Riccardi Andrea: en la web

Riccardi Andrea: en las redes sociales

Riccardi Andrea: revista de prensa

change language
usted está en: home - noticias cómo contactarnosnewsletterlink

Ayuda a la Comunidad

  
5 Marzo 2009

Roma. Basilica de San Bartolomeo. Entrega de una carta autógrafa del Beato Ignazio Maloyan, obispo armenio, a la Comunidad de Sant'Egidio.

 
versión para imprimir

El 5 de marzo de 2009 el patriarca armenio católico, Su Beatitud Nerses Bedros XIX Tarmouni, ha entregado a la Comunidad de Sant'Egidio una carta autógrafa del Beato Ignazio Maloyan, arzobispo de Mardin, víctima de las masacres sucedidas en Turchia en el año 1915, para que sea custodiada junto a la memoria de los mártires y testimonios de la fe del siglo XX, de quienes la basílica es Lugar Memorial. 

En la liturgia de la Palabra, presidida por el patriarca, la "reliquia" ha sido llevada en procesión y depositada sobre el altar dedicado a los mártires y testigos de Asia, Oriente Medio y Oceanía. 

Homilía de S. B. Nerses Bedros XIX, Catolicós Patriarca de Cilicia de los armenios 

Algunas imágenes de la celebración
S.B. Nerses Bedros XIX Tarmouni, Catholicos Patriarca di Cilicia degli armeni  Saluto del Prof. Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio
S.B. Nerses Bedros XIX Tarmouni (Catholicos Patriarca di Cilicia degli armeni) e Don Angelo Romano (Rettore della Basilica di San Bartolomeo all'Isola Tiberina)  Processione
 Deposizione della lettera del Beato Maloyan nella Cappella dedicata ai Nuovi Martiri  in Asia, Oceania e Medio Oriente  Lettera del Beato Ignazio Maloyan
Pasión y muerte del Beato Ignazio Maloyan y de sus fieles.

Ignazio MaloyanIl 1 maggio 1915, dopo la perquisizione infruttuosa della chiesa da parte dell'esercito alla ricerca di armi, Monsignor Maloyan riunisce il clero e rende noto il suo testamento spirituale:

"Vi esorto prima di tutto a fortificare la vostra fede sulla roccia di Pietro e a rafforzare la vostra speranza nella Santa Croce...Da dove proviene il desiderio di vedere il nostro sangue di peccatori mescolato al sangue di uomini giusti e puri? Che i disegni dell'Altissimo si attuino in noi, qualunque sia il modo, anche la deportazione o il martirio. Il mio auspicio più grande è di vedere il mio gregge seguire il mio esempio e restare docili agli ordini della Sede Apostolica. Vi affido a Dio, amati figli, e vi chiedo di pregarLo affinché mi dia la forza e il coraggio di vivere questa vita nella Sua grazia e nel Suo amore fino all'effusione del sangue".

Il 3 giugno, solennità del Corpus Domini, giungono in città le prime notizie sulla deportazione degli Armeni da Dijarbekir nella direzione di Mossul. Monsignor Maloyan celebra la Santa Messa, quando al termine della processione, Mardin viene circondata dall'esercito a cavallo e dalle milizie. I gendarmi percorrono il quartiere armeno e arrestano i notabili (seguiranno, a distanza di poco tempo, altri tre gruppi di deportati, di cui il secondo composto da donne, bambini, anziani).

Mons. Maloyan riceve la notifica del suo arresto insieme a sei sacerdoti della diocesi, accusato di detenzione di armi. Condotto presso la sede della polizia, Mons. Maloyan viene interrogato assieme a 27 membri della sua comunità.

Venerdì 11 giugno, nella solennità del Sacro Cuore di Gesù, viene concessa un'ora ai condannati per prepararsi alla morte. Monsignor Maloyan chiede il permesso di parlare ai suoi. Dopo aver pregato il Signore di donargli la forza e la perseveranza di sopportare il martirio, imparte loro l'assoluzione. Quindi consacra del pane che i deportati avevano con loro, lo spezza e lo distribuisce ai sacerdoti e ai laici presenti.

Monsignor Maloyan viene quindi condotto da solo e a cavallo a Kara-keupru, a tre ore da Dijarbekir. Qui, a 46 anni, viene ucciso con un colpo alla nuca. In tutto, nel primo massacro dei cristiani di Mardin, furono uccise circa 415 persone.


 LEA TAMBIÉN
• NOTICIAS
23 Abril 2017

Homilía del Papa, testimonios e intervenciones en la oración por los Nuevos Mártires. TODOS LOS TEXTOS

IT | ES | FR | PT | HU
22 Abril 2017
ROMA, ITALIA

La oración del papa Francisco por los mártires de nuestro tiempo. Las imágenes de la visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
22 Abril 2017
ROMA, ITALIA

El papa Francisco en San Bartolomé para orar en recuerdo de los Nuevos Mártires. TEXTO, VÍDEO, FOTOS

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
22 Abril 2017
ROMA, ITALIA

En San Bartolomé el Papa bendice la paloma de la antigua iglesia de Alepo

IT | ES | FR | PT
20 Abril 2017
ROMA, ITALIA

El papa Francisco visita la basílica de San Bartolomé para orar en recuerdo de los Nuevos Mártires el 22 de abril

IT | ES | DE | FR | PT | CA | PL
19 Abril 2017
ROMA, ITALIA

Oración del papa Francisco con los Nuevos Mártires en la basílica de San Bartolomé de la Isla el próximo 22 de abril

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
todas las noticias
• PRENSA
16 Mayo 2017
La Civiltà Cattolica

La corruzione che uccide. La storia di Floribert Bwana Chui

10 Mayo 2017
Avvenire

Pakistan. Shahbaz Bhatti, sangue cristiano versato per gli altri

25 Abril 2017
Corriere della Sera

Bergoglio disarmato di fronte alla violenza

24 Abril 2017
Tagespost

Franziskus gedenkt der neuen Märtyrer

24 Abril 2017
L'Osservatore Romano

Nella basilica romana di San Bartolomeo all’Isola Tiberina il Papa prega per i nuovi martiri - Uccisi solo perché discepoli di Gesù

24 Abril 2017
Vatican Insider

Il Papa: “I campi profughi sono campi di concentramento”

todos los comunicados de prensa
• EVENTOS
23 Mayo 2017 | SAN SALVADOR, EL SALVADOR

Oración en memoria del segundo aniversario de la beatificación del Beato Óscar Romero

Todas las reuniones de oración por la paz
• DOCUMENTOS

La homilía de mons. Matteo Zuppi

todos los documentos

FOTOS

435 visitas

424 visitas

442 visitas

500 visitas

492 visitas
todos los medios de comunicación afines
MÁS

Approfondimenti

Basílica de San Bartolomeo all'Isola


Comunidad Armenia de Roma