change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Sant'Egidio e il Governo Tedesco siglano un accordo per una maggiore collaborazione su pace e lotta alla povertà

Dichiarazione congiunta tra il Ministro tedesco della Cooperazione Gerd Müller e il Presidente della Comunità Marco Impagliazzo

Preghiera ecumenica con Sant'Egidio a San Salvador nel 2° anniversario della beatificazione di mons. Romero

Dona il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio. Non costa nulla ma vale tanto! Basta un numero: 80191770587

Gli ANZIANI ci hanno dato tanto. Ora tocca a noi aiutarli a vivere una vecchiaia felice. GUARDA IL VIDEO, scarica e diffondi IL VOLANTINO E I BANNER
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 16:30 | Mayor Seminar of Sarajevo (Hall Paul VI)

Cercare Dio per ritrovare l’uomo



Serafim


Metropolita ortodosso, Patriarcato di Romania

Ringrazio gli organizzatori del nostro incontro, la Comunità di Sant’Egidio,  per il tema ispirato di questa tavola rotonda: « Cercare Dio per ritrovare l’uomo». Questo sintagma esprime bene una verità fondamentale della fede cristiana, e, credo, di ogni religione. Poiché Dio e l’uomo sono intrinsecamente uniti, non si può separarli : chi cerca Dio ritrova l’uomo e chi si interessa veramente all’uomo scopre in lui il mistero di Dio. Essendo creato « a immagine e somiglianza di Dio », l’uomo racchiude in sé il mistero di Dio stesso ; per questo l’uomo si rivela, si lascia conoscere solo nella misura in cui noi conosciamo Dio, il suo Prototipo, cioè nella misura in cui abbiamo « un’esperienza di Dio ». Qui sottolineo con forza « esperienza di Dio » perché Dio non è soggetto di conoscenza intellettuale o razionale, disincarnata, ma di un’esperienza mistica, esistenziale, che si fa nella preghiera e nella contemplazione. Del resto nel linguaggio biblico « conoscere » significa unirsi alla persona che si vuole conoscere. Così, solo nella misura in cui noi ci avviciniamo a Dio grazie a questa esperienza mistica, ci avviciniamo anche all’uomo, lo conosciamo dall’interno, in maniera esistenziale. E questo ci fa prendere coscienza che siamo di fatto uniti ad ogni uomo, a tutta l’umanità che vive in noi. L’uomo è un microcosmo che ricapitola in sé tutta l’umanità e tutto il creato. Tutto vive nel nostro cuore purificato dalla preghiera e dall’ascesi : gli umani, gli animali, le piante, i minerali, l’universo con le sue galassie e metagalassie.  Niente ci è estraneo. San Paolo descrive bene questo mistero quando dice : « Siamo un solo corpo in Cristo e ciascuno per la sua parte siamo membra gli uni degli altri» (Romani 12, 4). E anche : « Poiché c'è un solo pane, noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo: tutti infatti partecipiamo dell'unico pane.» (I Corinzi 10, 17). E ancora : « Se il piede dicesse: «Poiché io non sono mano, non appartengo al corpo», non per questo non farebbe più parte del corpo.» (I Corinzi 12, 15). Il grande mistero dell’unità si realizza quindi in colui che è unito a Cristo e fa un tutt’uno con Lui.

Tuttavia il peccato ci impedisce di vivere realmente il mistero dell’unità ontologica di tutta l’umanità e di conoscere l’uomo così com’è. Il peccato, soprattutto quando si ripete e diventa passione, sfigura l’uomo, lo degrada e infine lo distrugge. Il peccato rompe o falsifica la comunione con gli altri e rinchiude l’uomo in se stesso, in un universo irreale, menzognero. L’uomo egoista, schiavo del denaro e dei piaceri di questa vita, trasforma anche gli altri in oggetti o mezzi per soddisfare i propri interessi. E questo appunto perché l’uomo non cerca più Dio, dimentica Dio o si mette lui stesso al posto di Dio. Che è l’estrema follia !

In opposizione all’opera dello Spirito che è la realizzazione dell’unità e dell’armonia interiore, l’opera del diavolo, « padre della menzogna » (ed ogni peccato è una menzogna, una irrealtà che si crede reale, una falsa meta) è proprio distruggere ogni unità, seminare la discordia, il turbamento. Così il cuore, in cui si ricapitolano tutte le potenze psicofisiche dell’essere umano, scoppia e si disperde ; non trova più la pace e non è più capace di sperimentare l’amore che lo lega a tutta l’umanità.

Questo è il motivo per cui tutta la vita cristiana è una lotta per purificare il cuore da ogni passione, affinché la grazia possa agire in tutta libertà e realizzare in noi l’unità interiore sinonimo di santità. E’ prima di tutto una lotta per la preghiera. Perché pregare non è sempre facile, proprio a causa della dispersione del nostro spirito preso dalle preoccupazioni di questo mondo. Facciamo spesso l’esperienza disgraziata della dispersione dello spirito durante la preghiera, e ciò impedisce all’intelletto di scendere nel cuore. Non dimentichiamo che lo spirito o l’intelletto (il nous) è un’energia del cuore, e che trova riposo solamente quando « scende nel cuore » mediante la preghiera. Una preghiera puramente intellettuale, che non impegna il cuore per diventare progressivamente una « preghiera del cuore », resta una preghiera superficiale. Una tale preghiera non ha la forza di trasformare l’uomo, di pacificare il suo cuore, di renderlo sensibile per sentire gli altri vivere in lui.

Anche la lotta dell’ascesi è legata alla preghiera, perché nessuno può pregare con il ventre pieno, dicono i Padri. Bisogna digiunare, bisogna condurre una vita sobria in tutto, per avere la buona disposizione di pregare. Altrimenti lo spirito si disperde nelle cose esteriori e si attacca ad esse, o scende nei sensi e accende le passioni carnali.

Anche lottare contro le cattive passioni che ci assalgono senza sosta fa parte del combattimento per la purificazione del cuore. L’apostolo Paolo ci esorta a lottare contro le nostre passioni fino al sangue. « Non avete ancora resistito fino al sangue nella vostra lotta contro il peccato»  (Ebrei, 12,4). Così la lotta ascetica, sostenuta dalla grazia, per la preghiera e la purificazione del cuore da ogni passione cattiva è assolutamente necessaria per ritrovare la libertà interiore e l’unità con i nostri fratelli e sorelle nell’umanità.

Possiamo concludere tornando al titolo di questa tavola rotonda: colui che cerca Dio, trova l’uomo, colui che è unito a Dio è unito anche all’uomo, ad ogni uomo. Non c’è vera comunione tra gli uomini, se non c’è comunione con Dio che è Amore e fonte d’amore per gli uomini. Solo i cuori purificati dalla grazia e dall’ascesi diventano una cosa sola con l’umanità intera e prendono su di sé le gioie e le sofferenze di tutti gli uomini.

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
29 Aprile 2017

Il nostro compito è quello di pregare gli uni per gli altri domandando a Dio il dono della pace


- incontrarci, dialogare e promuovere la concordia in spirito di collaborazione e amicizia.
IT | ES | DE | FR | PT
19 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

È ai piedi del risorto che nasce la fede cristiana - l'omelia del pastore valdese Paolo Ricca

31 Marzo 2017
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra, dopo giorni di dolore, l'incontro e la preghiera con amici senza dimora rafforza l'impegno per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL
24 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Preghiera ecumenica per l'Europa alla vigilia del 60° anniversario dei Trattati di Roma


Basilica dei Santi XII Apostoli alle 19:30. LIVE STREAMING sul sito e sulla pagina Facebook di Sant'Egidio
IT | DE | FR
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi


Conferenza di Sant'Egidio in Russia con i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste
IT | DE
28 Febbraio 2017

L'Abuna Matthias, patriarca della Chiesa etiope, ha scritto una lettera alla Comunità all'indomani della sua visita

IT | EN | ES | DE | FR
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
26 Maggio 2017
Comunicato stampa

Egitto, Sant’Egidio: credenti di tutte le religioni non lascino soli i copti vittime di un attacco disumano

26 Maggio 2017

Nell'anniversario della scomparsa di mons. Loris Capovilla, il ricordo di Andrea Riccardi

26 Maggio 2017 | SAN SALVADOR, EL SALVADOR

Preghiera ecumenica con Sant'Egidio a San Salvador nel 2° anniversario della beatificazione di mons. Romero

IT | ES

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
21 Maggio 2017
Deutsche Welle
Bundesregierung will Religionen stärker in die Pflicht nehmen
14 Maggio 2017

Die "Uno von Trastevere" wirkt auch in Berlin
11 Maggio 2017
Famiglia Cristiana
Il dialogo: scelta non debole ripiego
30 Aprile 2017
Corriere della Sera
L’intervento. Il patto con l'islam che aiuta l'unità tra cristiani
28 Aprile 2017
FarodiRoma
In Egitto l’abbraccio del Papa con il Grande Imam di Al-Azhar: Francesco, fratello caro
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
''Una giornata particolare''



Tau Editrice
La forza disarmata della pace



Jaca Book
altri libri

27/05/2017
Vigilia del giorno del Signore

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia