change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Dona il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio. Non costa nulla ma vale tanto! Basta un numero: 80191770587

Quest'anno lo dedichiamo agli anziani: Ci hanno dato tanto. Ora tocca a noi.

Papa Francesco a San Bartolomeo per pregare in memoria dei Nuovi Martiri. TESTI, VIDEO, FOTO

Un abbraccio di pace: dal mondo intero alcune immagini della Pasqua di Resurrezione

PHOTOGALLERY

 
versione stampabile
11 Settembre 2012 17:00 | Centre of Sarajevo

MEDITAZIONE dell'Arcivescovo Vincenzo Paglia



Vincenzo Paglia


Arcivescovo, presidente della Pontificia Accademia per la vita, Santa Sede

In questo passaggio della prima lettera di Giovanni l’autore ricorda ai discepoli che le prime parole che essi hanno udito sono sull’amore, sull’ “amarsi gli uni gli altri”. Esse non stanno solo all’inizio della predicazione ma al fondamento stesso della fede. Solo a motivo dell’amore fraterno i discepoli saranno riconosciuti come tali e solo nell’amore vicendevole gli uomini possono trovare la salvezza. L’esempio di Caino è particolarmente eloquente. Potrebbe sembrarci un’esagerazione. In verità chi lascia crescere nel suo cuore le erbe amare dell’orgoglio e dell’egocentrismo cade nella spirale dell’inimicizia che porta sino alla violenza omicida. E’ appunto quel che accadde a Caino “che era dal maligno”, come sottolinea la lettera. Gesù non manca di avvertire i suoi discepoli dal pericolo: “Avete inteso che fu detto agli antichi: non ucciderai; infatti chi uccide è sottoposto al giudizio. Io invece vi dico: chiunque s’adira con il suo fratello sarà sottoposto al giudizio. Chi dice al suo fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio. Chi dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna” (Mt 5, 21-22).

L’amore di Gesù, un amore che non conosce limiti, è il principio ispiratore dell’intera vita del discepolo. Chi non accoglie l’amore di Gesù cade nelle spire violente del principe di questo mondo. Non ci sono termini mediani tra l’amore e l’odio: o si sceglie il primo, oppure si diviene schiavi del secondo. Solo l’amore ci libera e ci salva. E’ la verità che siamo chiamati a vivere e il Vangelo che dobbiamo testimoniare a questo nostro mondo che fa fatica a trovare la pace, la giustizia e la concordia. E’ un Vangelo inconciliabile con quella cultura materialistica che sempre più soggioga i cuori degli uomini. Per questo l’apostolo avverte i cristiani: “non vi meravigliate se il mondo vi odia”. Gesù stesso ha vissuto per primo l’opposizione del mondo. E ancora oggi continua ad allungarsi la catena dei testimoni che vivono la loro fede sino all’effusione del sangue. Essi - alcuni di loro li abbiamo conosciuti personalmente - riprendendo le parole dell’apostolo possono dirci: “In questo abbiamo conosciuto l’amore: Egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli”. Sì, questi nuovi martiri sono davanti a noi come coloro che hanno amato “non a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità”. Mons. Romero, arcivescovo di San Salvador, – nell’omelia al funerale di un suo prete ucciso dagli squadroni della morte – diceva: “Il Concilio Vaticano II chiede a tutti i cristiani di essere martiri, ossia di dare la propria vita per i fratelli, ad alcuni lo chiede sino all’effusione del sangue, a tutti con la testimonianza dell’amore”. Pochi mesi dopo veniva ucciso sull’altare.

La via del martirio, ossia dare la propria vita per il Vangelo, è quella che ci viene indicata mentre questo nuovo millennio sta muovendo i suoi primi passi. Ascoltiamo queste parole a Sarajevo, in una città che nel secolo scorso ha vissuto il dramma della guerra e della morte. Al termine di questi giorni, mentre siamo raccolti assieme in preghiera, vogliamo ringraziare il Signore per averci donato sogni di pace. In certo modo siamo stati accolti nello stesso sguardo di Dio che è ben più largo del nostro. Egli, che si è commosso sulla tristezza della condizione umana sino ad inviare il suo Figlio, ci dona il suo sguardo di amore. E noi ora guardiamo questa terra e tutte le terre del mondo, soprattutto quelle segnate dalla violenza, con lo sguardo stesso di Dio. E’ il suo amore che deve vivere nel nostro cuore. Non importa quanto il nostro cuore possa rimproverarci. Quel che ci è chiesto è liberare e non ostacolare l’amore che ci è stato riversato nei cuori. Per questo l’apostolo ci avverte: “Se uno ha ricchezze di questo mondo e vedendo il suo fratello in necessità gli chiude il proprio cuore, come dimora in lui l’amore di Dio?” Lasciamo vivere in noi la visione di pace che ci è stata donata, lasciamo che l’amore di Dio operi attraverso di noi. E cammineremo sulla via dell’amore. Su di essa incontreremo i più poveri. Siano gli amici più cari per tutti noi, i nostri compagni di viaggio. Essi ci assicurano che stiamo sulla via di Dio e che partecipiamo al grande sogno di Dio sul mondo: fare di tutti i popoli della terra la grande famiglia dei figli di Dio.

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
19 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

È ai piedi del risorto che nasce la fede cristiana - l'omelia del pastore valdese Paolo Ricca

31 Marzo 2017
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra, dopo giorni di dolore, l'incontro e la preghiera con amici senza dimora rafforza l'impegno per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL
24 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Preghiera ecumenica per l'Europa alla vigilia del 60° anniversario dei Trattati di Roma


Basilica dei Santi XII Apostoli alle 19:30. LIVE STREAMING sul sito e sulla pagina Facebook di Sant'Egidio
IT | DE | FR
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi


Conferenza di Sant'Egidio in Russia con i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste
IT | DE
28 Febbraio 2017

L'Abuna Matthias, patriarca della Chiesa etiope, ha scritto una lettera alla Comunità all'indomani della sua visita

IT | EN | ES | DE | FR
18 Febbraio 2017
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona il cardinale e l'Imam di Bangui sul processo di pace in Centrafrica: un modello da replicare

IT | ES | DE | FR
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
29 Aprile 2017

Dona il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio. Non costa nulla ma vale tanto! Basta un numero: 80191770587


Quest'anno lo dedichiamo agli anziani: Ci hanno dato tanto. Ora tocca a noi.
28 Aprile 2017

Il papa in Egitto: una sfida di pace a chi vuole lo scontro globale


Andrea Riccardi su Huffington Post
27 Aprile 2017 | ROMA, ITALIA

I corridoi umanitari, volto umano dell'Italia che salva. Tanti i bambini arrivati oggi dalla Siria

IT | DE | PT | RU

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Aprile 2017
FarodiRoma
In Egitto l’abbraccio del Papa con il Grande Imam di Al-Azhar: Francesco, fratello caro
1 Aprile 2017
Avvenire
Armi nucleari. Il realismo efficace del disarmo
9 Febbraio 2017
Radio Vaticana
Un libro sui 30 anni di "spirito di Assisi", tra storia e profezia
8 Febbraio 2017
Agenzia SIR
Spirito di Assisi: Impagliazzo (Sant’Egidio), “non è passato di moda”
5 Febbraio 2017
Vatican Insider
Lo spirito di Assisi tra storia e profezia
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
La forza disarmata della pace



Jaca Book
La parola di Dio ogni giorno 2017



San Paolo
altri libri

30/04/2017
Liturgia della domenica

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia