change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

Sono atterrati stamattina a Fiumicino. Con questo gruppo sale a 500 il numero di persone salvate. VIDEO E FOTO

Il libro per preparare il pranzo di Natale con la Comunità di Sant'Egidio è disponibile online in 5 lingue

Da oggi è possibile scaricare gratuitamente la versione digitale del libro "Il pranzo di Natale" in inglese, francese, spagnolo, portoghese, indonesiano.
03/12/2016
Vigilia del giorno del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
13 Settembre 2011 17:00 | Centro di Monaco di Baviera

Omelia di Lluís Martínez Sistach


Lluís Maria Martinez Sistach


Cardinale, arcivescovo emerito di Barcellona, Spagna

Stiamo celebrando un momento molto importante di questo Incontro Internazionale per la Pace, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio e che si svolge ogni anno, per mantenere vivo lo spirito di Assisi, inaugurato da Papa Giovanni Paolo II con i responsabili delle principali religioni del mondo.

Ci siamo riuniti nel nome del Signore per pregare, per chiedergli con fede e perseveranza di concedere l’autentica pace al nostro mondo. Siamo consapevoli tuttavia che parlare del mondo è parlare dell’umanità, cioè di tutti noi uomini e donne che abbiamo ricevuto dal Signore Gesù il compito di essere costruttori di pace. Per questo gli chiediamo di riempire i nostri cuori con il dono della sua pace. Solo così potremo essere seminatori della pace fondata sull’amore e sulla giustizia in mezzo a questo mondo che osserva impassibile l’orrore dei campi di concentramento come Dachau, ricorda attonito il decimo anniversario dell’attentato alle Torri Gemelle e soffre le gravi conseguenze dell’attuale crisi economica.  

Il brano della lettera ai Romani ci ha parlato della pace e ci ha offerto il fondamento più solido per costruire la pace in ogni luogo e in ogni tempo. In questa lettera, l’apostolo fa riferimento ai problemi che agitavano la vita della comunità cristiana. Alcuni di essi riguardavano la vita quotidiana dei suoi membri. La comunità di Roma era formata da cristiani di molteplici origini e, senza necessità di precisare le cose fino al punto di identificare i “forti” con i cristiani provenienti dai gentili e i “deboli” con i giudeocristiani, si può supporre che i problemi avessero a che fare con determinate prescrizioni ebraiche, che i “deboli” consideravano vincolanti per tutti i cristiani, mentre i “forti” credevano superate in Cristo.

Il brano che abbiamo ascoltato ha un ricco contenuto morale, ma di morale evangelica, radicata nella Buona Notizia di Gesù. Ascoltando queste esortazioni paoline ci viene in mente il contenuto centrale del Discorso della Montagna: non restituire male per male, non farsi giustizia da sé, amare i nemici e fare loro del bene, non lasciarsi vincere dal male, ma vincere il male con il bene. San Paolo va in profondità e chiede questo comportamento a noi che con il battesimo ci siamo uniti a Lui nella sua morte e resurrezione e, rivestiti di Cristo, dobbiamo imitarlo vivendo nel mondo come lui, facendo sempre il bene.

I quattro capitoli di esortazioni della lettera ai Romani insistono varie volte sul fondamento della vera pace, cioè sul nuovo comandamento dell’amore fraterno che il Signore ci ha lasciato. L’apostolo mette in relazione quest’amore con le prescrizioni della morale privata. La carità riassume l’indispensabile molteplicità delle norme morali in un atteggiamento più elevato: colui che ama, a partire dalla sua gioiosa libertà interiore, realizza per l’altro tutto e più di ciò che ogni prescrizione esige. I fedeli di Cristo, siano essi di origine ebraica o gentili, devono essere uniti nella carità e nell’aiuto vicendevole. Qui sono le radici del fondamento della pace nel seno delle nostre comunità e delle nostre società.

Il messaggio evangelico, che tocca le più profonde preoccupazioni e i desideri del genere umano, brilla ai giorni nostri con una nuova chiarezza, nel proclamare beati gli operatori di pace, “perché saranno chiamati figli di Dio” (Mt 5, 9).  Questa beatitudine ci stimola in questo lavoro che il Signore ci affida e che noi, membri di diverse religioni e di diversi popoli del mondo, stiamo realizzando insieme in questi giorni. Siamo felici perché lavorando per la pace saremo chiamati figli di Dio.

La pace terrena, che nasce dall’amore verso gli amici e i nemici, è immagine ed effetto della pace di Cristo, che procede da Dio Padre. Infatti lo stesso Figlio incarnato, Principe della Pace, attraverso la croce ha riconciliato tutti gli uomini con Dio e, restituendo l’unità di tutti in un solo corpo, ha ucciso nella propria carne l’odio e, innalzato dalla resurrezione, ha effuso lo Spirito di carità nel cuore degli uomini.

Cari fratelli e sorelle, riuniti nel nome del Signore, Egli è qui in mezzo a noi e chiediamo a Lui con fiducia il dono della pace che Egli ha ottenuto con la morte e  la resurrezione. Gesù ci ha detto: “Chiedete e vi sarà dato”. Chiediamo e seguiamo l’esortazione dell’apostolo, perché la pace è dono e conquista. La dobbiamo implorare e la dobbiamo costruire, bisogna offrirla ai fratelli e riceverla da essi, come faremo con un gesto simbolico qui, tutti noi credenti in Cristo e nella piazza con tutti gli altri fratelli.
Sarà l’occasione per testimoniare nuovamente che le religioni propiziano la pace nel mondo come espressione dell’amore di Dio per l’umanità. 

 

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri