Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - la comunità - il 40° ...t'egidio - il 40° ...rcellona contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il 40° anniversario a Barcellona


 
versione stampabile

Barcellona (Spagna): Liturgia Eucaristica in cattedrale per la celebrazione del 40° della Comunità di Sant'Egidio

Lo scorso 18 ottobre, si è svolta nella cattedrale di Barcellona una Liturgia eucaristica in occasione del 40° anniversario della Comunità di Sant'Egidio, presieduta dal cardinale Lluís Martínez Sistach. Tanti amici si sono fatti attorno alla Comunità per celebrare questo momento di gioia e di gratitudine.

Omelia dell'arcivescovo di Barcellona,  card. Lluís Martínez Sistach


Siamo radunati nella nostra cara cattedrale basilica di Barcellona per l'eucarestia domenicale. Oggi lo facciamo per rendere grazie a Dio per i tanti doni che riceviamo dalla sua bontà e in un modo speciale per ringraziarlo per il 40 aniversario della fondazione della Comunità di Sant’Egidio. Si tratta di un'associazione di cristiani con approvazione pontificia, presente in settanta paesi del mondo e anche nella nostra diocesi. Con gioia presiedo questa celebrazione come pastore di questa chiesa di Barcellona ed esprimo così il mio ringraziamento alla Comunità per il lavoro que da tanti anni svolge nell'arcidiocesi e per tutto il bene spirituale, sociale e culturale que sta facendo in tanti luoghi nel mondo. Ricordo in un modo speciale il lavoro ecumenico ed interreligioso che svolge, e in particolare, l'Incontro Internazionale per tenere vivo lo spirito di Assisi, dopo quello storico incontro dei leader delle grandi religioni del mondo per pregare per la pace. Mi unisco, cari membri e amici della Comunità di Sant’Egidio, al vostro rendimento di grazie a Dio per il carisma che ha dato al fondatore della Comunità, il nostro caro professore Andrea Riccardi.

Il mondo attraversava dei momenti difficili in quel maggio 68 del secolo scorso, or sono quaranta anni. Si voleva costruire un mondo senza Dio. Si voleva creare un’umanità come se Dio non ci fosse. E fu appunto in mezzo a quella grande convulsione occidentale che la Comunità di Sant’Egidio ha cominciato a camminare, come un piccolo seme che ha dato frutto ed è diventato un grande albero che da frutti buoni e ombra in molti paesi di tutto il mondo. Come ha affermato Andrea Riccardi, “una spinta vitale animava le giovani generazioni a costruire un mondo migliore… Cercavamo un mondo nuovo e abbiamo capito che dovevamo rinnovarci personalmente e costantemente”.

Con questo carisma e la sua diffusione, il Signore ha voluto prendere tantissime persone, come ha fatto con Ciro, nel testo del profeta Isaia che ci ha parlato oggi, per dire a ogniuna di queste persone: “io ti ho chiamato per nome, ti ho dato un titolo sebbene tu non mi conosca".

Per realizzare questo progetto di fede e di amore avete messo in centro alla vostra vita Gesù. Sono entrate nel profondo dei vostri cuori come dono prezioso di Dio queste parole che Egli ha ispirato al profeta Isaia: "Io sono il Signore, e non v’è alcun altro. fuori di me, non c’è dio”. E avete ascoltato queste parole che l’Apostolo Paolo ci ha rivolto oggi: “Sappiamo che siete stati eletti da lui”. Per questo siete gioiosi di essere cristiani e figli della Chiesa. Lo proclamate con un grido di gioia. Oggi c'è tanto bisogno di questo per essere testimoni di Gesù nel mondo, per vivere la felicità che da la fede e per manifestare ai giovani e agli adulti che sono intorno a noi che solo il Signore riempie totalmente di gioia il nostro cuore e da senso gioioso alla nostra vita.


Il carisma che vive la Comunità di Sant’Egidio fa centrare la vita in Cristo e vederlo in ogni persona e in particolare nei poveri, ricordando che Egli ci ha detto che si identifica in un modo preferente con i poveri, i malati, gli immigrati e i bisognosi. Questo vi spinge a vivere la vocazione del “buon samaritano” di coloro che provano situazioni di emarginazione. Per questo i poveri sono diventati gli amici della Comunità, e fanno parte della grande famiglia di Sant’Egidio perché non sono solo assistiti, ma anche acolti con affetto e amicizia.

La fede cristiana vissuta con autenticità spinge sempre a spendersi nel servizio dei fratelli. Così ha fatto sempre la Chiesa. Lo Spirito Santo spinge i cristiani per dare risposta ai nuovi problemi e ai nuovi bisogni che sorgono nella società. La Comunità di Sant’Egidio guarda in un modo speciale l’Africa, questo continente che è così vicino all'Europa, me che vi è poco presente. L’Africa è nel vostro cuore con le sue grandi risorse umane, ma anche dove il materialismo umilia l'uomo con la violenza, la povertà, l’AIDS, il culto al denaro, rendendo confusa l’immagine di Dio.

Nel Vangelo di oggi, Gesù ha dato una risposta piena di sapienza e che è diventata un patrimonio dell’umanità. Alla domanda dei farisei e gli erodiano se era lecito o meno pagare il tributo a Cesare, Gesù, guardando una moneta del tributo in cui c'era la figura di Cesare, risponde: “Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.

Queste parole di Gesù sono diventate una regola di oro per i rapporti tra quello che è religioso e quello che è profano, affinché le persone possano vivere con pieno rispetto il diritto fondamentale della libertà religiosa. E’ anche una regola di oro per i rapporti tra la Chiesa e lo Stato, tra la comunità religiosa e la comunità politica. Si trata di due comunità diverse e autonome con scopi diversi, ma tra di loro ci deve essere cooperazione perché ambedue sono al servizio della realizzazione personale e sociale delle stesse persone.

Il concetto di laicità positiva, sana e aperta, non è qualcosa di strano alla tradizione cristiana. Benedetto XVI ha sottolineato la sua inequivocabile matrice cristiana. Il suo fondamento sta appunto nelle parole della risposta di Gesù ai farisei che abbiamo ascoltato nel Vangelo. E’ ben legittima una sana laicità dello Stato, in virtù della quale le realtà temporali si governano secondo norme che gli sono proprie, senza escludere, però, i riferimenti etici che hanno il suo fondamento ultimo nella religione.

Possiamo osservare che a Gesù chiedono su affari di Cesare, no su affari di Dio. Eppure lui soleva elevare le proprie risposte ad un livello in cui non vivevano coloro che l'interrogavano. Poiché Gesù è venuto a parlare di Dio, parlerà loro di Dio anche se loro non gliel’hanno chiesto. Nella risposta di Gesù, “cesare” è ridotto alla sua legittima dimensione: quella di non essere Dio. Dunque, non è padrone di quei valori intoccabili che sono patrimonio dell’anima (della persona umana) e di cui la persona umana deve fare i conti solo davanti a Dio.

I cristiano stiamo nel mondo, ma non siamo del mondo. Abbiamo delle responsabilità nella Chiesa e nella società. Questo doppio impegno battismale lo vive e lo rende più forte la Comunità di Sant’Egidio, mentre si prende cura della spiritualità e della santità dei suoi membri, spingendoli a vivere tutto questo anche nel lavoro per trasformare le strutture della società affinché crescano nel mondo la pace, la giustizia e la fraternità.

Il 40° anniversario della Comunità di Sant'Egidio


NEWS CORRELATE
21 Novembre 2016

Mons. Vincenzo Paglia ci introduce a "La Parola di Dio ogni giorno 2017". Guarda il video!

14 Novembre 2016

In libreria da oggi "La Parola di Dio ogni giorno 2017" per comprendere e pregare con le Scritture

1 Settembre 2016

1 settembre, memoria di Sant'Egidio. La Comunità che ne ha preso il nome rende grazie in ogni parte del mondo


Monaco dell’Oriente giunto in Occidente, visse in Francia e divenne padre di molti monaci.La Comunità di Sant’Egidio, che ha preso il nome dalla chiesa a lui dedicata a Roma, lo ricorda nella preghiera, in ogni parte del mondo.
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
2 Aprile 2016

11 anni fa moriva #GiovanniPaoloII Gli incontri, le parole e la sua amicizia con Sant'Egidio


Un dossier
IT | ES | PT | CA
10 Febbraio 2016

Auguri da ogni parte del mondo per il 48° anniversario della Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | PT
4 Febbraio 2016

Poveri e amici dei poveri: il popolo di Sant'Egidio celebra oggi il 48° anniversario della Comunità


Il regalo più gradito: l'arrivo della prima famiglia di profughi siriani con i corridoi umanitari. Liturgia a San Giovanni in Laterano alle 18.30, presieduta da mons. Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna
IT | ES | DE | FR
tutte le news correlate

{RASSEGNA_CORRELATE}

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri