change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Per aprire vie di salvezza ai profughi, per evitare i viaggi della morte SOSTIENI i #corridoiumanitari. DONA ORA

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

05/12/2016
Preghiera per i poveri

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
11 Settembre 2011 16:30 | Residenz, Herkulessaal

Appunti/brano dal discorso di Anwar Ibrahim



Anwar Ibrahim


Membro del Parlamento, Malesia

"In questo giorno, esattamente dieci anni fa, quando ero ancora tenuto in isolamento in una prigione federale nel mio paese, la guardia è venuta correndo nella mia cella ed ha gridato: “Hanno bombardato l’edificio! Un’esplosione enorme, hanno dirottato degli aerei!” Poiché ero totalmente tagliato fuori dai mezzi di comunicazione, sia multimediali che di carta stampata, in quel momento non ho potuto visualizzare la reale portata di quell’evento. Tuttavia, tre giorni dopo, quando qualcuno mi ha fatto avere di nascosto una copia del giornale del 12 settembre ho scoperto con enorme orrore la carneficina e la distruzione compiuta dagli attacchi dell’11 settembre. Entro una settimana sono riuscito a inviare un articolo alla rivista Time, in cui condannavo l’attacco e chiedevo che prevalessero la calma e il buon senso, poiché naturalmente temevo che questo evento avrebbe scatenato rappresaglie ed una nuova ondata di ostilità verso l’Islam e i Musulmani.”

"Come qualcuno abbia potuto commettere atti così biechi e malvagi va al di là della nostra comprensione, ma sappiamo che la storia dell’umanità è sporcata da atti inimmaginabili di depravazione e crudeltà. E benché si dica che “il genere umano non sa affrontare la realtà”, dovremmo almeno avere l’umiltà di appellarci ad una Realtà superiore, l’unica che conta veramente nella vita. Permettetemi di citare un breve passo dalla Città di Dio, di Sant’Agostino d’Ippona.

“In questo quindi consiste la giustizia di un uomo: che egli si sottometta a Dio, che sottometta il corpo all’anima, e i vizi - anche quando si ribellano - alla ragione, che li sconfigge o almeno resiste ad essi, ed anche che egli supplichi da Dio la grazia di poter compiere il suo dovere e di essere perdonato dai peccati, e che renda grazie a Dio per le benedizioni che riceve.”

"La Jihad è una purificazione spirituale. E’ un richiamo all’anima del fedele affinché adempia i dogmi della religione, facendo il bene ed evitando il male, stabilendo la giustizia, promuovendo la carità ed aiutando i deboli ed i poveri. Soprattutto, la Jihad comanda ai musulmani di conservare la pace e l’armonia e proteggere la santità della vita e della proprietà. Questo è il fondamento del discorso sull’Islam e l’Occidente, poiché il dibattito è stato invariabilmente pregiudicato dall’idea sbagliata dominante sull’Islam, come una religione di terrore e violenza e diametralmente opposta all’uguaglianza, alla giustizia e alla dignità umana. Questo “credo” ha portato alcune parti a concludere che il termine “democrazia musulmana” sia un ossimoro.

Ma con l’avvento della Primavera Araba il vecchio paradigma si è sbriciolato e con esso, vogliamo sperare, anche le vecchie interpretazioni e pregiudizi. Tuttavia non ci sarebbe stato bisogno che avvenissero questi avvenimenti per comprendere che l’Islam e la democrazia sono perfettamente compatibili. Abbiamo più volte parlato della Turchia come un esempio di quello che una nazione musulmana può raggiungere se i suoi capi si mantengono fedeli ai dogmi fondamentali dell’Islam. Oggi, con la Primavera Araba, siamo ottimisti che le nuove democrazie che stanno emergendo in Medio Oriente saranno, come la Turchia, moderne, moderate, progressiste e tolleranti, usando come motto per governare la giustizia e la legge."

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri