza difficoltà, vengono iscritti a scuola e seguiti nel corso degli studi.

Le difficoltà erano di tanti tipi: dalla distanza della scuola (una delle prime richieste all'amministrazione cittadina fu un bus scuola), ma anche le condizioni stesse nel campo: il primo bambino iscritto, Mustafà, conservava i quaderni dentro un frigorifero, per evitare che i topi li mangiassero.

La scuola ha significato anche il superamento del muro di pregiudizio e la nascita di amicizie e legami con insegnanti e famiglie, che sono rimasti anche quando, nel 1988, il Comune di Genova ha aperto le prime aree attrezzate ed i rom hanno potuto abbandonare il greto del torrente.

Dal 1990 a Genova le Scuole della Pace sono state attive nei campi di Bolzaneto, Molassana e Foce.

Oggi, a Genova, esistono due soli campi: dal 2006 (quando il campo di Foce è stato smantellato) la maggior parte dei rom sono andati ad abitare in alloggi popolari distribuiti in diversi quartieri.

La Comunità di Sant'Egidio, con le Scuole della Pace e i centri di Genti di Pace, prosegue la sua attività per il sostengo e l'integrazione della minoranza rom.

Immigrati, rifugiati 
Rom e Sinti

 


NEWS CORRELATE
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza


Anche Sant'Egidio alla manifestazione antirazzista per l'integrazione: ''Più la città diventa una comunità, più è sicura''
IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio


Le iniziative di Sant'Egidio ad Anversa
IT | ES | FR | CA
13 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Per una città senza violenza: in memoria delle tre sorelle rom morte nel rogo di Centocelle


Photogallery, Video
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

''Un futuro migliore per i bambini e le bambine rom che vivono nella nostra città''. Le parole di Marco Impagliazzo


alla preghiera in ricordo delle sorelline uccise nel rogo di Centocelle
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Photogallery della veglia di preghiera in ricordo di Francesca, Angelica ed Elisabeth


uccise nell'incendio del loro camper a Roma
12 Maggio 2017

In tanti per la memoria della giovani rom vittime della violenza. I VIDEO

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
19 Maggio 2017
Corriere della Sera On Line
Rom, con una casa un futuro diverso è possibile
18 Maggio 2017
Famiglia Cristiana
Bruciate vive? Erano rom.
12 Maggio 2017
Roma sette
Rogo di Centocelle: Roma prega per le sorelle arse vive
12 Maggio 2017
Radio Vaticana
Rogo a Centocelle. Promosse manifestazioni di solidarietà
12 Maggio 2017
Il Messaggero
La tragedia di Centocelle. Il dolore della madre
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1172 visite

1167 visite

1252 visite

1218 visite

1189 visite
tutta i media correlati