change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.

Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamo insieme una tavola larga come il mondo

Tutti i modi per aiutare: i centri di raccolta dei regali, il Rigiocattolo, come donare, come contattarci

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 09:30 | Synagouge Conference Hall (Jevrejska zajednica sarajevo)

Intervento di Augusto Forti



Augusto Forti


Vice Presidente di Ideasolidarité, Italia

Mi felicito con la Comunità di Sant’Egidio per avere incluso nella nostra riunione un tema così importante per la pace: l'educazione a vivere insieme, che vuol dire conoscenza reciproca, che vuol dire tolleranza, che vuol dire Pace.

Da noi in Europa ci sono voluti oltre 6 secoli dalla fine del Medio Evo perché ci fosse più educazione alla pace fra gli stati sovrani e alla tolleranza fra le religioni e le varie ideologie. Ma oggi conviviamo in pace fra cattolici, ebrei, mussulmani -sciiti e sunniti- protestanti, ortodossi e con varie ideologie politiche.

Voglio pure ricordare come l'impegno costante e pervicace per il dialogo fra le religioni e con il mondo laico esercitato dagli amici della Comunità di Sant'Egidio, abbia contribuito non poco all'affermarsi di una educazione alla pace e al dialogo in Europa e in altre parti del mondo.

 Mi pare opportuno, proprio in questa occasione, ricordare uno dei preamboli della carta fondatrice dell'UNESCO, scritta subito dopo la guerra, e che recita:
“Dato che le guerre nascono nella mente dell'Uomo è nella mente dell'uomo che si devono erigere i baluardi della Pace”


Direi che non c'é frase più appropriata di questa per centrare il cuore del nostro dibattito.

Quindi educare alla pace perché prima di incontrarci ci si possa conoscere, e apprezzare con  le nostre diversità che poi sono i fondamenti culturali a cui tutti teniamo.

Questo tema è così importante che, sia a livello internazionale che a quello nazionale vi sono stati riunioni e dibattiti.
  Voglio solo ricordare le riunioni internazionali di Montreal (1993) e dell'Aja (1997 dedicata particolarmente all'educazione per la Pace)
 
Vi sono Organizzazioni Internazionali che si occupano attivamente di questo argomento come la Fondazione per la Cultura della Pace di cui è presidente Federico Mayor già Direttore Generale dell'Unesco.

E poi l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite vi ha dedicato numerosi dibattiti e risoluzioni.

Mi riferisco in particolare alla Risoluzione 52/15
sulla cultura della pace in cui si invitano tutti i governi, le organizzazioni internazionali, e la società civile a orientare le loro attività
“al fine di promuovere e rafforzare una educazione ed una cultura della pace”

Inoltre, sempre l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dichiarò il decennio 2001-2010 decennio dedicato all'educazione per una cultura della pace.

Voglio ricordare brevemente alcuni principii e raccomandazioni del piano d'azione del decennio delle Nazioni Unite.

 “rispetto della vita e promozione della non violenza attraverso l'educazione e il dialogo..”

 “rispetto e promozione dei diritti umani e delle libertà fondamentali”

 “ rispetto dell'uguaglianza e dei diritti fra uomini e donne”

 “ l'educazione, a tutti i livelli, è uno dei mezzi fondamentali per edificare una cultura della pace”

e poi......

“ far sì che i bambini, dalla prima infanzia, ricevano un’istruzione sui valori, comportamenti e stili di vita che insegnino a risolvere i conflitti con metodi pacifici con il rispetto della vita e della dignità umana e con tolleranza e senza discriminazioni”;

infine vorrei ricordare un'ultima raccomandazione particolarmente importante:

“ promuovere la revisione dei piani di studio e dei libri di testo nei vari paesi tenendo conto delle raccomandazioni del piano di azione delle Nazioni Unite sulla cultura della pace....”

Sono tutti punti, ne sono certo, che ritroveremo nel nostro dibattito.

Esiste da una ventina di anni a questa parte, un corpus di esperienze teorico-pratico e centri di insegnamento a vari livelli per l'insegnamento con metodi formali e informali di questa materia.

Ma se siamo qui a dibattere è evidente che molto resta ancora da fare, e Federico Mayor ci ricorda  che una delle cause dello scarso progredire di questa educazione è “lo stato carente in cui si trova il sistema educativo, specie al livello primario,  anche nei paesi ricchi, dovuto alla trivializzazione dei principi etici, alla vacanza della famiglia come centro di valori da trasmettere, alla esaltazione della violenza come appare  da  molte immagini  che i media ci scaricano addosso”

Altre ragioni verranno esplicitate dal nostro dibattito con suggerimenti su come affrontare  questo grande tema, suggerimenti che  la Comunità di Sant’Egidio saprà diffondere in modo adeguato.

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
10 Dicembre 2016 | REGGIO EMILIA, ITALIA

Nella Giornata Internazionale dei Diritti Umani, il Premio per la Pace Giuseppe Dossetti a Sant'Egidio


Assegnato per la realizzazione dei Corridoi Umanitari che finora hanno permesso l’ingresso di 500 profughi in Italia. La cerimonia di consegna del premio oggi a Reggio Emilia
IT | DE
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione


Marco Impagliazzo consegna il premio alle opere più votate dalle centinaia di persone che in questi giorni hanno visitato l'esposizione
10 Dicembre 2016 | SPAGNA

La Comunità di Sant'Egidio tra i premiati del René Cassin 2016 per i corridoi umanitari


#HumanRightsDay
IT | ES

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
La parola di Dio ogni giorno 2017



San Paolo
Martiri d'Albania (1945-1990)



La Scuola
altri libri

11/12/2016
Liturgia della domenica

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri