change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola

Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio

Emergenza freddo: in tutta Italia raccolta e distribuzione di coperte ai senza dimora

Come aiutare
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 16:30 | Hanika Hall (close to Gazi Husrev-begova medresa)

Contributo di Komazawa


Hajime Komazawa


Scintoismo, Giappone

Come mi hanno appena presentato, sono Hajime Komazawa, il direttore delle pubbliche relazioni dei Templi Shintoisti. Sono venuto qui per rappresentare lo shintoismo, una religione tradizionale del Giappone.

Innanzitutto vorrei rendere un profondo omaggio a tutto quello che la Comunità di Sant’Egidio è riuscita a costruire e allo stesso tempo vorrei esprimere la mia gioia nel poter condividere con voi lo stesso spirito che ci accomuna, ossia la volontà di realizzare la pace nel mondo.

Il nostro Jinja Honcho, è un’organizzazione che comprende i circa 80.000 templi shintoisti presenti sul territorio giapponese, e ha come obiettivo la diffusione di questa religione tradizionale giapponese e la trasmissione della stessa alle generazioni future.

Il tema di questa tavola rotonda è “lo Spirito di Assisi in Oriente: le religioni giapponesi sulla via del dialogo”. Come tutti voi sapete bene, nel 1986 su invito del precedente papa, Giovanni Paolo II, si svolse uno storico incontro tra i rappresentanti delle religioni del mondo ad Assisi .All’epoca inviammo anche noi dei nostri rappresentanti e abbiamo avuto l’occasione per incontrare i rappresentanti delle varie religioni, e credo sia superfluo aggiungere che quell’esperienza è stata fondamentale per noi dello Jinja Honcho nelle nostre attività di relazione internazionale che sono seguite.

Ereditando lo spirito di Assisi, dall’anno successivo, ogni anno ad agosto i rappresentanti delle religioni giapponesi si incontrano durante il summit presso il Monte Hiei, al quale partecipiamo attivamente.
Inoltre partecipiamo attivamente come membri del comitato del WCRP (World Conference of Religions for Peace) e del World Federalist Movement Japanese Religions Committee, portando così avanti i rapporti con le altre religioni giapponesi all’interno del Paese.
In questo modo, lo spirito che ha animato le persone che si sono incontrate 26 anni or sono, viene tramandato anche nel lontano Giappone e sta alla base del dialogo interreligioso di molte denominazioni religiose e delle conferenze che vengono organizzate .

La storia del dialogo interreligioso in Giappone nasce intorno al VI secolo dopo Cristo, ossia ben 1500 anni fa. All’epoca arrivarono dal continente molte culture, che hanno lasciato numerose tracce nella vita quotidiana giapponese.
In particolare, nonostante storicamente l’introduzione del Buddismo non sia stato un evento storico, il suo avvento non fu di mera trasmissione di una religione. Insieme ad esso arrivarono abitudini, sapere, arte, forme architettoniche di diverse regioni, ovvero la trasmissione massiccia di un corpus culturale.

Così il Buddismo si diffuse in tutto il popolo in sincretismo con lo Shintoismo, religione da lungo tramandata in Giappone. Si può affermare che attraverso l’introduzione del Buddismo, il Giappone ha potuto assorbire le varie culture dei Paesi limitrofi.
Dobbiamo sottolineare che i giapponesi non criticarono né cercarono di eliminare le culture e le religioni che all’epoca arrivarono in Giappone, ma al contrario, riuscirono a introdurle in maniera magistrale, elevando così il livello della propria cultura e il modus vivendi.

Questo avvenne anche quando nel 16° secolo arrivò il Cristianesimo in Giappone, quando la cultura occidentale influenzò la cultura autoctona.

La “magnanimità” dei giapponesi, che accolgono le diversità nel rispetto dell’altro, introducendole nel proprio mondo, credo sia una delle caratteristiche razziali, di cui dobbiamo andare fieri.

Allora ci si domanda da dove ha origine questa “magnanimità”?

Nell’antichità i giapponesi vissero in un ambiente caratterizzato dalle ricchezze stagionali e sempre in stretto contatto con la natura, ricevendone i benefici.
Tuttavia sappiamo bene che la natura, se da una parte dona grandi cose, dall’altra può essere a volte devastante. I nostri antenati, dinanzi alla natura, così mutevole, hanno visto la presenza degli déi, quindi hanno iniziato non solo a ringraziarli, ma anche a rispettarli profondamente.
Nonostante prove a volte molto dure, non hanno mai provato odio per la natura, ma hanno colto queste occasioni per prendere coscienza del fatto che siamo parte integrante della natura. La natura non era quindi qualcosa da dominare, bensì era qualcosa con cui convivere. Da questo modo di considerare la natura e gli dèi, i giapponesi si sono sempre occupati della natura e hanno sempre venerato gli dèi che proteggevano questi posti. E’ qui cha ha origine lo Shintoismo. Grazie al riconoscimento della presenza di tanti dèi, unito al profondo rispetto per la serenità dell’animo delle persone, considerate come un gruppo sociale, è nata la “magnanimità” del giapponese.

Lo spirito con cui si accettava la natura così com’è e veneravano gli déi che riconoscevano in essa, spirito che si trova nel nostro profondo, fu lo stesso anche nei rapporti con le altre persone.
L’accettazione dell’altro così come si presenta, il riconoscimento delle differenze con l’altro, il rispetto verso l’altro, l’approfondire il legame con gli altri, sono tutti elementi della magnanimità giapponese, che viene tramandata ancor oggi.

Negli ultimi anni, i rappresentanti delle religioni del mondo sono passati dal mero dialogo interreligioso all’effettiva collaborazione interreligiosa, per la realizzazione della pace nel mondo. Sono fermamente convinto, che affinché questa diventi ancor più forte e ancor più grande, non solo dobbiamo riconoscere le differenti religioni e culture, ma dobbiamo rispettarci reciprocamente e apprendere gli uni dagli altri. Per poterci rispettare e per poter apprendere gli uni dagli altri, è necessario che il proprio cuore sia aperto agli altri. Significa mettere da parte pensieri egocentrici, per far spazio alla magnanimità per accettare gli altri.

Avendo come base culturale lo shintoismo, nel corso della storia, noi giapponesi abbiamo accolto molte forme di religione e culture, nella collaborazione reciproca e in armonia.
Credo che, relativamente al dialogo interreligioso e alla realizzazione della pace nel mondo, questo possa diventare un caso esemplare.
Solamente realizzando una società in cui le persone condividono i vari benefici, sempre sulla base di uno spirito di armonia, allora potremo veramente ottenere la felicità e la pace.
Noi siamo chiamati ad agire per questo obiettivo.

In ultimo, prego per la salute e le attività di tutti i presenti e vorrei terminare il mio discorso, come rappresentante del Jinja Honcho.

Vi ringrazio per la cortese attenzione.

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
17 Gennaio 2017

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola


Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio
IT | DE
9 Gennaio 2017

Zygmunt Bauman: scompare un grande umanista impegnato nel dialogo tra laici e credenti sulla frontiera del vivere insieme e della pace

IT | EN | ES | DE | FR | RU
21 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

"Una luce accesa da Dio nella notte profonda del mondo" meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
17 Gennaio 2017

A Roma si aprono nuovi spazi per l'accoglienza ai senza dimora. Ma è urgente fare di più


Nel freddo dei giorni scorsi due donne hanno perso la vita. Una veglia di preghiera in loro ricordo
17 Gennaio 2017

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola


Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio
IT | DE
14 Gennaio 2017 | ROMA, ITALIA

Una chiesa diventa casa per i più poveri: san Calisto aperta da Sant'Egidio per l'emergenza freddo


Il comunicato Stampa dell'Elemosineria Vaticana
IT | ES | DE | RU

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
14 Dicembre 2016
Vatican Insider
S.Egidio firma un protocollo con i Carabinieri su pace e diritti umani
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
La parola di Dio ogni giorno 2017



San Paolo
Martiri d'Albania (1945-1990)



La Scuola
altri libri

17/01/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia