Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - disabili...a limiti - il vange...disabili - osimo (a...italiana contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Osimo (AN) -Una delegazione della Comunità di Sant'Egidio al convegno su "Catechesi e disabilità" della Conferenza Episcopale Italiana


 
versione stampabile

Osimo (AN) 18 - 20 marzo 2011 Una delegazione della Comunità di Sant'Egidio al convegno su "Catechesi e disabilità" della Conferenza Episcopale Italiana

Una delegazione delle Comunità di Sant'Egidio di Roma, Novara, Genova e Napoli ha preso parte al convegno che la Conferenza Episcopale Italiana organizza annualmente su Catechesi e Disabilità. L'appuntamento di quest'anno è stato ad Osimo (AN) dal 18 al 20 marzo ed ha avuto come titolo "Educare alla vita buona del Vangelo. Il contributo e la presenza delle persone con disabilità nella comunità cristiana."

Al convegno partecipavano più di centocinquanta persone provenienti da diocesi di tutta Italia ed impegnate nella comunicazione del Vangelo alle persone con disabilità. A Paola Scarcella, della Comunità di Sant'Egidio, è stato assegnato il compito di indicare le linee guida per la catechesi ai disabili mentali adulti, una generazione che ha definito “tagliata fuori dalla riflessione della Chiesa su fede e disabilità.”

Paola Scarcella ha parlato della fede “matura” dei disabili e di alcuni elementi che caratterizzano il loro cammino di fede sottolineando in primo luogo che: “non dobbiamo parlare di un cammino a parte dei disabili, ma di un percorso che è quello di tutti i cristiani, il cammino della Chiesa che porta alla liturgia, alla Bibbia e alla predicazione. Un cammino che non si esaurisce con i sacramenti dell’iniziazione cristiana, ma una catechesi che è per tutta la vita”.

“E un percorso di fede – ha continuato Paola Scarcella - «soavemente esigente» : esigente, per prendere sul serio gli altri, anche parlando del peccato e della speranza di essere perdonati”.

“La preghiera – ha aggiunto indicando un altro aspetto della fede matura delle persone con disabilità - è una delle espressioni più forti e più immediate della loro fede, che colpisce per la profondità e l’immediatezza. A volte, per i più gravi è solo la ripetizione incessante del nome di Gesù: «Gesù amico», «Gesù bene» o del semplice «Amen»”.

Paola Scarcella ha poi parlato del servizio ai più poveri: “Spesso si crede che il servizio agli altri, ai più poveri, sia una prerogativa di chi conserva intatte le proprie capacità fisiche e mentali. Ma in realtà anche i più deboli possono essere d’aiuto ad altri. E anche i disabili mentali possono aiutare in forme e modi diversi, in relazione alle loro difficoltà.
Il Vangelo ha insegnato a disabili e non disabili che non c’è nessuno così povero o debole da non poter aiutare chi è più povero di lui. E questo stravolge una mentalità per cui chi è disabile è solo qualcuno da aiutare o assistere”.

“La presenza dei disabili – ha concluso Paola Scarcella - è una testimonianza di fede e di gioia cristiana per tanti cristiani cosiddetti “normali” a volte tristi e sazi. E’ la gioia che viene dalla vita del Vangelo e dal seguire Gesù. I disabili mentali con la loro semplicità e purezza di cuore ce la ricordano e ci evangelizzano”.

La Conferenza Episcopale Italiana ha chiesto che in ogni diocesi si celebri una liturgia con i disabili in occasione del conferimento del sacramento della Confermazione sull'esempio di quanto, da anni, la Comunità di Sant’Egidio fa a Roma ed a Napoli. Della esperienza di Napoli ha parlato Matilde Azzolini sottolineando la difficile situazione dei disabili al sud e spiegando come, a partire dall'esperienza di Sant’Egidio, è stato possibile coinvolgere molte altre realtà impegnate con i disabili. La liturgia, durante la quale il card. Sepe conferisce la cresima ad un gruppo di disabili, significativamente viene celebrata la prima domenica di Avvento ed apre l'anno liturgico; è un momento di festa e di gioia per tutta la diocesi che oramai è divenuto tradizionale.

Il convegno si è concluso con una commovente liturgia nella concattedrale di Osimo alla presenza dei disabili della diocesi all'interno della quale sei giovani sordociechi hanno ricevuto i sacramenti della cresima e della prima comunione.

Disabili mentali: amici senza limiti


NEWS CORRELATE
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione


Marco Impagliazzo consegna il premio alle opere più votate dalle centinaia di persone che in questi giorni hanno visitato l'esposizione
9 Dicembre 2016
OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia


Sabato 10 dicembre la premiazione delle opere più votate all'EX[de]PO’.
3 Dicembre 2011

L'inaugurazione della mostra "Noi, l'Italia". News e foto

IT | EN | ES | DE | CA | NL
4 Luglio 2011

Roma - Per i 40 anni del movimento "Fede e Luce", più di 500 persone disabili in preghiera insieme a Gli Amici della Comunità di Sant'Egidio, a Santa Maria in Trastevere

IT | EN | DE | FR | NL
21 Giugno 2011

Scutari (Albania): Una festa in istituto con anziani e disabili

IT | ES | DE | FR | CA | RU
4 Aprile 2011

Noi, l'Italia! - La mostra de Gli Amici, artisti disabili, nel quartiere romano di Spinaceto, fino all'8 aprile

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
12 Giugno 2017
Corriere della Sera On Line
Nella movida romana vincono i sorrisi della “Trattoria de Gli Amici”
14 Maggio 2017
Radio Vaticana
Dopo di noi, legge fondamentale per assistere i disabili
25 Marzo 2017
SIR
Disabilità: Capparucci (Sant’Egidio), “nella legge del Dopo di noi si incentiva l’aiuto della comunità”
7 Marzo 2017
Avvenire
Sabrina, la luce dei disabili (spenta dal suo papà)
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

654 visite

694 visite

648 visite

754 visite

706 visite
tutta i media correlati