Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - crotone ...ti asilo contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Crotone e Lampedusa (Italia) - Genti di Pace e la Comunità di Sant'Egidio nei centri di accoglienza per gli immigrati e i richiedenti asilo


 
versione stampabile

Crotone e Lampedusa (Italia) - Genti di Pace e la Comunità di Sant'Egidio nei centri di accoglienza per gli immigrati
(marzo 2011)

In questi giorni si susseguono le immagini degli arrivi in Italia di persone provenienti dalle coste settentrionali dell'Africa.

Una delegazione della Comunità di Sant’Egidio e di Genti di Pace nei giorni scorsi è andata a Crotone e a Lampedusa per incontrare questi rifugiati, parlare con loro, comprendere le loro necessità e le loro difficoltà.

La visita è iniziata dal centro di accoglienza di Crotone. Qui sono attualmente raccolti alcuni eritrei che fin dall’inizio del conflitto in Libia avevano rivolto domande di aiuto dirette o attraverso familiari ed amici alla Comunità, per raggiungere l’Europa e chiedere asilo politico: circa 70 persone, compresi alcuni bambini. Rimanere in Libia, dove la loro situazione era già estremamente difficile, era diventato ancora più pericoloso allo scoppio della guerra.

Hanno potuto raggiungere l'Italia grazie ad un'azione umanitaria proposta dalla Comunità al governo italiano, che ha autorizzato l’ingresso e realizzato un ponte aereo.

La loro portavoce, Zeghnet (in abito rosso nella foto) ha detto “Ringraziamo Dio per la Comunità che ha un cuore largo che non si è dimenticata di noi e ci ha salvato senza conoscerci”. Nei volti e negli occhi ancora c'è però ancora tanto dolore e tristezza per quello che hanno vissuto: hanno raccontato di gruppi familiari divisi, di parenti e amici che ancora si trovano in pericolo in LIbia.

 Nel centro di Crotone attualmente ci sono circa 600 tunisini, arrivati nelle ultime settimane. In totale ne sono transitati circa 1500, ma la maggior parte è già partita verso altre città italiane o europee.

“Ahlan-wa-sahlan!” , "benvenuti"!

L'accoglienza dei rifugiati è stata molto cordiale. Sono tutti molto giovani: manifestano con entusiasmo il desiderio di libertà, di conoscenza dell’Italia e dell’Europa e sperano di poter presto uscire dal campo profughi per iniziare una nuova vita. Sono felici che qualcuno venga a spiegargli come fare.

Un giovane ha detto a Youssef, di Genti di Pace: “Per noi è un miracolo che qualcuno viene appositamente qui a parlare con noi, a spiegarci le cose".


 Lampedusa

A Lampedusa nelle ultime settimane continuano gli sbarchi di cittadini tunisini che partono dopo decenni di chiusura del loro Paese.

La situazione è molto critica. L’unico centro di accoglienza per rifugiati dell'isola ha 850 posti, ma attualmente ospita circa 2.000 persone. E non è ancora iniziato il trasferimento dei richiedenti asilo in altre città.

Le persone sbarcate per ultime, tra i quali ci sono alcuen decine di minori,  vengono lasciate sul molo d’arrivo. Dormono all’aperto (anche in caso di pioggia) senza neanche le coperte. Anche la distribuzione degli alimenti è insufficiente.

La Parrocchia di Lampedusa ha dato ospitalità a circa 300 persone e il Vescovo di Agrigento, Mons. Montenegro, nella Messa per la festività di San Giuseppe, ha incoraggiato i fedeli a proseguire nella via dell’accoglienza e dell’ospitalità, che ha sempre contrassegnato la popolazione dell’isola, senza lasciarsi andare alla paura e alla rabbia. Anche se - ha sottolineato - è evidente un’assenza delle istituzioni nel gestire questa situazione.

I fedeli hanno aderito con vari applausi alle parole del vescovo e hanno subito organizzato una distribuzione di viveri e di abbigliamento per gli ultimi arrivati sul molo. 

 IMMAGINI
                      
   

La Comunità di Sant'Egidio
e i Rom e Sinti

 


NEWS CORRELATE
11 Febbraio 2017
COMUNICATO STAMPA

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''


Il presidente di Sant'Egidio: ''Garantire i diritti dei profughi, reintrodurre vie di ingresso regolare anche per motivi di lavoro e approvare subito la riforma della cittadinanza''
6 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Capodanno cinese all'Esquilino, l'integrazione comincia dai bambini

1 Febbraio 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

30° Summit dell’Unione Africana, una delegazione di Sant’Egidio incontra il nuovo presidente Moussa Faki

IT | ES | DE | PT
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA
Comunicato Stampa

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni


Firmato un Memorandum di intesa per promuovere e realizzare nuove attività di assistenza rivolte ai migranti in difficoltà
IT | ES | DE | FR | PT
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

22 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Integrazione è anche prendersi cura di chi è fragile: consegnati a Roma i diplomi di care giver e di lingua italiana


Tanti i nuovi europei che quest'anno hanno frequentato i corsi promossi dalla Comunità di Sant'Egidio
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Febbraio 2017
Corriere.it
Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi
27 Febbraio 2017
L'huffington Post
Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri
23 Febbraio 2017
Main-Post
Abschiebung in die Ungewissheit
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
13 Febbraio 2017
Roma sette
Migrantes e Sant’Egidio: delusione per interventi su migranti
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1216 visite

1175 visite

1150 visite

1121 visite

1185 visite
tutta i media correlati