change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola

Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio

Emergenza freddo: in tutta Italia raccolta e distribuzione di coperte ai senza dimora

Come aiutare
23/01/2017
Preghiera per i poveri

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
13 Settembre 2011 11:00 | Campo di Concentramento di Dachau

Cerimonia nel luogo memoriale del campo di concentramento di Dachau - Max Manheimer



Max Mannheimer


Testimone, Comitato Internazionale di Dachau, Germania

Gentili signori,
cari amici qui presenti!

Avevo appena 23 anni quando sono giunto ad Auschwitz. Poi sono stato a Varsavia e a Dachau (Mühldorf). A quell’epoca ero accerchiato e minacciato da brutalità, violenza, annientamento e morte. Le regole del giusto e dell’ingiusto non valevano più. Tra noi prigionieri, in questo mondo di disumanità, rimanevano piccoli segni di speranza, resti di umanità: condividere la zuppa o il pane, scambiare una giacca più calda, dire una parola buona, esaudire un desiderio. Non sembrano gesti eroici, ma anche con questi piccoli gesti si poteva rischiare la vita. Questi gesti di vicinanza umana e solidarietà a volte potevano aiutare a sopravvivere psichicamente; erano gesti che provenivano da un altro mondo. Ad Auschwitz potevo ancora pregare Dio come avevo imparato a fare e come facevo a casa.
Nel 1945 i prigionieri dei lager sono stati liberati. Liberati dalla prigionia, ma siamo stati veramente liberati? L’idea dell’uomo, l’idea di Dio, il rapporto tra bene e male, l’idea della società umana, tutto era sconvolto, distrutto, infranto. Eravamo stati una normale e pacifica famigia ebraica che viveva in una pacifica cittadina della Moravia. Nessuna accusa poteva essere mossa nei nostri confronti, nessuna opposizione all’autorità, nessuna ribellione contro lo stato o la legge. Siamo stati solo vittime, perchè appartenevamo all’ebraismo. Sei tra i miei parenti più stretti sono stati uccisi ad Auschwitz, perché è stato negato loro il diritto all’esistenza. Eppure io non riesco ad odiare, né ho provato l’impulso della vendetta. Diversamente, non sarei mai potuto tornare nel paese dei colpevoli. La volontà di riconciliazione viene quasi naturalmente, se uno si interroga in maniera responsabile sul futuro, se uno si vuole impegnare per una convivenza pacifica e umana. Per questo ripeto sempre che io non voglio essere un accusatore, ma un testimone. Per me questa differenza è molto importante!
E oggi? Non dividiamo ancora oggi gli uomini in base alla razza e all’appartenenza ad un gruppo nazionale o etnico? Non emarginiamo forse le culture e le tradizioni che ci sono estranee? Non giudichiamo troppo spesso in base all’appartenenza religiosa, senza neanche conoscerla veramente? Come ci rapportiamo alle persone che la pensano diversamente da noi, a quelle che hanno il colore della pelle diverso? Nessuno nasce razzista o antisemita. Almeno questo mi ha insegnato il tempo passato nel lager: a superare queste barriere. Il male non è una forza della natura, ma è un’opera umana. Ogni individuo ha il potere di scegliere liberamente come agire, se bene o male.
 Da 25 anni vado in giro per mostrare ai giovani quale forza distruttiva abbia una dittatura e per incoraggiarli e rafforzarli nella scelta per la democrazia. L’educazione all’umanità e al riconoscimento del valore della convivenza con minoranze comincia nella famiglia e nella scuola. Alle giovani generazioni vorrei assegnate questa corresponsabilità: non guardate dall’altra parte, quando gli altri guardano dall’altra parte. Mostrate coraggio quando si tratta di difendere il diritto e la dignità di un altro essere umano. Non siete responsabili per quello che è avvenuto. Ma perchè non si ripeta mai più sì. Di questo siete responsabili voi.
Personalmente ho trovato la mia liberazione: la fede nella bontà dell’uomo e la ricerca di Dio.



Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

''L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione'': meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


A Santa Maria in Trastevere per la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani
17 Gennaio 2017

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola


Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio
IT | ES | DE
9 Gennaio 2017

Zygmunt Bauman: scompare un grande umanista impegnato nel dialogo tra laici e credenti sulla frontiera del vivere insieme e della pace

IT | EN | ES | DE | FR | RU
21 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

"Una luce accesa da Dio nella notte profonda del mondo" meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
14 Dicembre 2016
Vatican Insider
S.Egidio firma un protocollo con i Carabinieri su pace e diritti umani
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
tutta la rassegna stampa correlata