change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

Sono atterrati stamattina a Fiumicino. Con questo gruppo sale a 500 il numero di persone salvate. VIDEO E FOTO

Il libro per preparare il pranzo di Natale con la Comunità di Sant'Egidio è disponibile online in 5 lingue

Da oggi è possibile scaricare gratuitamente la versione digitale del libro "Il pranzo di Natale" in inglese, francese, spagnolo, portoghese, indonesiano.
04/12/2016
Liturgia della domenica

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
12 Settembre 2011 16:00 | Künstlerhaus am Lenbachplatz, Festsaal

Appartenenza locale - Identità universale di Klatik



Miloš Klatik


Federazione Luterana Mondiale, Repubblica Slovacca

 Un uomo nasce e cresce in un ambiente specifico, che lascia un'impronta sulla sua educazione, il comportamento e il suo modo di pensare. I Primi anni della nostra vita sono un periodo durante il quale si creano connessioni in un luogo dove si vive e con le persone intorno a questo luogo. E 'un momento in cui si formano legami che continuano a segnarci per il resto della  vita e plasmano la propria identità e portano le persone a identificarsi a livello nazionale o sociale, in conformità con le regole. Dopo questo processo è solamente individuale se ciascuno è in grado di cambiare la propria identità di pensiero, la sua vita. Le questioni sociali sono una delle ragioni più comuni per cui le persone lasciano il loro ambiente originale e cambiano il loro ambiente circostante. Questo non è un processo facile. Un Forte legame con il proprio ambiente originale può diventare un ostacolo al pieno adattamento in un posto nuovo e di identificazione con questo nuovo ambiente. Pertanto, è lecito chiedersi se questo cambiamento diventi una influenza positiva o negativa. E' meglio per una persona di cambiare la sua identità per tutta la vita o è meglio rimanere fedeli alla propria identità originaria, pur essendo in posti diversi con diverso modo di vivere? Si tratta di una questione molto complessa che abbiamo potuto analizzare da un puntodi vista nazionale, sociale o confessionale. In ogni caso un cambiamento di identità può essere visto da diverse prospettive, ma non possiamo negare che gli eventi attuali svolgono il proprio ruolo fondamentale in questo processo. 


Oggi vogliamo parlare e concentrarci sull'identità confessionale di un cristiano. L'idea di identità cosmopolita è nulla di nuovo ed è accettata con sentimenti diversi, come alcuni accettano la possibilità di identificarsi con il mondo intero, altri considerano questa possibilità un tradimento della loro identità originaria. Abbiamo incontrato qualcosa di molto simile nel nostro paese sette anni fa, quando la Slovacchia ha aderito all'Unione europea. Mentre alcuni avevano accolto questa decisione con le braccia aperte e con gioia, gli altri avevano paura di perdere qualunque cosa fosse che rendeva loro "slovacchi" e che l'onore di identità nazionale e l’identità nazionale come tale sarebbe cessata di esistere. Questi timori non si sono concretizzati ed ora, dopo sette anni si può concludere che la nostra identità non ha sofferto. 

IL mondo sta diventando un villaggio globale - i viaggi e le relazioni internazionali non sono più un problema. Per noi - cristiani, si presenta l'opportunità di incontrarsi, condividere, incoraggiare, e di aiutarci a vicenda. Ci incontriamo come membri di paesi diversi che riflette sul nostro comportamento e sul modo di pensare. Il nostro cristianesimo è, nonostante tutte le differenze di qualcosa che ci unisce e ci porta insieme. Da un lato possiamo vedere le parole dell'apostolo Paolo soddisfatte: l'amore di Cristo ci unisce (2 Cor. 5,14) con le parole di Gesù: dove due o tre riuniti nel mio nome, io sarò in mezzo a loro (Mt 18,20), d'altra parte si può ammirare la grandezza della potenza di Dio che ha permesso tutto questo accada. 

Credo che sarebbe un errore per un cristiano di qualsiasi paese chiudere e nascondere se stesso dal mondo. Ci sono gruppi di persone che sono sparsi in tutto il mondo, e che lavorano come una famiglia. Possiamo immaginare la chiesa cristiana come tale famiglia. Il Vangelo è stato diffuso in molti angoli del mondo, ma il suo scopo è non solo a diffondersi ma a parte il messaggio per  ogni individuo, è quello anche di unire i cristiani in tutto il mondo. Questo è un processo che ha causato la nascita di una grande famiglia cristiana. 

Per essere parte di questo processo abbiamo bisogno di essere disposti a far parte di questa famiglia globale dei cristiani. Dobbiamo essere capaci di percepire un cristiano all'estero come un fratello o una sorella, dobbiamo essere in grado di sentirci come una parte di questa chiesa cristiana globale. Ciò presuppone che ognuno di noi possiede una identità globale cristiana. 
Questa non è l'identità cosmopolita, non è un tentativo di globalizzare tutto ciò che rende persona  una persona, non è un tentativo di rubare la propria identità, ma uno sforzo per allargare il proprio orizzonte di senso cristiano di pensare oltre i confini di appartenenza locale e quindi migliorare la propria vita spirituale. Penso che questo tipo di consenso locale e globale identità cristiana sia possibile. Tuttavia, sta a noi cercare di raggiungere questo consenso. 

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri