change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

'Ayudame a crecer': un corso per gli operatori delle Scuole della Pace dell'America Centrale

Di fronte all'emergenza caldo non dimentichiamo gli anziani: rompere l'isolamento sociale di chi resta nelle città

Le istituzioni siano sensibili, ma ogni cittadino può aiutare con gesti concreti

Aprire 'Strade di Pace' in un mondo segnato da troppi conflitti: presentato l'Incontro internazionale Paths of Peace

Marco Impagliazzo: ''Sarà il più importante evento per la pace dell'anno, un messaggio forte contro le guerre, le divisioni e i muri per ridare un'anima a Paesi e continenti in crisi''
22/08/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
12 Settembre 2011 16:00 | Residenz München, Plenarsaal der Bayerischen Akademie der Wissenschaften

L’Africa che cambia: societa’ e religioni di Schick



Ludwig Schick


Arcivescovo cattolico, Germania

“ L’Africa nera “ viene vista in Germania ed in tutta l’Europa occidentale  troppo nera e per questo non si ha molta fiducia nell’Africa. Questo porta conseguenze: colui nel quale non viene riposta fiducia e non viene aiutato a camminare sulle sue gambe, si ritrova con delle possibilita’ di sviluppo limitate .   
L’Africa viene identificata con l’aids, la corruzione,la criminalita’, il terrorismo, i governi totalitari,  i colpi di stato e le guerre civili.
Questa sfiducia ha degli effetti concreti, ad esempio le offerte in denaro per le carestie  nell’Africa orientale sono sensibilmente diminuite, come per Haiti dopo il terremoto o per le Filippine o il Giappone dopo lo tsunami.
Gli esperti lo riconducono alla sopracitata sfiducia contro l’Africa.
Anche l’industria e il commercio sono riluttanti ad investire in Africa, rispetto alle relazioni economiche in Asia, America, nell’Europa centrale e occidentale. Anche il turismo si sviluppa in modo minore in Africa rispetto ad altri paesi. Molti europei vi trascorrerebbero volentieri le vacanze, ma pensano che sia peircoloso. Ma anche l’Africa  ha poca fiducia in se stessa. L’Unione   Africana potrebbe agire in modo efficiente per tutta l’Africa. La cooperazione tra i 52 stati africani dovrebbe essere  di aiuto per superare i problemi umanitari e politici, rilevanti per lo sviluppo e per   raggiungere progressi.
 L’Africa e’ un continente bello, ricco, capace e desideroso di sviluppo. Cosi’ l’Africa si puo’ sviluppare,  bisogna cambiare l’ immagine e il messaggio  dell’ Africa diffuso in Germania e in Europa. L’Africa non e’ cosi’ nera, come spesso viene vista. Solo con una migliore visione dell ‘ Africa  si possono sviluppare implicazioni per le future relazioni dell’Europa con i continenti vicini. Chi ha conosciuto l’Africa
un po’ piu’ da vicino, impara per prima cosa a stimare e ad amare gli africani. Sono persone gentili e ospitali, che hanno tutte le capacita’ per  formare il loro futuro. L’ Africa e’un continente mutevole e bello dal punto di vista del pesaggio. Ci sono le piu’ alte montagne della terra e meravigliosi paesaggi cosi’ come il deserto, che ha un suo fascino . In Africa ci sono le maggiori risorse minerali di tutto il mondo.
L’Africa e’ la culla dell’ umanita’. In questo continente troviamo le culture piu’ antiche.
L’Africa merita fiducia ed ha bisogno di fiducia. La fiducia e’ la base per ogni sviluppo e per ogni aiuto allo sviluppo. Certo oggi l’Africa e’ un continente in cui c’e’ molta poverta’ e fame, dove vive il piu’ alto numero di malati di aids. E’ un continente in cui ci sono il maggior numero di guerre. E in Africa c’e’ la peggiore corruzione dei governi e del settore pubblico. Il divario tra ricchi e poveri  nel   “continente nero” e’ particolarmente grande.
 Questo stato di miseria  ha la radice nella storia del continente . Europa e Nord America ne hanno la  colpa, attraverso il colonialismo, lo sfruttamento delle ricchezze naturali ed il terribile commercio degli schiavi, che ha ferito la dignita’ degli africani ed ha profondamente turbato la loro fiducia in se stessi. Noi europei abbiamo il dovere e il debito di aiutare l’ Africa.
Dobbiamo guardare l’Africa in modo nuovo, e’ il nostro primo e piu’ importante compito in Europa. Dobbiamo aiutare gli africani nel loro continente , nelle loro regioni, ad adempiere i loro compiti. L’Africa deve progredire attraverso gli africani. Un buon segno ne e’ ad esempio l’attuale conferenza dell’Unione Africana per affrontare la carestia nell’Africa orientale. L’ Africa merita fiducia e aiuto.
La chiesa puo’ operare molto bene e deve e deve assolvere compiti importanti. La religione gioca un ruolo importante in Africa. La chiesa ripone molta fiducia nella popolazione. Annunciando Dio misericordioso a tutti gli uomini, la dignita’ dell’uomo e i diritti umani, puo’ fare molto per lo sviluppo dell’Africa attraverso le sue liturgie e il  suo impegno sociale soprattutto nel campo dell’educazione e della formazione sanitaria.

“ Africa che cambia: societa’ e religioni “

L’Africa puo’, vuole e deve cambiare, ma ha bisogno e merita la nostra fiducia e l’aiuto di Europa, America e della comunita’ internazionale.      
                        

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
24 Ottobre 2011

Lo Spirito di Assisi: 25 anni di preghiera per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
24 Luglio 2010

Si tiene a Barcellona, in Spagna, dal 3 al 5 ottobre, il prossimo Incontro di Preghiera per la Pace tra le religioni mondiali: "Famiglia di popoli, Famiglia di Dio"

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi


Conferenza di Sant'Egidio in Russia con i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste
IT | DE
14 Giugno 2011

Dresda (Germania): Impegno per la vita e difesa dei rom, i temi di Sant'Egidio al Kirchentag 2011 della Chiesa evangelica tedesca

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
3 Giugno 2011

Roma: Nella Basilica di San Bartolomeo, la consegna della stola di Ragheed Aziz Ganni, prete caldeo ucciso a Mosul in Iraq

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
7 Maggio 2011

Antwerpen (Belgio) - La manifestazione "Remare per la pace" riunisce giovani di ogni provenienza etnica, culturale e religiosa

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
19 Agosto 2017
Vida Nueva
Noche en blanco para cambiar el terror por la paz
5 Agosto 2017
L'Eco di Bergamo
Impagliazzo: "Caccia alle ONG ora basta, si perseguano i trafficanti"
1 Agosto 2017
Notizie Italia News
Cent’anni di denuncia dell’“inutile strage” che è ogni guerra …
30 Luglio 2017
HASEPOST
Angela Merkel kommt zum katholischen Weltfriedenstreffen – aber nicht nach Osnabrück
22 Luglio 2017
Avvenire
Un mondo ferito dalle guerre ha bisogno di «strade di pace»
tutta la rassegna stampa correlata