change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.

Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamo insieme una tavola larga come il mondo

Tutti i modi per aiutare: i centri di raccolta dei regali, il Rigiocattolo, come donare, come contattarci

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

09/12/2016
Preghiera della Santa Croce

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
11 Settembre 2011 14:30 | Marstallplatz

Testimonianza 11 settembre


Coleen Kelly


Mi chiamo Coleen Kelly. Mio fratello Bill morì l’11 settembre a New York nelle Torri Gemelle. Lui non avrebbe dovuto esserci, non lavorava lì. Ci si trovava per caso, per partecipare a una conferenza, dopo aver convinto il suo datore di lavoro a accordargli il permesso per la giornata. Un appuntamento dal quale Bill non sarebbe più tornato. Mio fratello non aveva scampo: era intrappolato al 106esimo piano della Torre 1. Lui stesso usò la parola “intrappolato” nei suoi ultimi messaggi. Sappiamo però che lui era rimasto speranzoso in quell’ultima ora disperata. Nei messaggi diceva di aspettare l’arrivo dei vigili del fuoco – gli uomini che entravano negli edifici in fiamme mentre le migliaia di persone che si trovavano all’interno cercavano di fuggire.

Proviamo uno sconforto morale contro i fanatici che hanno assassinato mio fratello, contro il destino imprevedibile che lo ha portato ad essere nel posto sbagliato al momento sbagliato. Un destino che ha deciso chi doveva essere in quel posto. Per molti, come per mio fratello, non c’erano alternative.

Tuttavia, dopo il 12 settembre, il popolo americano e la comunità globale avevano una scelta. Come avremmo dovuto rispondere al terrore? Qual era il significato e la forma di una giustizia vera? C’erano diverse possibilità disponibili.

Un rabbino ha cercato di raccogliere, dove possibile, le ultime parole e frasi delle persone uccise quel giorno. Nessuno di questi diceva “uccidiamoli” o gridava alla vendetta. No. Le ultime parole non esprimevano odio, non chiedevano vendetta. Le ultime frasi delle vittime dell’11/9 qualche volta esprimevano paura, ma nella maggior parte  dei casi erano parole di amore. “Dì a mamma e papà che li amo”- “Dì ai bambini che mi mancano e li amo”. “Julie, la situazione è brutta, ma sappi che ti amo”.

Cosa ci dicono queste ultime parole? Le ultime parole non dovrebbero mai essere il prodotto di violenza politica. Piuttosto dovrebbero riflettere una vita piena e ben vissuta: e c’è un altro messaggio forte per coloro che sono disposti ad ascoltare. C’è un tempo per un forte senso di scandalo morale, ma in ultima analisi, si tratta di amore. E per noi, che restiamo, si tratta di scelte difficili. La nostra scelta di risposta può essere creativa e in favore della vita, o distruttiva come la violenza iniziale. A noi la scelta.

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri