Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: i video

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - homeless - il pranzo di natale - il pranz... le foto - il pranz...d'avorio contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Profughi, un anno di corridoi umanitari festeggiato oggi con un nuovo arrivo dal Libano

Andrea Riccardi: “Un progetto che coniuga integrazione e sicurezza. No ai muri” - Sono ormai quasi 700 le persone accolte nel nostro Paese dal progetto promosso da Sant’Egidio insieme alle Chiese protestanti italiane

Iniziativa di Sant'Egidio in Ungheria affinchè si fermi l'iter di una legge lesiva dei diritti di migranti e minori

I Giovani per la Pace parlano lingue diverse ma hanno lo stesso sogno: #periferiealcentro no ai muri e pace per tutti

A Parigi, Madrid, Berlino e Anversa le manifestazioni in preparazione del grande incontro europeo del prossimo agosto a Barcellona

Gli appuntamenti per ricordare Modesta Valenti e quanti sono morti a causa della povertà e della vita per strada

27/02/2017
Preghiera per i poveri

Preghiera ogni giorno



Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


ALBUM FOTO


31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage
31 Dicembre 2011

Il Pranzo di Natale 2011 ad Abidjan in Costa d'Avorio


Quest'anno in Costa d'Avorio si sono svolti 36 pranzi di Natale (di cui 12 nella capitale, Abidjan), che hanno visto la partecipazione di oltre 6.600 persone, 1.300 in più dell'anno scorso: dopo la guerra è aumentata la povertà nel Paese, ma anche il desiderio di una rinascita che la Comunità ha festeggiato insieme ai suoi amici poveri. Prima galleria di foto: nella Casa della Comunità ad Abidjan é venuto il nunzio presso la Santa Sede, che di fronte a 600 persone ha ringraziato per "il prezioso lavoro che Sant'Egidio svolge da anni con i poveri, un lavoro di riconciliazione con il resto della società che si lega bene a quello per la pace, portato avanti da anni con generosità in Costa d'Avorio". Molte famiglie del quartiere di Treichville, dove sorge la sede, hanno aiutato a preparare il pranzo. A Tabou, città al confine con la Liberia, dove fino a poche settimane fa si sono registrate forti tensioni, sono venuti ad aiutare alcuni soldati del contingente di pace dell'Onu (di nazionalità del Niger), musulmani che hanno portato doni e si sono seduti alla nostra tavola. A molti pranzi si sono aggiunti bambini di strada e mendicanti non previsti alla vigilia (altro segnale dell'aumento della povertà nel Paese dopo la guerra). Quest'anno è stato alto anche l'interesse dei media per i nostri pranzi di Natale. Quello che si è svolto nella sede é stato ripreso dai 3 più importanti canali televisivi nazionali, mentre una decina di giornalisti di radio e giornali sono andati in altri quartieri di Abidjan per fare i loro reportage



RICERCA

dalla data
alla data
testo da cercare

cerca

AREE GEOGRAFICHE
EUROPA • AFRICA • ASIA • AMERICHE
world map
TAG
Paolo VI social Siria BRAVO Italia Modesta Valenti Peace is the Future Assisi 2016 Spiritualità Libro_Sorpresa-papa-Francesco_Riccardi Ban Ki-Moon Pace Floribert Bwana Chui Esquilino Antisemitismo Marcia della Pace Negoziati di Pace Belgio Vinitaly Ecumenismo clochard Medio Oriente Sant'Egidio America Appuntamenti Barcellona malnutrizione Monaco di Baviera Genti di Pace Primo Maggio Giubileo della Misericordia Donazioni corridoi umanitari Dream Mario Monti Unione Europea Ucraina siro-ortodossi Preghiera per la pace Movimenti ecclesiali Mindanao 16 ottobre Istruzione Mosca Cracovia Genocidio Budapest Angela Merkel case famiglia Liberazione Estate di Solidarietà Globalizzazione Accoglienza Livorno Inghilterra Cooperazione Sicilia Guatemala Tor Bella Monaca Capodanno cinese menekültek Russia Lucca Nazioni Unite Paesi Baschi Filippine Chiesa valdese Immigrazione Grecia Puglia Centrafrica Trieste Afghanistan Pasqua Mensa #mercysummer Primavera Araba Torpignattara Emergenza Freddo Iran migranti Senegal martiri Mediterraneo Romero DREAM Vincenzo Paglia Mercatino Eco-Solidale Anziani GMG Città per la vita SARAJEVO Rigiocattolo 5x1000 Buddismo Colosseo Iniziativa Laudato sì diplomazia Giappone Musica Pranzo di Natale Zimbabwe Messico Pentecoste Dialogo Santa Maria in Trastevere Napoli Carità Disabili Repubblica Ceca Concilio Mafia 16ottobre1943 Dream Milano Europa bambini Africa Jerry Masslo Madrid RIO 2013 Integrazione Dove 2014 Cittadinanza Perù SantEgidioInAfrica Peace Meeting Roma 2013 Civitavecchia Nicaragua Anniversario Rwanda Play Music Stop Violence Guida Dove Dialogo interreligioso Giovanni Paolo II Giovani per la Pace Marco Gnavi Play Music Stp Violence corridoi umanitari #Thirst4peace Ciad Mercatini di Natale Iftar 2015 Germania Educazione alla pace Udienza Tratta di esseri umani studenti Valgo Anch'IO Libano Matteo Zuppi Scuola della Pace Cina Avvento Ortodossia America Latina Rai Due Famiglia sanità Como Papa Kenya Libri Torino Cattolicesimo Mario Marazziti Romania Casamance Cinema Vercelli Convivere Aleppo seyfo Campania Svizzera Liberia Registrazione anagrafica Burundi Terrorismo Spagna violenza Unesco Andrea Riccardi terremoto Firenze Memoria Brasile Padre Pino Puglisi Wine For Life Burkina Faso Gerusalemme ambiente Padova Homeless vittorio ianari Antigitanismo Cristiani Sostenitori Cile Benedetto XVI Economia Emile Poulat Bari Regine Beer Mondo cattolico Capo Verde Palermo #viva gli anziani Infanzia visita #savealeppo milano Expo 2015 Lampedusa Settimana Santa Ruanda Convegno Bambini cristiani orientali Ebraismo Gli Amici Visita di Papa Francesco a Sant'Egidio Colombia Giovanni XXIII Treviso Malawi dream 2.0 Eritrea Olanda El Salvador Marco Impagliazzo Estate, Solidarietà, 2014 Egitto Chiesa Morire di speranza San Marino Salute Togo Disagio psichico Le parole di Papa Francesco omelia Turchia tavola rotonda Lazio Costa d'Avorio Auschwitz Preghiera Parigi Bartolomeo I Pakistan Iraq Festa della Donna Albania Povertà Pena di Morte Haiti Razzismo Emergenze umanitarie Firenze Primavalle Nuovi Europei Tanzania Stati Uniti Presidente della Repubblica Varsavia sounds for peace ecologia Summit Salerno Liturgia sud sudan Indonesia Giubileo Austria Inclusione lavorativa Parma Corea Georgia Kosovo Congo politica internazionale Carcere ONU Ecosolidarietà Argentina Giovani Guinea Conakry Unione Africana intolleranza Bruxelles Mare Nostrum global warming Dove 2015 Nelson Mandela Scuola di lingua Premio Nobel progughi Buenos Aires Estate, Solidarietà, 2013 Daniela Pompei Quaresima Madiba Religione e violenza portogallo Spirito di Assisi armeni profughi Volontariato Natale Assisi 2011 Mozambico Salvador Rifugiati Guinea Bissau Genova Rita Prigmore violenza sulle donne Peru Pavia medio oriente Peace Meeting Antwerpen 2014 Regno Unito spose bambine Senza fissa dimora Catania Etiopia WYD Tunisia Peace Meeting Tirana 2015 Giovani Media Donna Paese dell'Arcobaleno America Centrale Premi Immigrati Rom e Sinti patriarca Kirill Ostia Terni Dove 2016 Crisi Dove 2017 Perugia Arte Terza età Repubblica Popolare Democratica di Corea Francia Gabon Niger Nigeria Novara Aids Eutanasia Adozioni a distanza Viva gli anziani Cuba Sudan Madagascar Libia Benin Bibbia Terra Santa #mercychristmas Bologna Toscana Unità dei cristiani Mali Bhatti esteri Asia Pace in tutte le terre 2015 Roma Udienze Pace in tutte le terre christmas Mario Giro Guerra Solidarietà Olocausto Cristiani perseguitati Estate di solidarietà 2015 #estatesolidali Papa Francesco Polonia Estate Antwerpen Religione Giornata mondiale della Pace #changeyourcity prigioni co-housing #peaceispossible Amicizia Ungheria Chiesa Cattolica Camerun sport Pace in tutte le terre 2014 San Francesco d'Assisi diritti umani Porrajmos Ecuador Calabria poveri Concilio Vaticano II Messina Shoah William Quijano Emergenze Cristianesimo Lesotho Sierra Leone Aiuti umanitari Rigiocattolo2015 Islam L'Aquila Cipro Tirana Sud Africa Mostra Uganda ökumené India Lavoro Zambia Periferie Veneto Peace Meeting Assisi 2016

 {ELENCA_MEDIA_GALLERY_2587}