change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

I Giovani per la Pace parlano lingue diverse ma hanno lo stesso sogno: #periferiealcentro no ai muri e pace per tutti

A Parigi, Madrid, Berlino e Anversa le manifestazioni in preparazione del grande incontro europeo del prossimo agosto a Barcellona

Gli appuntamenti per ricordare Modesta Valenti e quanti sono morti a causa della povertà e della vita per strada

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità

Basilica di San Giovanni affollata di giovani e anziani, senza dimora e profughi venuti con i corridoi umanitari. Marco Impagliazzo: ''Crediamo in una città dove non esiste il noi e il loro, ma dove si può costruire insieme una grande forza di pace''
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 16:30 | Hanika Hall (close to Gazi Husrev-begova medresa)

Contributo di Kayaki



Kansho Kayaki


Buddismo Tendai, Giappone

Sono molto contento di poter partecipare all’Incontro della Preghiera per la Pace di quest’anno, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio. E sono molto onorato per essere stato invitato a parlare qui a Sarajevo, capitale della Bosnia Herzegovina.

E’ la prima volta che mi trovo qui a Sarajevo, ma so perfettamente che nel 1992 ebbe inizio la guerra in Bosnia, in cui si contrapposero i popoli e le religioni, causando anche la tragedia della pulizia etnica.
Nel dicembre del 1995, dopo 3 anni, grazie all’intervento della comunità internazionale, la guerra terminò, ma la Bosnia Herzegovina, pur essendo uno Stato a tutti gli effetti, divenne praticamente un Paese con 2 Stati al suo interno. Da una parte la federazione tra bosniaci e croati, dall’altra parte uno Stato serbo.

Si ritiene che la guerra in Bosnia sia iniziata per motivi inerenti alla presenza di popoli e religioni differenti, ma considerando che nella ex federazione Yugoslava le popolazioni hanno coesistito pacificamente per più di 50 anni, credo che la vera causa del conflitto sia stato l’aggravarsi delle condizioni economiche, che hanno portato la crescita delle paure e delle insoddisfazioni della popolazione, e non problemi legati alle diverse razze o religioni.

Il tema di quest’oggi è “Lo Spirito di Assisi in oriente: le religioni giapponesi sulla via del dialogo”.
Per ereditare lo spirito con il quale, nel 1986, l’allora Papa Giovanni Paolo II invitò ad Assisi i rappresentanti delle religioni del mondo all’ incontro “per la preghiera per la pace”, nell’agosto del 1987 abbiamo organizzato un summit, invitando i leaders delle religioni del mondo al Monte Hiei, dove abbiamo pregato insieme per la pace e ci siamo promessi di lavorare per la realizzazione della pace.
Quest’anno abbiamo celebrato il 25° anniversario, e aveva come tema “Catastrofi naturali violente e il ruolo dei leaders religiosi”.
Ringrazio profondamente quanti di voi hanno dato un forte sostegno alle vittime del terremoto che ha colpito il Giappone nord orientale. Colgo l’occasione per ringraziare anche il segretario generale della Comunità di Sant’Egidio, il prof. Alberto Quattrucci e il responsabile dell’Asia della Comunità, il prof. Agostino Giovagnoli, che sono venuti in Giappone per l’anniversario.

Assisi, dove si è tenuto il primo incontro, e il Monte Hiei, in Giappone, sono molto simili. In primis, sono entrambe circondate dalla natura. In secondo luogo, come San Francesco abbandonò le cose terrene per dedicarsi interamente a Dio, anche i monaci del Monte Hiei, nel loro ascetismo, hanno lasciato tutto alle spalle.

Gli uomini vengono influenzati molto dall’ambiente circostante. Saicho Dengyo Daishi, che fondò il monastero del Monte Hiei, disse “vivere nell’osservanza dei comandamenti è fondamentale, ma vivere in questa montagna, vi porterà naturalmente all’osservanza degli stessi.”
Significa che nella pratica ascetica, è importante sforzarsi di essere giusti, ma è l’ambiente ad essere ancor più importante.
 Sottolinea il fatto che il Monte Hiei è adatto alla pratica ascetica, un luogo dove diventa naturale poter osservare i comandamenti e dove lo spirito acquista purezza.
Anche Assisi ha queste caratteristiche, ed è per questo motivo che Papa Giovanni Paolo II lo scelse come luogo del primo incontro.
In realtà, nel 2007, anno in cui abbiamo celebrato il 20° summit presso il Monte Hiei, abbiamo invitato dei bambini di una comunità bosniaca. Una ragazza di nome Sajida ha espresso il desiderio che nessuno utilizzasse mai più armi e droghe, e che si realizzasse una società in cui tutti fossero liberi e felici di vivere insieme.

Sono fermamente convinto che il “vero” spirito di Assisi consista nel perseguimento e nella realizzazione di questo tipo di società, senza alcuna differenza tra Oriente e Occidente.

Grazie per la cortese attenzione.

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
18 Febbraio 2017
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona il cardinale e l'Imam di Bangui sul processo di pace in Centrafrica: un modello da replicare

IT | ES | DE | FR
12 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Il Patriarca della Chiesa etiope Abuna Mathias a Sant'Egidio: Abbiamo visto come mettete in pratica il Vangelo


L'omelia del patriarca nella basilica di Santa Maria in Trastevere.
IT | ES | DE | PT | HU
3 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Visita del Presidente del Parlamento sloveno Milan Brglez alla Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | DE | PT
30 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Per una Chiesa in uscita: cristiani e pastori per l'Africa riuniti a Roma con la Comunità di Sant'Egidio


Raccontiamo il convegno che in questi giorni ha visto riuniti vescovi africani per una riflessione sulla presenza della Chiesa e sulle sfide da affrontare nel continente "futuro" del cristianesimo
IT | FR
19 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

''L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione'': meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


A Santa Maria in Trastevere per la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani
17 Gennaio 2017

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola


Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio
IT | ES | DE
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
22 Febbraio 2017 | CATANIA, ITALIA

Il ricordo di chi è scomparso si addolcisce nell'amicizia : 'Noi viviamo per strada, ma con voi ci sentiamo a casa'

21 Febbraio 2017 | BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Vi ricordate Moise e Samuel, bambini di strada che avevano ottenuto un diploma? Eccoli qua al lavoro!!

IT | ES | FR | PT
21 Febbraio 2017 | ROMA, ITALIA

La benedizione di una lunga vita: Michele ha compiuto 101 anni! Auguri da tutta la Comunità di Sant'Egidio


Festa grande ieri, con Marco Impagliazzo e tanti amici nella casa dove l'amicizia è "il segreto di una lunga vita "
IT | ES | FR | RU

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
9 Febbraio 2017
Radio Vaticana
Un libro sui 30 anni di "spirito di Assisi", tra storia e profezia
8 Febbraio 2017
Agenzia SIR
Spirito di Assisi: Impagliazzo (Sant’Egidio), “non è passato di moda”
5 Febbraio 2017
Vatican Insider
Lo spirito di Assisi tra storia e profezia
14 Dicembre 2016
Vatican Insider
S.Egidio firma un protocollo con i Carabinieri su pace e diritti umani
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
La parola di Dio ogni giorno 2017



San Paolo
Martiri d'Albania (1945-1990)



La Scuola
altri libri

23/02/2017
Preghiera per la Chiesa

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia