change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamo insieme una tavola larga come il mondo

Tutti i modi per aiutare: i centri di raccolta dei regali, il Rigiocattolo, come donare, come contattarci

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

06/12/2016
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
12 Settembre 2011 16:00 | Künstlerhaus am Lenbachplatz, Festsaal

"Appartenenze locali, identità universali di Johan Bonny



Johan Jozef Bonny


Vescovo cattolico, Belgio

Commento su una parabola:
Egli (Gesù) disse anche: "A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? Esso è come un granellino di senapa che, quando viene seminato per terra, è il più piccolo di tutti semi che sono sulla terra; ma appena seminato cresce e diviene più grande di tutti gli ortaggi e fa rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi alla sua ombra”. (Mc 4,30-32)
1. Un albero non può crescere se non è "radicato" in un terreno solido, fertile e accogliente: un'identità non può crescere, se non da radici solide in una specifica cultura locale e coerente.
2. I popoli e le nazioni hanno il diritto e il dovere di far crescere e fiorire la propria cultura, per il bene proprio e degli altri.
3. La parabola suggerisce giustamente che l'obiettivo di crescere in una specifica identità non può essere limitato solo all’auto-realizzazione; l'auto-realizzazione dovrebbe trascendere se stessa nell’ospitalità.
4. Solo quando l'auto-realizzazione si tramuta in ospitalità, solo allora la felicità diventa possibile. Anche l'albero più alto e più grande non può cantare; solo gli uccelli che fanno il nido alla sua ombra possono farlo. L’ospitalità rende la vita diversa: sia per l’albero che per gli uccelli.
5. Il messaggio del Vangelo riguarda il Regno di Dio e la "felicità" che ne deriva. Una questione aperta: come possiamo presentare nelle società moderne l’"ospitalità" come una via per una felicità più grande, sia per colui che dona "ospitalità"sia per colui che la riceve?
6. In città ed agglomerati "multiculturali": favorire la possibilità per i diversi gruppi culturali di arrivare e costruire il proprio "nido". Essi possono portare nuova vita nei "vecchi" alberi della nostra società. Preparano la strada per un futuro più grande e più ampio per le nostre società. Possono trarre vantaggio dalle nostre tradizioni culturali.
7. Una realtà dolorosa, nascosta dietro la facciata di buone maniere della nostra città e degli agglomerati "multiculturali": persone e comunità senza radici, che hanno perso le proprie stesse radici e non riescono a costruire un nuovo" nido ".
8. Le autorità civili devono essere appoggiate e sostenute nei loro sforzi per mantenere l’albero dell’ "identità locale" sano e stabile. L'ospitalità può essere praticata solo nella misura in cui l’albero rimane fermo e ritto. Dovremmo cercare di capire perché le persone e le autorità nelle nostre grandi città sono preoccupati di aprire troppo e troppo facilmente le porte.
9. Persone e gruppi di diversa appartenenza culturale dovrebbero essere sostenuti non solo a "costruire il proprio nido", ma anche a prendersi cura dell’albero che li ospita. Ospitalità e responsabilità dovrebbero andare insieme.
10. Anche se l'ospitalità non è intrinsecamente legata alla reciprocità, implica normalmente un invito simile da colui che è stato ricevuto. L’ospitalità riceve il suo compimento nella reciprocità (almeno intenzionalmente).

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri