change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace. Educare i bambini in un mondo globale''. FOTO E VIDEO

Con Andrea Riccardi, il ministro Valeria Fedeli, Marco Impagliazzo, Marco Tarquinio, M. Novella De Luca.

I VIDEO della marcia in memoria della deportazione degli ebrei di Roma del 16 ottobre 1943

Andrea Riccardi: "Il ricordo della Shoah come una bussola verso il futuro"

Aiutiamo i profughi rohingya rifugiati in Bangladesh

La Comunità di Sant'Egidio avvia una campagna di raccolta fondi per inviare aiuti nei campi profughi del Bangladesh in collaborazione con la Chiesa locale
18/10/2017
Preghiera degli Apostoli

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
13 Settembre 2011 09:00 | Künstlerhaus am Lenbachplatz, Clubräume

Essere credenti in terra straniera di Edgar Busuttil


Edgar Busuttil


Direttore del Centro Fede e Pace, Malta

Malta è il più piccolo Stato dell'Unione europea. La sua popolazione è di circa 400 mila e la superficie dell'arcipelago maltese è di 316 km quadrati. Tra il 2002 e il 2009, 13.330 persone sono arrivate a Malta irregolarmente da imbarcazioni precarie soprattutto dalla Libia. La maggior parte di queste persone erano africani provenienti dalla Somalia, Eritrea e Nigeria. Secondo l'UE-Midis: un rapporto che riferisce di una ricerca svolta dalla Agenzia dei diritti fondamentali dell'Unione europea, pubblicato nel 2009, incentrato sulle minoranze in Europa, il 52% dei 500 immigrati intervistati di origine africana a Malta ha dichiarato di sentirsi discriminati a causa della loro origine etnica, mentre il 64% dei musulmani intervistati si sentono discriminat. [1] Questo livello di discriminazione verso gli immigrati irregolari a causa dell’origine etnica o della religione o per altri motivi, devono aiutare i maltesi a riflettere. Qual è la causa delle loro paure? Sono queste paure basato sulla realtà? Dove queste paure porteranno? 

Una causa del timore è certamente il fatto che Malta sente di non poter far fronte da sola al numero relativamente alto di africani che giungono in barca. Le autorità maltesi si sentono abbandonate dagli altri paesi dell'Unione europea. C'è il timore che essendo Malta molto piccola, queste persone si inserirebbero nel mercato del lavoro maltese e questo avrebbe un effetto negativo sull'economia. Ciò è aggravato dal modo in cui sono raffigurati gli immigrati sui media. 

La politica di porre gli immigrati in stato di detenzione per lunghi periodi di tempo e la loro ghettizzazione che prosegue in grandi centri una volta terminato il periodo di detenzione, centri sovraffollati e situati in alcuni luoghi malsani, non sta aiutando il loro rapporto con i maltesi. L'impatto sulla città come Birzebbuga e Marsa, anche sul paesaggio visivo, è stato forte. Mentre gli abitanti di Marsa e Birzebbuga hanno espresso preoccupazione per il fatto che molti stranieri sono venuti a vivere in periferia, e anche nel centro, gli immigrati vivono in pochissime altre zone. Questa concentrazione di immigrati in un piccolo numero di luoghi è fonte di ostilità verso gli immigrati nei villaggi intorno ai centri di raccolta, ma causa anche l’indifferenza nel resto dell'isola verso i problemi di entramb: gli immigrati e la popolazione maltese che sente che la vita sociale nella loro città è stata ingiustamente interrotta. 

Un'altra causa è la paura dell'Islam. Si percepisce che un grande afflusso di persone che professano questa religione avrà un effetto negativo sulla religione cattolica, predominante a Malta. Questa paura è spesso basata sull'ignoranza dei fatti, anche di una conoscenza di base sull'Islam; pregiudizi storici sull'Islam che hanno le loro radici nella storia maltese; Il modo in cui l'Islam è stato dipinto dai media dopo l’11 settembre; C'è anche il fatto che i maltesi hanno una identità culturale piuttosto omogenea. Con un grande afflusso di persone dotate di culture diverse molti maltesi sentono che la loro identità è in pericolo. 

Gli immigrati africani hanno anche la tentazione di costruire muri di paura e frustrazione. Molti di loro hanno dovuto fuggire regimi oppressivi; rischiando la vita attraversando il deserto e il mare. Molti hanno visto i loro cari e amici morire sulla strada. Quando arrivano a Malta, che è l'Europa che si aspettano di trovare la libertà. Molti di loro vengono con l'illusione che l'Europa è il paradiso sulla terra! Invece sono rinchiusi in carcere per molto tempo e sono poi nei Centri di raccolta sovraffollati. La maggior parte di loro non vuole restare a Malta, ma andare in Europa. Così si sentono frustrati. Essi sono poco motivati ad imparare il maltese e di integrarsi con i maltesi. Si sentono frustrati e incompresi e hanno paura di quello che percepiscono come un ambiente ostile. 

 E' chiaro che molti immigrati irregolari e molti maltesi sono credenti: oltre il novanta per cento della popolazione maltese è cattolica romana [2]. La maggior parte degli immigrati irregolari provenienti dalle imbarcazioni precarie dall'Africa sono musulmani. Tra gli africani c'è anche un gran numero di cristiani. Il pericolo più grande dal mio punto di vista è per entrambi, maltesi e africani, cedere alle loro paure e ancora peggio consentire alle paure di manipolare la fede da entrambi i lati. L'abuso della fede in questo modo crea muri ancora più alti e più forti e legittima l'odio e divisione da una parte e dall'altra. Ciò porterebbe entrambi, maltesi e africani, da nessuna parte e eroderebbe la loro fede e la loro vera identità. 

 E' chiaro che la sfida è per ognuno dei due gruppi quella di approfondire la propria fede in modo tale da entrare in contatto con le radici della propria credenza. Solo in questo modo sarebbe possibile costruire ponti tra loro come nuovi vicini. Il processo dovrebbe portare a un approfondimento della fede e alla scoperta della vera identità di ogni gruppo. 

In questa ultima parte del mio intervento, mi concentrerò su un aspetto che dovrebbe contribuire a questo processo di costruzione di ponti, venendo in contatto con le radici della nostra fede diversa: Un tema centrale che attraversa i testi sacri di tutte le fedi abramitiche riguarda la giustizia. Tutte e tre le fedi abramitiche parlano della responsabilità degli esseri umani di prendersi cura l'uno dell'altro. 

Dio pose Adamo ed Eva nel giardino e ordinò loro di prendersene cura. Nella storia di Caino e Abele, Dio ha inviato il messaggio chiaro che noi siamo, di fatto, i custodi del nostro fratello e della nostra sorella. Nella tradizione dell'esodo dall'Egitto, apprendiamo la risposta compassionevole di Dio per la miseria, l'oppressione e la schiavitù. La legge di Dio non solo invita alla pietà individuale, ma anche alla responsabilità comune per il benessere di tutti. 

Dio non ci chiede di amare solo coloro con i quali siamo intimamente legati, ma ci chiede un amore più difficile. Più e più volte, la Legge ci insegna a ricordare lo straniero, il forestiero, l'orfano e la vedova, quelli più vulnerabili alla fame, alla povertà e alla privazione dei diritti e collega questa istruzione con l'esodo [3] 

“Quando Facendo la mietitura del tuo campo, vi avrai dimenticato qualche mannello, non tornerai indietro a prenderlo. Sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova, perché il Signore tuo Dio ti benedica in ogni lavoro delle tue mani. Quando bacchierai i tuoi ulivi, non tornare a ripassare i rami. Sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova. Quando vendemmierai la tua vigna, non tornerai indietro a racimolare. Sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova. Ricordati che sei stato schiavo nella erra d’Egitto, perciò ti comando di fare questo.” (Deuteronomio 24, 19-22) 

Nella sua nota descrizione profetica del giudizio finale in Matteo 25, Gesù, associando lo straniero agli affamati e assetati, ai nudi, ai malati e ai prigionieri, attira la nostra attenzione sulle precarie condizioni di vita degli stranieri. Gesù non sta predicando la salvezza attraverso le opere in questo testo, ma ci mostra chiaramente che la vera fede in lui si manifesta necessariamente in atti di solidarietà verso i più bisognosi, anche stranieri: “Ero forestiero e mi avete accolto”. 

Gesù afferma questo insegnamento della legge e mette in evidenza il suo pieno significato nella sua parabola del buon Samaritano (Lc 10,25-37). Ha chiaramente collegato insieme questi due comandamenti l’amore il prossimo e l’amore per lo straniero. A quel tempo i Samaritani non erano solo gli stranieri, ma da lunga data nemici degli ebrei. (Cf. Gv 4, 9). 

L'Islam considera sia i testi ebraici sia i testi cristiani sacri, ma è nel Corano che i musulmani trovano la loro guida per la vita. Il Corano considera il dare soldi allo straniero viandante facente parte della sua definizione di giustizia: 

La pietà non consiste nel volger la faccia verso l’oriente o verso l’occidente, bensì la vera pietà è quella di chi crede in Dio, e nell’Ultimo Giorno, e negli Angeli, e nel Libro, e nei Profeti, e dà dei suoi averi, per amore di Dio, ai parenti e agli orfani e ai poveri e ai viandanti e ai mendicanti e per riscattare  prigionieri, di chi compie la preghiera (salat), e paga la Decima (zakat), chi mantiene le proprie promesse quando le ha fatte, di chi nei dolori e nelle avversità è paziente nei dì di strettura; questi sono i sinceri, questi i timorati di Dio.” (Sura 2, 177)

Tutti e tre le fedi abramitiche, poi, chiamano gli uomini ad agire per guarire i malati, prendersi cura dei poveri, accogliere lo straniero e promuovere la giustizia sociale. Se ogni credente a Malta avesse ascoltato le radici della propria fede, avrebbe sentito lo stesso messaggio: Accettate gli estranei. Non abbiate paura di loro. Vedete in essi la loro vera realtà: sono i vostri fratelli e sorelle 

Malta è il più piccolo paese nell'Unione europea. E 'il paese in Europa dove molte persone sono credenti, [4]. Se i credenti a Malta (maltesi e africani) sapessero raccogliere questa sfida di trovare la forza nella propria fede per superare la loro paura degli altri e per costruire ponti reali con loro, Malta allora potrebbe essere un modello e un incoraggiamento per i credenti nel resto dell’Europa a fare lo stesso.

 

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
24 Ottobre 2011

Lo Spirito di Assisi: 25 anni di preghiera per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
24 Luglio 2010

Si tiene a Barcellona, in Spagna, dal 3 al 5 ottobre, il prossimo Incontro di Preghiera per la Pace tra le religioni mondiali: "Famiglia di popoli, Famiglia di Dio"

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
20 Luglio 2016

Le religioni mondiali tornano ad Assisi per dare voce alla sete di pace dei popoli


L'incontro internazionale per la pace si terrà dal 18 al 20 settembre, a 30 anni dalla storica preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
6 Settembre 2017

Perchè le #stradedipace passano per Münster-Osnabrück? Capire un crocevia della storia europea


I 500 anni della Riforma di Lutero e la pace di Westfalia, spiegate in due semplici schede
IT | DE
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi


Conferenza di Sant'Egidio in Russia con i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste
IT | DE
20 Luglio 2016
PERUGIA, ITALIA

Oggi a Perugia si presenta l’incontro internazionale di Assisi per la pace che si terrà dal 18 al 20 settembre


A 30 anni dalla grande Preghiera delle Religioni mondiali. Marco Impagliazzo e il vescovo Sorrentino presenteranno l’evento promosso da Comunità di Sant’Egidio, diocesi di Assisi e Famiglie Francescane
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
15 Ottobre 2017
Herder Korrespondenz
Sant'Egidio: Auf der Suche nach der Gemeinsamkeit
21 Settembre 2017
Credere La Gioia della Fede
Nel 2018 l'Incontro per la pace torna in Italia
16 Settembre 2017
Famiglia Cristiana
La preghiera può spostare montagne di odio
15 Settembre 2017
Kirchenzeitung Köln
Die anstrengende Arbeit am Frieden
14 Settembre 2017
Deutsche Welle
"Dialog der Religionen ist nötig"
tutta la rassegna stampa correlata