Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - convegno...speranza - "cambiar...za 2011" contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

"Cambiare il mondo a partire dai poveri": Assemblea di apertura Convegno "Il dono e la Speranza 2011"


 
versione stampabile

"Il dono e la speranza."
Amici dei poveri a convegno

Napoli 18-19 giugno 2011
L'inaugurazione

La basilica di San Lorenzo, nel cuore di Napoli, è gremita, e altrettanto sono le sale collegate.
Sono arrivati da tutta Italia gli “amici dei poveri”: 157 gruppi, associazioni, comunità e movimenti ecclesiali, uomini e donne di buona volontà che hanno fatto, dell’impegno gratuito per gli altri,  la via per realizzazione e la tenuta della nostra convivenza.
 
E’ il primo convegno di questo genere in Italia. Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, accogliendo i partecipanti ha sottolineato come il significato profondo di questa convocazione sia quella di rimettere al centro il senso della gratuità, che reintroduce l’umano nella nostra società e, promuovere la cultura del gratuito che libera dal sentimento di estraneità all’altro, dalla paura, la diffidenza e mostra la comunanza di destini, indicando un futuro comune.
Il cardinal Sepe, ospite dell’Incontro, dopo aver ricordato il “generoso impegno di tanti movimenti che vivono apostoli di un’umanità che soffre e chiede di essere amata e aiutata” ha affermato tra l’altro: “La povertà è la figlia dell’egoismo, dell’indifferenza, della sopraffazione”. Ed ha ricordato, tra le tante storie di dolore, quella del piccolo Elvis e di sua madre, morti nella loro povera casa a Napoli nel rogo di un braciere con cui si scaldavano dopo che l’elettricità era stata staccata per morosità.
 

“Alla gratuità si unisca la giustizia” gli ha fatto eco mons. Di Donna, vescovo ausiliare e delegato per la Carità della Conferenza Episcopale Campana, mentre mons. Nozza, Direttore della Caritas Italiana, ha ricordato l’impegno della Chiesa in Italia educare alla vita buona del Vangelo “Partire dai poveri è partire dal cuore dell’esperienza cristiana”.
 
Ha affermato Andrea Riccardi nella relazione introduttiva, che ha parlato di “potenza umile dei poveri”:

“La nostra società disprezza sempre più i poveri. Ma il cristianesimo genera amicizia verso di loro. C’è un aspetto umano insopprimibile nel rapporto con i poveri. La solidarietà passa attraverso l’amicizia, perché i poveri –in un certo senso- sono parte della famiglia allargata. Quanti cristiani ne fanno esperienza lavorando con loro, vivendo in casa con loro, bambini, disabili, anziani; oppure gestendo case per loro, che divengono alla fine –se si è amici- case con loro.
La presenza del povero è misteriosamente e umanamente potente: cambia più di un discorso, insegna la fedeltà, aiuta a conoscere la fragilità della vita, a pregare per e con loro. (…) C’è una forza della mitezza che cambia. I miti sono gli umili amici dei poveri. Per amore dei poveri, cambierò il mondo, cercherò una visione di un mondo diverso. Si può cambiare il mondo a partire dai poveri”

Alla relazione sono seguiti numerosi interventi:

Giovanni Paolo Ramonda, presidente dell’Associazione Giovanni XXIII, co-organizzatrice dell’Incontro, ha ricordato che il fondatore, don Oreste Benzi, esortando a “Non lasciare soffrire nessuno da solo”, amava dire che ”Dio  ha creato la famiglia, gli uomini hanno creato gli istituti” ed ha raccontato l’esperienza delle famiglie allargate della sua Comunità, che accolgono tanti deboli, disabili, malati, in una “nuova visione del mondo dove i poveri sono i protagonisti della storia perché protagonisti dell’amore di Dio”

Andrea Olivero ha portato la sua esperienza personale e quella delle Acli, Chiara Amirante, presidente della Comunità Nuovi Orizzonti, ha raccontato la presenza accanto a quello che ama chiamare il “popolo della notte”, Don Virginio Colmegna, direttore della Casa della Carità di Milano, ha richiamato l’importanza di accettare una sfida culturale perché possano cambiare le percezioni negative sul mondo dei poveri, in particolare per quanto riguarda i rom. Ha concluso Don Enzo Cozzolino, direttore della Caritas di Napoli, illustrando con le sue parole il drammatico incremento della povertà nella città negli ultim i anni.

Il convegno On-Line

 

Il Programma integrale del Convegno >

Scarica il programma in PDF >

Parole e immagini della fiaccolata >

Galleria di foto >

Rassegna stampa >

I Video:
(Inaugurazione) Prima parte  â–º - 
(Inaugurazione) Seconda parte  â–º  (Inaugurazione) Terza parte  â–º
La fiaccolata  â–º -  Relazione conclusiva  â–º -  Liturgia Eucaristica  â–º

 

Amici per la strada


NEWS CORRELATE
8 Marzo 2016
MOSCA, RUSSIA

La memoria di Lilia e dei poveri morti per strada a Mosca

IT | EN | DE | FR | RU
23 Dicembre 2015
ROMA, ITALIA

E' l’isolamento sociale la prima causa della povertà. Misericordia vuol dire ricostruire le reti sociali


Il presidente di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, ha presentato la 26° edizione della “Guida Michelin dei poveri”. I dati sulla povertà a Roma
22 Dicembre 2015
CONFERENZA STAMPA

INSIEME CONTRO L’ISOLAMENTO CHE CREA POVERTA’.


Dati e proposte per Roma e l’Italia: Il Natale della misericordia, la nuova Guida “DOVE mangiare, dormire, lavarsi” per chi non ha casa. Oggi, 11,30 Piazza Sant'Egidio 3 nella Sala della Pace
7 Novembre 2015

Uno sguardo sulla povertà alla vigilia del Giubileo: i senzatetto di Roma e le parole del Papa


L'intervista di Papa Francesco al giornale di strada olandese Straatnieuws e un reportage sui senzatetto di Roma del Corriere della Sera
IT | ES
11 Maggio 2015
ROMA, ITALIA
COMUNICATO STAMPA

Perplessità di Sant'Egidio sulle modalità di sgomberi che infliggono inutili umiliazioni


L'insediamento di via delle Messi d'Oro era divenuto luogo simbolico, tanto che Papa Francesco ha voluto visitarlo alcune settimane fa
IT | ES
9 Febbraio 2015
ROMA, ITALIA

"La gente non sa il vostro nome, vi chiama i senza tetto... vi sono vicino". L'abbraccio del papa ai poveri senza dimora a Pietralata


Nella visita a una parrocchia della periferia romana, papa Francesco incontra un gruppo di amici della Comunità di Sant'Egidio che non hanno casa. Le sue parole
IT | EN | ES | FR | PT
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
1 Dicembre 2016
Il Piccolo
«Chi chiede l'elemosina è vittima di pregiudizi»
22 Novembre 2016
Giornale di Sicilia
«In difficoltà soprattutto gli anziani che per anni hanno aiutato figli e nipoti»
18 Ottobre 2016
Affari Italiani
A Roma non c'è spazio per i nuovi poveri. Mense affollate e pochi dormitori
7 Ottobre 2016
ASCA
Comunità di Sant'Egidio: nessuno è vaccinato contro la povertà
15 Luglio 2016
Il Fatto Quotidiano
I nuovi emarginati? Vengono dalla classe media
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri