change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Non si può Morire di Speranza! A Santa Maria in Trastevere la memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Centrafrica: firmato a Sant'Egidio l'accordo per il cessate il fuoco e una road map per la pace

27/06/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
11 Settembre 2011 14:30 | Marstallplatz

Cerimonia in memoria dell’11 settembre 2011



Reinhard Marx


Cardinale, Arcivescovo di Monaco

Le immagini delle due torri del World Trade Center si sono impresse profondamente nella memoria dell’umanità. Sono immagini di orrore, di violenza, di terrore, di paura. Tutti ricordiamo quella giornata, ricordiamo cosa abbiamo fatto in quel giorno, cosa ci ha commosso. Possiamo ricordare lo shock e il turbamento che aumentava con il passare delle ore.
Anche dieci anni dopo questa ferita non è facilmente rimarginabile e ciò che è successo forse non è stato rielaborato perché le conseguenze di questo atto di disprezzo verso l’umanità si sentono ancora oggi. La violenza si perpetua nei conflitti, in ogni nuova reazione di violenza e di contrapposizione. È una catena la cui fine ancora non si riesce a vedere. Quindi questa ricorrenza ci chiede di nuovo di riflettere. Si tratta di una memoria in senso ampio, di un ricordo che diventa impegno.
Ci ricordiamo delle vittime dell’11 settembre, delle guerre, della violenza e del terrorismo negli ultimi dieci anni.
Rammentiamo l’enorme disponibilità ad aiutare di cui molti hanno dato prova l’11 settembre 2001.
Pensiamo anche ai soldati, sia uomini che donne.
Ci ricordiamo pure di quelli che si impegnano in ambiti diversi per far sì che la violenza e il terrore cessino.
E riflettiamo nuovamente come poter superare la logica della violenza e della paura, la diffusione dell’odio e delle barriere.
Gli spregevoli atti dell’11 settembre 2001 avevano un duplice scopo: da una parte la maggior distruzione possibile, l’annientamento di vite umane, la messa in scena di una rappresentazione di orrore e di paura. Dall’altra quello di costringere il mondo e in particolare le nazioni della civiltà occidentale nella logica della violenza e del terrore. Si trattava e si tratta di dettare ed imporre l’agenda della vita politica e sociale attraverso il terrore. 
Davvero bisogna difendersi da quelli che con violenza e una inimmaginabile fantasia del male agiscono contro persone innocenti e desiderano solo la distruzione totale. Ma la nostra risposta deve essere più grande, più larga e più profonda. Gli Stati Uniti e tutta la civiltà occidentale, l’intera comunità mondiale, cioè quelli che furono l’obiettivo dell’attacco, non devono solo proteggersi dalla violenza, ma devono trovare nuove risposte di pace e di convivenza in un mondo globale. Un mondo in cui le diverse culture, religioni e idee devono e possono avere un posto.
Ogni tanto mi sembra come se il decennio passato sia stato dissipato senza cercare queste risposte più alte. Probabilmente ci siamo abituati troppo agli scenari di guerra e alla retorica della contrapposizione. Dobbiamo imparare di nuovo che il nostro mondo saprà costruire un futuro solo stabilendo un ordine di giustizia e solidarietà, con forze di riconciliazione, di pace e di convivenza.
L’incontro internazionale di pace che si tiene qui a Monaco vuole incoraggiare e orientare in questa direzione. Poiché il nostro mondo può essere volto al bene soltanto passo dopo passo. Da questo non dobbiamo lasciarci distogliere. 
Quindi dieci anni dopo il 9/11 significa ancora un impegno e una missione: non sottostare alla logica della vendetta, della violenza e dell’inimicizia. Non facciamoci dominare da essa ma impegnamoci con audacia e un lungo respiro per la pace, la giustizia, l’incontro e la riconciliazione. Quale sarebbe altrimenti l’alternativa?
I rappresentanti qui presenti delle religioni vogliono inserirsi in questo movimento. Vogliamo contrapporci con decisione all’abuso del nome di Dio, a ogni tipo di violenza, di sfruttamento e di oppressione nel nome della religione. Appellarsi a Dio uccidendo persone innocenti è blasfemia.
Attraverso il nostro stare insieme a Monaco vogliamo manifestare che le religioni vogliono e possono essere sorgente di pace, del dialogo vero e della riconciliazione.

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
24 Ottobre 2011

Lo Spirito di Assisi: 25 anni di preghiera per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
24 Luglio 2010

Si tiene a Barcellona, in Spagna, dal 3 al 5 ottobre, il prossimo Incontro di Preghiera per la Pace tra le religioni mondiali: "Famiglia di popoli, Famiglia di Dio"

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi


Conferenza di Sant'Egidio in Russia con i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste
IT | DE
14 Giugno 2011

Dresda (Germania): Impegno per la vita e difesa dei rom, i temi di Sant'Egidio al Kirchentag 2011 della Chiesa evangelica tedesca

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
3 Giugno 2011

Roma: Nella Basilica di San Bartolomeo, la consegna della stola di Ragheed Aziz Ganni, prete caldeo ucciso a Mosul in Iraq

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
7 Maggio 2011

Antwerpen (Belgio) - La manifestazione "Remare per la pace" riunisce giovani di ogni provenienza etnica, culturale e religiosa

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
17 Giugno 2017
Avvenire - Ed. Milano
Veglia per "morti di speranza"
21 Maggio 2017
Deutsche Welle
Bundesregierung will Religionen stärker in die Pflicht nehmen
14 Maggio 2017

Die "Uno von Trastevere" wirkt auch in Berlin
11 Maggio 2017
Famiglia Cristiana
Il dialogo: scelta non debole ripiego
30 Aprile 2017
Corriere della Sera
L’intervento. Il patto con l'islam che aiuta l'unità tra cristiani
tutta la rassegna stampa correlata